20 settembre 1870. mai dimenticare.

Oggi prendo in prestito dal contenitore di pattume, il sito pontifex, soltanto l’abitudine di marcare i giorni con i santi corrispondenti. Io non ho molte date da ricordare, i compleanni dei miei cari, la data del mio compleanno, le date che hanno segnato la mia carriera professionale.

Oltre a queste date ricordo sempre il 20 settembre. Per me questa e’ una data simbolo. Il simbolo delle idee, del progetto e del sogno che tanti uomini e patrioti italiani hanno tenuto vivi per quasi 200 anni. Il sogno non era soltanto unire l’Italia sotto un unico re della casata Savoia. Il sogno era rendere l’Italia un paese moderno, laico e liberale (notate che uso la parola liberale nella sua accezione piu’ anglosassone “liberal”).

Per fare questo era necessario mettere il Vaticano e la Chiesa Cattolica al suo posto. La frase simbolo di questo concetto fu pronunciata dal Conte Camillo Benso di Cavour “Libera Chiesa in Libero Stato“. Nessuna frase avrebbe potuto meglio esprimere l’oceano di implicazioni che quest’idea portava con se.

I preti ed i cattolici hanno sempre rimproverato ai laici liberali la volonta’ di “distruggere la chiesa”. Mai affermazione fu piu’ falsa. Nessuno vuole distruggere nulla. L’ideale che ha mosso i patrioti di allora e che dovrebbe muovere anche la societa’ di oggi e’ che la religione cattolica e’ una delle tante esperienze dell’uomo e non l’unica, che le regole ed i dogmi di qualunque religione non possono essere imposti all’intera societa’ che, invece, e’ composta di persone che hanno e vogliono esperienze diverse.

La breccia che fu aperta a Porta Pia 142 anni fa e’ una breccia simbolica che molti vorrebbero richiudere. Una breccia nel muro dei dogmi ciechi, della superstizione, dell’intolleranza, dell’incapacita’ di vedere una societa’ pluralista. I bersaglieri che attraversarono quella breccia non erano solo i soldati di casa Savoia anche se e’ ovvio che ci fosse un disegno politico e militare. Quei bersaglieri erano anche il compimento del sogno di tanti pensatori e patrioti italiani.

Dopo 142 anni dobbiamo avere la capacita’ di ricordare quel giorno ed il suo significato per la societa’ italiana e anche di raccogliere l’eredita di quei bersaglieri perche’ ancora oggi il sogno non e’ ancora realizzato completamente ed in molti, troppi, vorrebbero richiudere la breccia di Porta Pia.

buon 20 settembre a tutti voi

 

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

4 pensieri su “20 settembre 1870. mai dimenticare.

  1. FSMosconiFSMosconi

    E pensare che sulle Ultimissime dell’UAAR ci son i soliti due troll che caldeggiano al complotto anti-ecclesiastico nella migliore tradizione reazionaria.
    Contenti loro…
    http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif

    Rispondi

Rispondi