Cerco un po´ di blu dove il blu non c´é

Cerco un po’ di blu dove il blu non c’è

Quanto sono fuorvianti i pregiudizi…ci predispongono a pensare che quella cosa sarà così o cosà ancora prima di conoscerla, solo per sentito dire, per consuetudine, perchè è sempre stato così.
Io per esempio avevo un mio personale pregiudizio sulla Chiesa Cattolica: pensavo che fosse cristiana. Cristiana nel senso più comune e banale del termine. Quelle cose imparate al catechismo tipo “beati gli ultimi”, “è più facile che un cammello entri nella cruna dell’ago”, i mercanti cacciati dal tempio, fratellanza universale, “date a Cesare quel che è di Cesare”, “non giudicare e non sarai giudicato”, “scagli la prima pietra chi è senza peccato”, la Maddalena che se ne torna a casa indisturbata, eccetera eccetera.
Insomma quell’idea lì di cristianesimo, un po’ bambinesca e ingenua che ora, almeno a seguire gli organi di stampa cattolici, appare nient’altro che uno stereotipo molto lontano dalla realtà.
“Tempi” ad esempio, settimanale di CL, negli ultimi mesi ha preso le seguenti posizioni cristiane nei confronti di alcuni dei temi più scottanti e attuali della nostra vita politica e civile.Per la categoria “beati gli ultimi che saranno i primi” in abbinamento a “è più facile che un cammello passi per la cruna dell’ago che un ricco entri nel regno dei cieli”, il settimanle ciellino, fino a pochi annunci di chiusura stabilimenti fa, ha idolatrato Marchionne (quello che pensava di risolvere la crisi Fiat togliendo la pausa pipì agli operai mentre lui si raddoppiava il misero stipendio), difeso Formigoni (il memores domini con tanto di voto di povertà che faceva vacanze ai Caraibi da 45.000 euro a settimana senza scontrini) e attaccato la riforma sanitaria di Obama (quella che estende il diritto all´assistenza sanitaria a 32 milioni di Americani che ne erano esclusi), nonché, per coerenza, sostenuto, fino a qualche gaffes fa, il candidato repubblicano Romney (quello che “dei poveri non gliene puó fregare di meno).
Per la categoria “tutti gli uomini sono fratelli” in abbinamento con la piú recente “apertura al dialogo” ha definito l’islamismo una religione che “vuole solo sottomessi”, il mondo musulmano come “il posto sbagliato del mondo in cui trovarsi” e “l’islam pacifico … una pietosa bugia”. Aiuto…
Per la categoria “la giustizia non è di questo mondo” ha pubblicato ogni santo giorno una lettera dal carcere di Antonio Simone, vittima innocente della giustizia italiana che si accanisce contro di lui già dal lontano 1994 quando lo aveva arrestato per corruzione (fissati).
Per la categoria “fratello sole sorella luna e tutte le creature”, è a favore della vivisezione e ce l’ha con la Brambilla (non che mi stia simpatica, ma almeno io non l’ho votata).
Infine per la categoria “ama il prossimo tuo come te stesso” ha denigrato quotidianamente i pervertiti malati di sesso deviato e pericolosi per la società e la morale pubblica… ma no cosa andate a pensare, non i preti pedofili…gli omosessuali. Soprattutto quelli che vogliono sposarsi e, vade retro Satana, addirittura adottare un bambino. D’altra parte la Chiesa Cattolica che conosce bene i bambini è certa a riguardo: i piccoli abbandonati preferiscono di gran lunga starsene in un orfanatrofio russo, nelle fogne di Bucarest o anche essere mangiati da un leone in Burkina Faso, piuttosto che finire in una famiglia di culattoni.
Liberiamoci dai pregiudizi e guardiamo in faccia alla realtà. Poi torniamo ai pregiudizi.

.

11 pensieri su “Cerco un po´ di blu dove il blu non c´é

    1. alessandra piccinini

      Sì lo so la sperimentazione scientifica per ora non ne può fare a meno, ma ci sarà qualche altro modo a cercarlo… il mio cane è un po’ preoccupato

      Rispondi
    2. Betta

      La vivisezione, ammesso e tutt’altro che concesso che sia indispensabile in ambito scientifico, certamente non è vitale in ambito cosmetico, ad esempio. Non è vitale che io lavi i piatti con un gel che contiene la sostanza XYZ, potenzialmente nociva per me e certamente fonte di guadagno maggiore per chi la introduce nel detersivo. Ci sono modi affidabili e non cruenti per testare tutto o quasi. Non usarli e crudele ed inaccettabile, senza se e senza ma.

      Rispondi
  1. faunita

    Se penso che una mia carissima amica e collega è musulmana (eppure i suoi genitori l’hanno incoraggiata a studiare all’università, fare l’Erasmus, lavorare, e sono così fieri di lei, come i miei di me – e tutto sommato il velo hijab, intonato ai vestiti, è un bell’accessorio di vestiario), che tanti miei amici sono gay (e, nella vita di tutti i giorni, medici, persone straordinarie), che nessuno di noi è milionario (eppure non ci manca niente) e tanto io quanto il mio ragazzo quanto le nostre famiglie amiamo gli animali…. Mah, devo ritenere che la mia attuale felicità sia dono del demonio, visto che non sono cattolica?

    Rispondi
    1. caterina

      Io invece sono una ex donatrice di sangue (ex perché per motivi di salute non posso più esserlo) con carissimi amici Testimoni di Geova.
      Con buona pace dell’articolo comparso su Pontifex.
      Eh, il mondo è strano.

      Rispondi
  2. CagliostroCagliostro

    Cara Alessandra e cari tutti,
    prima di tutto sono sempre contento di leggere l’articolo di qualcuno nuovo.
    Per il resto sappiamo bene che Comunione e Liberazione ha gravi problemi ed attualmente – oltre a continuare a fare pressione su temi a cui sono direttamente interessati (Fiat ad esempio oppure – ti lascio immaginare perché – la riforma della giustizia) paventano temi come il matrimonio omosessuale (che spesso collegano erroneamente all’incesto o alla poligamia: una sciocchezza colossale) per distogliere (o tentare) l’attenzione da argomenti su cui certamente sono più in imbarazzo.
    A proposito: hai visto che non hanno speso neanche una parola sullo scandalo dei fondi Pdl alla Regione Lazio? Forse non se ne sono accorti?

    Ps: Tempi ha ricevuto per il 2010 (ultimi dati disponibili) un finanziamento pubblico di 439.450 €

    Rispondi
    1. alessandra piccinini

      Sì me ne sono accorta, ma d’altra parte, come diceva mia nonna, ad andare attorno alla merda si solleva la puzza… se poi la puzza è la propria….

      Rispondi
  3. diego

    anch’io avevo quei pregiudizi: credevo che la chiesa aiutasse i poveri, i bisognosi, gli emarginati in nome della carità dell’amore ecc.ecc., ma ora ho messo la testa a posto, sono libero da quei pregiudizi.

    Rispondi
  4. Faggot79

    Io invece pensavo che i gay vivessero solo per innamorarsi, trovarsi un compagno, sposarsi, adottare bambini e crearsi una famiglia felice.
    Poi mi sono svegliato e ho capito che si trattava solo di un brutto incubo xD

    Rispondi

Rispondi