santificazioni e dogmi

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

6 pensieri su “santificazioni e dogmi

  1. adminadmin

    Beh così come la Goretti viene usata come un esempio di “donna virtuosa”, potremmo allora affermare che nel 1950 si è completato il suo stupro: la sua memoria è stata abusata per gli interessi del Vaticano. Metaforicamente, ovviamente. Ma si è completato quell’abuso cominciato due giorni prima della morte di questa bimba innocente.

    Rispondi
    1. paopao

      assolutamente daccordo con te admin.
      Non hanno nessuna pietá e nessun riguardo quando si tratta di strumentalizzare la tragica morte di una bambina per i loro scopi propagandistici.
      Sono peggio degli avvoltoi!

      Rispondi
  2. adminadmin

    L’articolo di “DentroSalerno” a cui fa riferimento Sandro (notate che risale al 2010).

    http://www.dentrosalerno.it/web/2010/05/01/rettifica-di-informazioni-sbagliate-sul-conto-di-don-stanzione-sul-sito-demata/

    Ci piace osservare che Strazy scarica tutta la colpa su Brunello ed afferma che è lui a pagare il webmaster. Pagare il webmaster? Ma Carletto non svolgeva il suo compito “pro bono”?
    Sembra di sentire le “olgettine”: impegnate a mentire, perdono di vista le balle delle altre ragazze, realizzando involontarie situazioni tragicomiche…

    Il “sito Demata” citato da don Strazy.

    http://demata.blog.espresso.repubblica.it/demata/2010/04/l-antisemitismo-i-vescovi-la-pedofilia-e-pontifex.html

    Rispondi
  3. paopao

    Il dovere principale di una donna aggredita é quello di sopravvivere e non quello di salvare la “verginitá”.

    Diciamolo anche a quegli eunuchi repressi che si masturbano sadicamente scrivendo/pubblicando enormi cazzate sulla morte atroce di una bambina violentata.

    La seconda parte del mio pensiero é impubblicabile…ma cari pontifeSSi, é un augurio che vi faccio con tutta me stessa, anche in nome di tutti i bambini/e e donne, uomini violentati di cui vi prendete gioco!

    Rispondi

Rispondi