Un’altra toccante testimonianza

Ecco a voi un’altra testimonianza, rilasciata, come si suol dire “col cuore in mano” da un uomo sensibile e coraggioso che non teme di raccontare la propria storia.

Cari amici di Pontilex.org,

mi chiamo Carneade e scrivo per replicare ai Vs. vili attacchi al sito al quale, io debbo la mia salvezza e la mia felicità.

Sono l’ultimo di dodici figli e sono stato allevato nel timore di Dio. I miei  genitori non hanno mai permesso che televisione, giornali, libri blasfemi, cosmetici, cellulari, arricciacapelli, bigodini, idee, mode e vestiti indecenti entrassero in casa.

Mi hanno anche mandato in una scuola religiosa perché non venissi contaminato dal laicismo cattomassonico delle scuole pubbliche e non imparassi dottrine menzognere come la teoria dell’evoluzione o quella eliocentrica e non mi mescolassi a piccoli laicisti (forse nemmeno battezzati!!!) di cui Satana avrebbe potuto servirsi per tentarmi, magari con la scusa di scambiare le figurine.

Immaginate quindi il dolore della mia famiglia (e mio!) quando, fin dalla più tenera età, ho realizzato – con vivo sconforto! – che mi piacevano i maschietti. Avevo qualche sospetto di non essere “normale” visto che preferivo fare pipì da seduto, specie al mattino quando ancora cascavo dal sonno, ma crescendo fu impossibile negarlo. Mia mamma mi sorprese, a 14 anni, a scrivere con lo spray (rosa) sul citofono di casa “Carneade + Pilade 3MSC” e, povera donna, che dolore fu per lei!!!

Eppure, mio babbo ha educato me e gli altri undici fratelli in modo virile, con rosari di ceffoni, ore ed ore di preghiera in ginocchio sui ceci, ci ha mandati a zappare i campi all’alba (ed io fin da piccino mi spaccavo le palle a farlo, indizio, ahimè, delle impurissime tendenze omosessualiste già latenti… meditate, gente!) anche sotto la pioggia ecc. ecc.

Purtroppo non c’è stato niente da fare. Né le preghiere, né il cilicio che i miei hanno iniziato ad usare – e hanno imposto pure ai miei fratelli ed al parentado – né i digiuni né le preghiere a tutte le madonnine miracolose conosciute hanno sortito effetto. Io, Carneade, figlio di due bravi cristiani, ero gay. Una condizione davvero senza ritorno. Condannato all’inferno per direttissima.

Per dirvi quanto fosse grande il dolore dei miei: mia mamma, dopo che tutte le preghiere, le mortificazioni ecc. non avevano sortito effetti, era talmente disperata da meditare di rivolgersi persino ad una fattucchiera dai capelli rosso paprika che aveva promesso di risolvere tutto in cambio di 3000 euro, usando rametti d’edera e sale!!! Ah, questi blasfemi operatori diabolici che sfruttano la disperazione della gente!

Ma torniamo a noi: nel frattempo, io ero adolescente, mi disperavo, piangevo in continuazione, non avevo uno straccio di amico perché i miei compagni di scuola mi evitavano (giustamente!!!) in quanto peccatore, ero convinto di andare all’Inferno e di dover scontare terribili castighi per la mia condizione.

Grazie a Dio, un giorno a scuola (i miei genitori non avevano il PC a casa, per evitare che qualche figlio potesse andare su siti pornografici omosessualisti o altro) nell’aula di informatica capitai (ah, fu una vera ispirazione divina!!) sul sito che Voi tanto dileggiate. Il mio sollievo fu indescrivibile.

Pensate: solo questo: leggendo quelle pagine ho scoperto di non essere il solo omosessuale al mondo ma, anzi, che di peccatori come me ce n’è uno sciame. E che uno di loro è addirittura diventato presidente di una Regione (confesso di aver faticato a capire cos’è una Regione, i manuali scolastici erano fermi al Sacro Romano Impero… ma mi sono documentato!) …

E fosse solo questo! Dopo due o tremila pagine sul tema delle donne peccatrici ecc. mi sono sentito così fiero di essere omosessuale e, quindi, di non correre nemmeno il rischio di trattare le donne come oggetti sessuali o di metterle incinte rischiando di provocare aborti. Ho scoperto un lato nuovo e fantastico di me: non ero promiscuo, vizioso, drogato, malato ed egoista… che bello! Ho addirittura saputo grazie al sito (non secolarizzato) di cui sopra dell’esistenza dei mobili Ikea, della masturbazione, del sesso orale,della cronaca nera, della televisione… tutte scoperte davvero fantastiche!

Finalmente ho capito quale fosse il mio problema: ero un pontifesso! (ed ero anche sovrappeso e parecchio!!!)

Da allora, o peccatoribus, la mia vita è cambiata di 360° gradi: sono andato via di casa, mi sono laureato, ho fatto l’Erasmus, ho girato il mondo, perso 20 chili, fatto il dj, il modello e l’attore, abito in un superattico di 700 metri quadrati a XXX (ometto il nome della città per timore che la lobby omosessualista-relativista-abortista-massonico-satanica possa farmi pedinare o altro, o magari lasciarmi fegati sul citofono, ché sono vegetariano) ho avuto un sacco di amori con una paccata di divi che ora non sto ad elencarvi, non mi sono fumato manco una canna, sono pieno di amici, faccio 2 ore di palestra tutti i giorni, ecc. ecc.

Se non fosse stato per il sito di cui sopra, a quest’ora starei ancora a piangermi addosso, mangiarmi le unghie e sbirciare il mio pustoloso compagno di banco… vi piacerebbe eh?

Cordialmente,

il Vs. Carneade.

Che aggiungere ancora, amici, a questo eccellente esempio di ravvedimento?

Post scriptum: grazie agli admin. tutti per avermi dato la possibilità di collaborare con voi.

36 pensieri su “Un’altra toccante testimonianza

  1. faunita Autore articolo

    Amici cari, così mi fate arrossire (ed il rosso è il colore del demonio, delle passeggiatrici ed anche delle finte pesche all’alchermes che mi piacciono un casino!!!) … il merito va tutto a Carneade ed alla sua ferma volontà di cambiare… speriamo solo che adesso non vada più a scrivere dediche amorose con lo spray sui citofoni altrui!!!

    Rispondi
  2. faunita Autore articolo

    Hmm… ora che ci penso giusto sabato ho acquistato un abito rosso purpureo… liturgicamente appropriato o diabolicamente tentatore (posto che anche il mio fidanzato lo ha trovato bellissimo, il che dimostra che dietro la stazza da palestrato e la barba c’è in agguato un omosessual-omosessualista latente, pronto a rubarmi i reggipetti imbottiti e le zeppe per pavoneggiarsi al prossimo gay pride)???

    Il turchino mistico non mi dispiace, ma essendo io piuttosto pallida (sicuro indizio di possessione diabolica) temo “mi spenga”….

    Rispondi
  3. francesco t

    vorrei ricordare che queste testimonianze sono VERE E VERIFICATE, e quindi INCONFUTABILI.
    inoltre, hanno una validità scientifica maggiore di qualsivoglia ricerca scientifica.
    pontifex insegna.

    Rispondi
    1. adminadmin

      Inoltre occorre ribadire che queste testimonianze non sono MAI state smentite! Eppure circolano in rete da molto, molto tempo!
      Quindi sono certamente vere!

      Rispondi
          1. Caffe

            Confermo tutto, la verità è questa, non c’è dubbio, lo giuro sulla testa di Bruno Volpe. (come fosse un figlio di Berlusconi).

  4. Alessandro M.

    Cari amici pontilessi, voglio condividere con voi una bella notizia sul tema che mi è arrivata oggi.

    Un mio amico gay (per motivi di privacy chiamiamolo… Bruno… un nome scelto a caso…) è fidanzato da 4 anni con un altro mio amico (che, sempre a caso, potremmo chiamare Carlo).

    Carlo finora aveva fatto outing solo con la madre, temendo la reazione del padre, una persona molto tradizionalista e senza i mezzi culturali (teoricamente) necessari per la comprensione dell’omosessualità di un figlio.

    Ho detto “teoricamente” non a caso.

    Ieri Carlo ha fatto outing con suo padre. Ed il padre non l’ha presa male. Anzi. Ha chiamato Bruno, per invitarlo al battesimo della loro nipote come fidanzato del figlio.

    Questa notizia mi ha fatto iniziare bene la giornata, e spero possa far piacere anche a voi leggerla

    Rispondi
    1. Andrea Laforgia (coi controcazzi)

      AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!

      TRAGGEDIAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!! DUE GAY IN CHIESA AD UN BATTESIMOOOOOOO??? AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHH!!! ANATEMA SU DI LORO!!!

      CHE SI APRANO LE ACQUE BATTESIMALI!!!! CHE LA CHIESA SIA SCONSACRATA!!!! CHE IL PRETE SI DENUDI!!!! CHE LE OSTIE SI USINO COME FRESBEEE!!!

      AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHH!!!!! ANATEMA SU VOI PECCATORI CONTRO NATURAAAAAAA!!!!! QUESTO VOSTRO ATTO BLASFEMO URLA VENDETTA AL COSPETTO DEL GRANDE PUFFO!!!!!

      Rispondi
      1. adminadmin

        Grazie Andrea… 😀

        Lasciamo che l’oblio avvolga i post di Deborah… Abbiamo tante altre belle cose (a partire dai cannoli e dalle minne) di cui parlare. Cose molto più edificanti degli insulti gratuitihihi 🙂

        Rispondi
  5. faunita

    Ragazzi, codesta umile peccatrice vi ringrazia di cuore… Anche a nome del coraggioso Carneade… Che peraltro Vi fa sapere d’aver perso il vizio di scrivere dediche amorose sui citofoni altrui con lo spray rosa. Ora le scrive sempre sui citofoni, ma a penna stilografica (molto più glamour)!

    Vi mando baci ed offro virtualmente a tutti un vassoio di “minne di S. Agata” la cui ricetta ho or ora scoperto e bramo di mettere in pratica….

    Rispondi
    1. adminadmin

      Vi mando baci ed offro virtualmente a tutti un vassoio di “minne di S. Agata”
      E mettere i link non è più clasificato tra le buone abitudini? 😉

      Rispondi
          1. faunita

            Pasta frolla e glassa e ciliegina (peccaminosa) finale… Gnam gnam gnam… La pasticceria meridionale (quella siciliana in particolare) è qualcosa di soavemente buono!!!
            Ho addirittura assaggiato una variante delle “minne di S. Agata” a base di Pan di Spagna e marzapane….!

          2. adminadmin

            Mi ispirano quelle a base di PdS… Forse perchè non mi viene mai come quello della pasticceria.

            A rischio di mettere a repentaglio la mia immagine di maschi alfa, devo ammettere che tra i miei dolci preferiti ci sono i cannoli!
            Ovviamente quelli riempiti al momento, in pasticceria, a due passi da Palermo… 😀

  6. faunita

    Ps. Ho appena letto una testimonianza di “guarigione” (se raccontassi di come nel dicembre 2003 guarii da una straspaventosa influenza con vomito tipo la bimba dell’Esorcista, ma non sarebbe edificante, temo) no? Mi ha lasciata un pochetto perplessa.
    Insomma: un ragazzino assiste a tradimenti paterni e a frequenti liti domestiche, sceneggiate, addirittura i genitori che si mettono le mani addosso (orrore puro). Shock non da poco e delle conseguenze di questi traumi è piena la letteratura scientifica e, purtroppo, anche la cronaca nera. Fatto sta che, assistendo a queste scene inqualificabili il giovane inizia a maturare pensieri che – sarò cretina? – ritengo assolutamente condivisibili, del tipo “da grande mai e poi mai tratterò una donna come fa mio babbo con mia mamma” “cercherò di far felici le donne con cui avrò a che fare” ecc.
    Segue il solito catastrofico sfascio familiare, solita crescita in ambiente “solo femminile” ed omosessualità…
    Va beh a parte tutto, ma davvero pensare che l’altro sesso (maschile o femminile) vada trattato con rispetto “induce” a comportarsi come uno del sesso opposto e quindi rende omosessuali????

    Bah……….. Il fallimento di un matrimonio è una vicenda dolorosa ancorché frequente, ma penso sia più sano crescere con i genitori separati e sereni che non assistere a liti o peggio (magari rinnegate e celate d’ipocrisia), spesso crescendo con idee confuse e dolorose sui rapporti umani e le modalità di approcciare il prossimo….

    Rispondi
    1. adminadmin

      Ma i cannoli siciliani, con il loro ripieno cremoso e biancastro, sono cattolici oppure eretici?
      Le minne sono sicuramente eretiche, con il candito che svetta in cima, come un capezzolo turgido ed eccitato.

      Ma il cannolo?

      🙂

      Rispondi
  7. faunita

    Il cannolo è un simbolo fallico, e la crema candida (lussuriosamente calorica, squisitamente dolce…) potrebbe evocare altre sostanze che il pudore sconsiglia di citare…. Per tacere del fatto che gustarli è concessione alla gola e comprarseli già pronti in pasticceria è anche – per noi donne – abbandono dei fornelli, roba da meritare punizioni col codice barbaricino!!!!!

    Perchè tutti questi dolci pazzeschi mi evocano quel piccolo capolavoro che è “La lunga vita di Marianna Ucria”????

    Rispondi
    1. Andrea Laforgia (coi controcazzi)

      Nella chiesa della Santissima Vergine della Cassata viene conservato un cannolo del 1300 che, se opportunamente agitato, si liquefa…
      Suor Germana ha urlato al miracolo e Vizzani non è ancora riuscito ad offrire una spiegazione plausibile…

      Rispondi
        1. faunita

          Suor Germana ha dichiarato, seccata, che il cannolo liquefatto sicuramente è solo frutto di un cattivo impasto e dell’uso di troppo burro.
          E della “minna di Sant’Agata” conservata nella cripta della Chiesa della S.S.ma in uno sperduto paesino dell’entroterra siculo, che si mantiene miracolosamente fresca e morbida dal 1537 che dite, amici? Purtroppo il miracolo non è stato ancora dichiarato perchè nessun buon cattolico riterrebbe appropriato palpeggiare una minna… Anche se di pasta frolla!

          Rispondi

Rispondi