la verita’ fa male

La verita’. Deve essere questa la causa dei tanti mal di pancia che affliggono Bruno Volpe, avvocato e giornalista barese 50enne del quartiere Murat concittadino di B.V., avvocato barese 50enne del quartiere Murat arrestato l’anno scorso per stalking su una ragazza 26enne.

Da quando e’ stato diffuso l’epistolario papale sul libro del giornalista Nuzzi, Bruno Volpe non fa che frignare sulla lesa maesta’ papale. Volpe non riesce ad accettare che qualcuno abbia fatto il giornalista per davvero. Scrive di furti, di inganni, di scarsa etica professionale. Da quale pulpito! Da Bruno Volpe? Un giornalista che pubblica interviste su un blog additato da mezzo mondo come un covo di neofascisti, interviste che pochissimi riescono a leggere fino in fondo perche’ fanno venire il voltastomaco. Bruno Volpe arriva a scomodare Corrado Carnevale, Giudice di Cassazione anche conosciuto come ammazzasentenze, giudice tanto caro, negli anni passati, ai boss mafiosi.

Bruno Volpe, ha presente il caso Watergate? Ha presenti le inchieste dei tanti giornalisti russi poi uccisi dal regime di quel brav’uomo tutto di un pezzo di Vladimir Putin? Ecco. Nuzzi ha fatto il suo mestiere ed ha messo allo scoperto un pezzo di verita’. Quale verita’? La verita’ che tutti gia’ sapevamo, ovvero che il Vaticano e’ un covo di traffichini, ruffiani, zozzoni e intrallazzatori. La verita’ che al Vaticano gli uomini della santita’ si comportano come, se non peggio, dei dittatori sudamericani che hanno tanto hanno sostenuto ed incoraggiato negli anni passati.

Cosa c’e’ Bruno Volpe? La verita’ fa male? Probabilmente si, visto che dopo un anno ancora non ci ha detto la verita’ a proposito del suo concittadino, B.V., avvocato barese 50enne del quartiere Murat arrestato l’anno scorso per stalking su una ragazza 26enne.

Cosa c’e’ Bruno Volpe? La verita’ fa male?

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

12 pensieri su “la verita’ fa male

  1. Caffe

    Sandro, sono d’accordo con Caterina, noi stiamo sempre a denigrarli, ma su quel sito riescono ad intervistare in esclusiva personaggi del calibro di Pippo Franco e Donna Assunta, per non citare alcuni loro inviati strappati ai servizi giornalistici della Rai, come Topo Gigio, membro onorario del Ku Klux Klan di Orvieto e attualmente corrispondente di Pontifex da Topolinia.
    Non ho mai risparmiato critiche ai nostri dirimpettai, ma quando è il caso, dobbiamo avere l’umiltà di fare loro i nostri complimenti!

    Rispondi
      1. adminadmin

        Perchè scrivi “voi”? Dovresti scrivere “noi”, a meno che tu non ti senta Pontifessa! 😉

        Scherzi a parte, hai ragione: noi non abbiamo tutti quei papaveri che regolarmente compaiono sulle pagine Pontifesse. Ce ne faremo una ragione… 😀

        Rispondi
        1. Betta

          Come sempre saltando di palo in frasca, qualcuno ha avuto voglia di spendere dieci minuti per leggere il capolavoro sullo scoop del presidente gay?

          Al di là della prolissità insostenibile, è proprio l’operazione che ci sta dietro la cosa più deprimente. O divertente, dipende dall’umore.

          Rispondi
          1. adminadmin

            Not yet. Siamo troppo impegnati a ridere dopo aver letto il brano in cui Carletto ci racconta di quando era demonologo peccatore… 🙂

  2. Betta

    Alla prossima pausa caffè mi vado a leggere quella del demonologo peccatore: ho scoperto che leggere i pontifessi è l’unica cosa che mi rende tollerabile la vista di un mio collega. Com’era il detto? nulla dà l’idea dell’infinito quanto la stupidità (e i pontifessi, e il mio collega detto Tarquinio il Superfluo).

    Rispondi

Rispondi