Tanto per essere imprecisi

Vorrei ritornare sull’argomento del condom abortista, per sottolineare quante domande sono lasciate aperte e quante contraddizioni si evidenziano nell’articolo di Tempi.

Abbiamo evidenziato che i livelli di abortività dipendono da una complessità di fattori, talora tra loro connessi. Tra questi si devono citare la presenza di minoranze etniche, il quadro familiare, alcuni indicatori economici.

Questa affermazione assolutamente condivisibile viene in seguito completamente abbandonata e non si comprende come si integri con la tesi di base dello studio e cioè che l’aumento dell’abortività è legato all’uso del preservativo.

Quando si esamina la percentuale d’impiego della contraccezione reversibile ad elevata efficacia, come la pillola, i cerotti, l’anello vaginale, la spirale e gli impianti sottocutanei di ormoni a lunga durata, non si rileva alcuna riduzione di abortività.

Riduzione rispetto a cosa? A quando questi metodi non esistevano e non esisteva neanche la legge sull’aborto? E rispetto a quali gruppi di soggetti? a quelli che fanno uso di questi sistemi contraccettivi che sono considerati molto sicuri e che quindi si espongono ad un minimo rischio di gravidanza e perciò alla necessità di abortire? O forse rispetto a quelli che non ne fanno uso e che quindi non avrebbero rilevanza nella discussione e non dimostrerebbero nulla della tesi presente?

Se poi andiamo a verificare l’andamento degli aborti con il preservativo, si rileva che laddove il preservativo è più diffuso, là si osservano più gravidanze non programmate e interruzioni volontarie di gravidanza

Si potrebbe anche concordare che il preservativo, essendo un metodo contraccettivo meno efficace rispetto ai metodi a base ormonale, espone maggiormente al rischio di gravidanze indesiderate e quindi forse anche al successivo ricorso all’aborto, soprattutto però se si considera il ricorso alla cosiddetta pillola del giorno dopo, nè più nè meno che un vero aborto. Non si deve comunque dimenticare che il preservativo, soprattutto tra i soggetti più giovani e quindi più promiscui, con buona pace dei nostri amici “astensionisti”, rimane l’unica arma di difesa contro le malattie sessualmente trasmissibili, ancora molto diffuse e che quindi la sua funzione è duplice.

I numeri dell’aborto diminuiscono, ma sono sempre troppi.

Ma non si era sostenuto finora che il preservativo fa aumentare i numeri dell’aborto?

…il comportamento sessuale, come peraltro in molti altri campi, tende a seguire alcuni schemi che gli studiosi hanno esplorato ed in molti casi individuato. Uno di questi è la tendenza a modificare il proprio comportamento sulla base delle conseguenze previste.

E qui si dia il via allo spettacolo pirotecnico. Al termine di uno studio così scientificamente inattaccabile si è giunti alla conclusione che la paura sia l’anticoncezionale migliore. Più scientifico di così!  Andate in pace e non peccate più.

17 pensieri su “Tanto per essere imprecisi

  1. Donbanana

    Salve , vorrei sottolineare che in questo articolo c’è un errore di fondo.
    L’errore in questione è : ci si dimentica che non si debbono avere rapporti sessuali al di fuori del rapporto matrimoniale (inteso come tempistiche , quindi nessun contatto sessuale tra uomo e donna PRIMA del matrimonio suggellato innanzi a Nostro Signore da un Suo Ministro) in aggiunta al fatto che i rapporti sessuali DEVONO avere come unico scopo la PROCREAZIONE.

    Inutile quindi parlare di cose oscene come la contraccezione , essa va contro i dettami della Sacra Bibbia.
    Se volete divertirvi andate a giocare a bocce , il sesso non è un divertimento , è un obbligo : lo è da parte dell’uomo , il quale deve inseminare e generare figli possibilmente maschi e forti , ma lo è soprattutto da parte della donna , che dovrà farsi ingravidare e fare del suo meglio per avere figli maschi e forti , educarli secondo le regole di Nostra Santa Madre Chiesa e renderli dei buoni piccoli cattolici.

    Ancora riguardo la donna : se essa badasse ad essere una buona Madre Cattolica , se pensasse ad occuparsi della famiglia , della casa , della spesa , se si dedicasse a cucinare per il suo uomo e per i suoi figli (soprattutto il pranzo della Santa Domenica!) non ci sarebbero aborti!!!
    Invece? Invece la donna vuole essere pari all’uomo se non superiore , vuole studiare , vuole avere un lavoro , vuole avere l’indipendenza , vuole avere voce in capitolo nelle decisioni che tradizionalmente spettano solo all’uomo.
    Ed ecco quindi che si giunge alla promiscuità , al sesso senza freni e all’aborto.

    Pensateci. Soprattutto voi donne che , vi ricordo , siete nate da una costola di Adamo.

    Rispondi
    1. CagliostroCagliostro

      Caro Donbanana (che nick strano che hai: ti spiace se ti chiamo semplicemente “Donba”?),
      che visione apocalittica che hai.
      Toglimi una curiosità: sei fidanzato o sposato?

      Rispondi
      1. Donbanana

        Cagliostro… già il nome che lei porta è tutto un programma , un vero insulto a tutto ciò che è Sacro e Vero e Divino.
        Non so neanche perchè perdo tempo a risponderle , ci penserà l’Altissimo a lei e allora sarà tutt’un pianto e stridor di denti.

        Ad ogni modo in questo momento il mio cammino spirituale mi impone di non avere compagni femminile ; il che non vedo come possa rendere le mie Verità nel campo della sessualità meno vere , in quanto ci sono state rivelate dal Libro dei Profeti (Mt 12,2 ; Ap 3,30-34 ; oppure vedi le parole di San Cadmio da Lisbona al Consiglio di Brema , 1731)

        Rispondi
        1. CagliostroCagliostro

          Ha ragione caro Donba: credo che rispondermi sia una perdita di tempo perché siamo su versanti troppo lontani.
          Quindi sta compiendo un percorso spirituale? La immagino bene in ordini come quello degli Agostiniani. La ringrazio per il suggerimento della lettura di San Cadmio da Lisbona ma preferisco San Luca o San Bernardi-no.
          Comunque le porgo i miei migliori auguri per il suo percorso spirituale e per le soddisfazioni che potrà ricevere che immagino possano essere di diventare cerimoniere papale o quantomeno il suo chierichetto.

          Rispondi
    2. diego

      questo commento è così colmo di ignoranza, razzismo, sessismo che… lo inserirò nella mia pagina troll di fb. Vedremo come commenteranno i cristiani (quelli veri)!!

      Rispondi
    3. alessandra piccinini

      Vedo signor Donbanana che lei è più realista del re. O in questo caso dovrei dire più papista del papa, visto che Giovanni Paolo II ha svincolato una volta per tutte il sesso, almeno quello all’interno del matrimonio religioso, dal fine porcreatuvo ammettendo anche i rapporti sessuali come espressione dell’amore coniugale e non solo finalizzati a fare figli. Si aggiorni!

      Rispondi
      1. Donbanana

        Ah signora mia , forse lei ignora che Giovanni Paolo Secondo è in odore di eresia.
        Colui che si fece promotore del dialogo interrelogioso non può non esserlo.
        L’Unico Vero Dio è quello Cristiano Cattolico , questa è una verità talmente ovvia e banale da non meritare spiegazione.
        Probabilmente se lei pensasse meno al suo lavoro e più a fare la spesa , a cucinare , pregare e onorare il suo uomo se ne renderebbe conto. E’ un consiglio , lo prenda come tale.

        Rispondi
        1. alessandra piccinini

          adesso non esageriamo col dare dell’eretico a GPII. Non è mica un titolo onorofico che si guadagna per così poco.

          Rispondi
  2. Marcoz

    i rapporti sessuali DEVONO avere come unico scopo la PROCREAZIONE
    Un comportamento da semplice animale. Mi sembra giusto: è la legge di natura.

    la donna vuole essere pari all’uomo se non superiore , vuole studiare
    Non me ne parli, Donbanana. In fondo, che ce ne facciamo di femmine che studiano? Noi le vogliamo chinate, certo, ma mica perché devono stare sui libri.

    Rispondi
    1. marco nicolao

      io l’ho trovato umoristico, anche se, leggendo UCCR e Pontifex poi si dubita di tutto.
      però si chiama DonBanana, ragazzi.
      un filo di senso del ridicolo in questo orizzonte di piombo cattolico possiamo anche concedercelo.

      Rispondi
  3. Remo

    Ma non l’avete capito che è un falso? Già il nome la dice lunga, e poi esprime concetti che neanche il più trolloso cattopiteco sulle pagine dell’Uaar riesce a esprimere. O è un buontempone oppure una reincarnazione di Cajon44 che fa le sue prove.

    Rispondi
    1. Marcoz

      Come tutte le caricature, Donbanana appare più vero del soggetto che ritrae (una disegno caricaturale di Beppe Grillo, per esempio, sembra essere più Beppe Grillo dell’originale). Io mi diverto, a osservare le caricature. E, a volte, anche a parlar loro.

      Rispondi
  4. faunita

    Peraltro, i “civili” paesi dove la contraccezione è vietata o è comunuque quas impossibile avere accesso ai contraccettivi – e pure ai farmaci in generale – sono generalmente gli stessi dove le adultere sono lapidate, così come omosessuali, persone sospette di stregoneria, le bimbe si infibulano ed un neonato su due-tre muore prima d’aver imparato a camminare, così diventa un angioletto in cielo!!!!, suggerirei agli amici nostalgici dei bei tempi andati di trasferirsi ivi… Intanto, sbaglio o sono anche gli stessi dove l’aborto è illegale e viene quindi effettuato da praticone inesperte ed incompetenti (ma il ferro da calza e gli intrugli sono santi e giusti, perché potrebbero ammazzarti o almeno farti andare in punto di morte, se vuoi abortire fallo almeno in un lago di sangue) o a caro prezzo da medici di pochi scrupoli…. Gli stessi paesi dove morire di parto o nel puerperio è una possibilità nient’affatto remota, se non ci pensa l’AIDS a farti fuori, magari col bimbo in pancia (perché lì la Madonna di Medjugorije che ha guarito Luca dall’AIDS non arriva)…

    Tornando in Italia: la vendita di contraccettivi è notevole anche qui. Che anche “cattolici” di varia intensità li usino è qualcosa che solo gli amici dell’UCCR ignorano e mi duole doverglielondire proprio io….

    Rispondi

Rispondi