Cile: ragazzo torturato e ucciso.

Un giovane  cileno, Daniel Zamudio   anni 24, è in coma irreversibile in seguito ad una brutale aggressione di un gruppo neo-nazi, che dopo averlo torturato per oltre sei ore (gli e’ stato staccato un orecchio e bruciata una gamba) e ridotto in fin di vita a calci e pugni, hanno tracciato anche alcune svastiche sul suo corpo con dei pezzi di vetro. La notizia e’ emersa solo ora, quando per il giovane e’ stata dichiarata la morte cerebrale. Tre giovani sono stati arrestati.

Il motivo dell’aggressione: l’orientamento sessuale di Daniel.

Ora Daniel non cè più 🙁

fonte:

http://blogs.tn.com.ar/todxs/2012/03/25/daniel_zamudio/

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2012/03/26/visualizza_new.html_156837392.html

 

Questo articolo è stato pubblicato in Omofobia il da .
giux

Informazioni su giux

ciao, non so che scrivere.... vivo a Ossona nel bel parco del ticino:) Mi piacciono gli sport sopratutto quelli che mi permettono di stare all'aria aperta, il mio preferito mtb nei boschi:-) Qui mi iscrivo xkè cè gente simpatica che sa farmi ridere delle schifezze di pontifex che sanno solo farmi arrabbiare!

44 pensieri su “Cile: ragazzo torturato e ucciso.

    1. paopao

      Che atrocitá e che impotenza di fronte a tanta barbarie!
      Uccidere una persona solo perché ha un orientamento sessuale diverso, o una religione diversa o un´opinione politica diversa…
      Una mostruositá eppure c´e´tanta gente che alimenta questo odio, anche solo con le parole , anche solo da un blog insano ..e poi si nasconde. Vigliacchi!
      🙁

      Rispondi
  1. Faunita

    Per “punire”/ “raddrizzare”/ talvolta “curare” (sic) l’omosessuale, straziano e uccidono l’essere umano. E poi – chiesti di spiegare perché, magari sotto processo, quasi stupiti di essere stati chiamati a rispondere di simili gesti – dicono che (col suo solo esistere ed esistere come omosessuale e addirittura esistere come omosessuale che non rinnova e nasconde se stesso) “provocava” o “se l’è cercata” quando direttamente non negano tutto… Come per le donne stuprate che – col loro semplice essere donne, donne munite di gambe, seni, braccia, volto, occhi – “se la sono cercata” o (persino la ragazza sventrata all’Aquila fuori da una discoteca da un militare attualmente in carcere per tentato omicidio) “ci stava”. Ma va beh… Queste pseudo-giustificazioni (spesso magistralmente ripetute in arringhe difensive) sono note anche se mi fan sempre rabbrividire…

    Rispondi
    1. Dario

      Faunita: ciao!!

      Hai letto di quella ragazza inglese marocchina che si è suicidata dopo che l’avevano costretta a sposare il suo stupratore?

      Se non sbaglio, era sul Telegraph qualche giorno fa..

      Rispondi
      1. Faunita

        Madre mia… E pensiamo che, fino a non molto tempo fa (1981!!!) , anche in Italia esisteva un certo (vergognoso) art. 544 del codice penale che prevedeva l’estibzione del reato di violenza sessuale qualora la persona offesa avesse contratto matrimonio con l’aggressore… Il beneficio, peraltro, si estendeva anche ad eventuali correi nei casi di violenza di gruppo. Peraltro, la Bibbia (libro comunque scritto alcuni millenni fa, da uomini che per forza di cose portavano con sé abitudini e pratiche di vita diversissime ed incompatibili con la nostra quotidianità) prescrive che, in caso di violenza carnale, la donna sia appunto data in moglie a chi le ha usato violenza… Ma se il fattaccio avviene “entro le mura della città” la donna doveva essere lapidata poiché si presumeva che non si fosse opposta all’aggressione…. Certi usi e costumi che impongono unioni che basterebbe il buonsenso del mio vecchio gatto a sconsigliare sono… bah… Incommentabili e inqualificabili. La religione (lo dico da atea, da atea che comunque rispetta chi crede, pretendendo ovviamente reciprocità!!!) dovrebbe tendere al bene del credente, alla sua felicità, ad una sua migliore realizzazione come individuo, per il suo bene ma anche per quello di tutti gli altri… Com’è possibile che in nome di una fede religiosa – e delle pratiche di vita e costume che essa impone – si arrivi a tanto???

        Rispondi
  2. Dario

    Eh, ma se lo meritano, sono malati, no??

    Probabilmente i ragazzi non avevano a disposizione un criminologo o un esorcista pret-a-porter, e quindi si sono dovuti arrangiare..

    Si capisce che sto scherzando oppure no??

    Rispondi
  3. SandroSandro

    Se fossi uno speculatore della morte altrui, batterei sul fatto che il terremoto in Cile avvenuto poche ore fa è un monito chiarissimo del minidio pontifesso che condanna questi atti di odio nei confronti dei gay. Ma oltre ad essere io una persona intelligente, che non crede che i disastri naturali siano la punizione divina per le colpe dei singoli; per fortuna non sono nemmeno così squallido da speculare sulla morte altrui, quindi mi astengo.

    Piuttosto, Volpastren è un po’ che sul tema tace, e per quanto sembrasse quasi che egli stesse abbandonando il minidio MA e le sue pseudocondanne, condannando in toto, senza se e senza ma, la violenza sulle donne, continua il suo silenzio su questi episodi di violenza sui gay.

    Ma adesso questo silenzio comincia a suonare come indifferenza. E se la cosa fosse esattamente così mi schiferebbe alquanto.

    http://www.meteoweb.eu/2012/03/violento-terremoto-in-cile-magnitudo-7-2-richter-allarme-tsunami-nel-pacifico/125948/

    Rispondi
    1. adminadmin

      Tace perchè il suo minidio è un minidio “domestico”, non ha il passaporto. Dunque non può procurare terremoti in Messico, Cile o Brasile.

      Terremoto a Genova: si. Ma se un terremoto rade al suolo Monaco (che dista pochi KM da Genova) non è sicuramente opera del minidio Pontifesso: non può uscire dall’Italia.

      Rispondi
  4. Caffe

    Forse non riusciremo mai a liberarci dalla mala pianta nazifascista, essa si nutre di odio, ignoranza e paura ed affascina i vigliacchi. Ad aggravare le cose ci si mette il tacito assenso, che poi si traduce in un’assordante silenzio, di quei bempensanti che a parole aborriscono la violenza ma sotto sotto odiano anche le vittime preferite di questi bastardi, gay, extracomunitari, zingari e via discriminando. Il fatto è avvenuto in Cile ma poteva tranquillamente avvenire qui da noi, teniamo alta la guardia.

    Rispondi
  5. ricgiu


    Dolersi di questi episodi (tra l’altro di quelli che occasionalmente veniamo a conoscere) è comunque inutile perchè il nostro dolore non cancellerà mai il male compiuto. Credo piuttosto (e mi riferisco a tutti i giorni della memoria che conosciamo) che l’unico modo di riparazione e correzione del mondo sia la preghiera e l’invito ad operare bene esercitando Fede Speranza e Carità. Anche la pubblicità di questi episodi, ritengo che sia degno di riflessione, potrebbe servire alla causa contraria al Bene ed all’Amore. Il Male, come l’assenza di luce, va rifuggito sostituendolo con il Bene, orientandoci verso la fonte di Luce. Insomma combatere il Male sostituendolo con il Bene ed privandolo di notorietà. Anche l’istintiva reazione di rabbia verso questi episodi non è nei programmi dello Spirito Santo.

    Rispondi
    1. Caffe

      Ma che, lavori all’Enel? Tra fasci di luce e preghiere riparatorie qui finisce che questa gentaglia la farà sempre franca grazie anche al tacito consenso, (come ho già sostenuto in un precedente intervento), di certi bempensanti; a proposito di riparazione, il tuo boss, il pastore tedesco imparentato con la famiglia Addams, in Messico prima proclama che i bambini vanno difesi e poi rifiuta di incontrare le vittime di un prete pedofilo, http://video.repubblica.it/mondo/ma-il-papa-non-incontra-le-vittime-degli-abusi-pedofili-di-padre-degollado/91273?video=&ref=HREC2-7
      cosa che in altre occasioni aveva fatto, se mi dici perché, è possibile che io dia, a titolo gratuito, una mano di candida vernice al tuo sepolcro imbiancato.

      Rispondi
    2. giuxgiux Autore articolo

      ciao, scusami, ma non sono d’accordo.
      Io voglio fare pubblicità a questo episodio, voglio mettere la foto di questo ragazzo giovane e carino in prima pagina (non che se fosse stato un uomo anziano e non più bello cambiava eh!!!!).
      Voglio che tutti vedano e si rendano conto dell’assurdità di questo, voglio che tutti lo sappiano, voglio che tutti ne siano sconvolti e rattristati, voglio che tutti ne sia indignati.
      Se la cosa disturba troppo la mentalità delle persone perbene, cavolo mi fa piacere! E’ quello che voglio
      Tacendo le ingiustizie le avvalliamo, proteggiamo gli aggressori, e possiamo continuare a considerarci brave persone, invece non lo siamo, perché permettiamo questo!

      Rispondi
    3. SandroSandro

      Ricgiu se il tuo modo di riparazione e correzione del mondo è la preghiera, nessuno ti vieta di pregare e di esercitare Fede, Speranza e Carità. Ma per cortesia non fare il predicozzo a noi.

      Ti confesso che penso che il tacere una condanna esplicita di questi eventi non sia molto dissimile dal silenzio omertoso che contraddistingue alcune tristemente note asssociazioni criminali.

      Orientati pure verso la fonte di luce se ti dà sollievo, ma trovo che il tutto sia decisamente ipocrita: significa mettere la polvere sotto il tappeto. Significa lasciare sole le vittime di questo male, aggiungendo oltre al danno la beffa della solitudine, della disperazione, dell’ipocrisia perbenista e bigotta per cui si possono fare le peggio cose ma basta che si facciano in silenzio e senza scandalo.

      Ho aspettato ore prima di rispondere al tuo commento per non rispondere d’istinto, ma fatico a stento a trattenere la rabbia per quello che leggo, quindi mi freno prima di scadere nel turpiloquio che chi mi conosce sa che non mi appartiene.

      Rispondi
      1. Caffe

        Sandro, termini come pietà e misericordia appartengono più a noi biechi miscredenti che agli ipocriti clericali, io ho dato una prima risposta all’ineffabile ricgiu, tu gli hai dato il colpo di grazia; se tornasse Gesù spazzerebbe via la sua sedicente figliolanza degenere, se così non fosse, meglio Satana che Ratzinger.

        Rispondi
        1. giux

          devi comprendere… certa gente preferirebbe non affrontare l’argomento perchè gli da disagio, gli mostra le loro contraddizioni, da una parte i valori che sanno essere giusti… dall’altra l’appartenenza a una chiesa che li vincola su posizioni disumane.
          Non riuscendo a barcamenarsi preferirebbero non se ne parlasse …
          Allora parliamone e mettiamoli di fronte alle contraddizioni che vivono.

          Rispondi
        2. giux

          In effetti… un silenzio assordante circonda questo fatto… ho spulciato per ore i blog e i giornali di centro destra, nessuno ne ha parlato. Daniel viene ucciso nell’indifferenza. Così i suoi aggressori sono un pò meno colpevoli.
          Io vi invito a diffondere il più possibile il suo volto e raccontate quanto è successo.
          Non che un domani qualcuno possa dire NON SAPEVO.

          Rispondi
    4. paopao

      ricgiu:
      dolersi di questi episodi non cancellerá il male compiuto ma non é inutile perché dimostra che non siamo pietre, che non siamo insensibili…ed anzi, io avrei paura di chiunque resti indifferente di fronte ad un orrore del genere. Prega pure, esercita fede , speranza e caritá e segui pure la luce se ti fa star bene ma non startene buono e zitto di fronte alle ingiustizie!
      E ricordati che dietro a questo atto inumano compiuto per mano di delinquenti vigliacchi esiste una responsabilitá morale della Chiesa Cattolica e di qualsiasialtra Chiesa o religione o blog cattolicononsecolarizzatodelcazzo che fomentano la discriminazione
      l´omofobia, la misoginia, la xenofobia…ed ipocritamente si definiscono “cristiani”!
      Ah, sinceramente trovo molto blasfemico, arrogante ed un tantino insano accollarsi la facoltá di sapere quali siano o non siano i programmi dello Spirito Santo!

      Rispondi
      1. giux

        carissima Pao… ti invido a leggere il link al blog in lingua spagnola… in particolare questo passaggio:
        “En 2009, la Iglesia católica chilena publicó un libro titulado “Homosexualidad juvenil: orientaciones educativo pastorales”, presentado en público con la presencia del presidente del Área de Educación de la Conferencia Episcopal de Chile, Mons. Carlos Pellegrin. La publicación dice que la homosexualidad es “un desequilibrio y una desviación” y la compara con el sadismo, el masoquismo, la pedofilia y la bestialidad. Dice también que “la actividad homosexual impide la propia realización y felicidad porque es contraria a la sabiduría creadora de Dios” y que “el acto homosexual es pobre y empobrece a quien lo realiza”, y acusa a los gays de narcisistas, pecadores y desviados, cuyos actos “desordenados” no pueden recibir aprobación alguna.”

        Rispondi
  6. Marcello

    Mio fratello vive a Santiago del Chile da quasi 8 anni, e sono andato a trovarlo quest’anno per un piccolo viaggio on the road.

    In una stazione degli autobus di Calama, nei bagni ho trovato la scritta: “Yo son Gay, me gusta chuparlo” etc etc.
    Il “me gusta chuparlo” sinceramente mi ha strappato una risata e l’ho ripetuto a voce alta a mio fratello. Egli mi ha zittito dicendo: “Ricordati che non siamo in Italia. Il Chile è un paese estremamente omofobo, se non vuoi essere preso a mazzate è meglio che ste cose non le ripeti a voce alta”

    Rispondi
  7. francesco t

    eh no, pontifex se ne frega dei ragazzi gay morti.
    tant è che si ostina a pubblicare testimonianze anonime pur di indicare i ragazzi gay come dei malati mentali, aumentando quindi la discriminazione nei loro confronti .

    l ultima testimonianza non è certamente più veritiera delle altre: anonima(il nome non basta) , curiosamente mai ufficializzata da nessuno, con i soliti clichè : amicizia con molte femmine, problemi con il padre, madre troppo presente, pornografia, il cercare quello che si desidera con il sesso.
    il tutto CURIOSAMENTE dallo stesso sito.
    e ricordiamo chi è la signorina che da le fonti:

    LOREN, la gentilissima utente che vorrebbe i gay(che non si ritengono malati mentali e che si reputano normali) in GALERA.

    non c è che dire. l utente loren , pontifessa ormai santificata e beatificata da pontifex in quanto contro i gay, è complice(in senso lato) delle morti in questione date dalla discriminazione. come pontifex. come bruno volpe e come di pietro.

    Rispondi
    1. Faunita

      Se avere molte amicizie femminili rende gay l’uomo, allora il 90% dei maschietti lo è… Missà che il cliché andrebbe aggiornato… Peraltro io ho un sacco di amici maschi molto cari… E non sono lesbica!

      Rispondi
      1. francesco t

        secondo il gruppo lot perfino fare la pipì da seduti) per i mschi è indice di omosessualità.
        mio papà spesso e volentieri l ha sempre fatta così, eppure …
        e ci sono molti altri ragazzi che la fanno da seduti più che da in piedi.

        faunita, che pontifex e compagnia bella utilizzi la psicologia di topo gigio, l abbiamo appurato ormai da tempo!

        Rispondi
        1. adminadmin

          Io trovo molto più igenico mingere stando seduto sulla tazza!

          Probabilmente chi minge stando in piedi trova particolarmente mascolino il puzzo di piscio che proviene dalla tavoletta del WC di casa loro. In alternativa questo potrebbe essere il loro modo per “marcare il territorio”. Il loro regno? Il WC. Come ultima alternativa, potrebbe anche essere il loro modo per dimostrare la superiorità del “vero maschio” sulla donna, essere notoriamente inferiore (nella loro testa)…

          Rispondi
          1. faunita

            Ehm, se penso che, quando mi trovo ad utilizzare un bagno pubblico (raramente peraltro, perchè sono generalmente luridi… Anzi rischio la cistite!!!!) persino io, umile femminuccia, m’ingegno a mingere in piedi…. Ohi ohi ohi… Sono lesbo o trans?!

          2. adminadmin

            Faunita, innanzitutto ti chiedo se hai ricevuto le mie mail con le informazioni per la redazione di articoli… Abbiamo testimonianze che ci attendono, ricordi? 😀

            Per quanto riguarda questo argomento: io spero l’argomento sia il WC di casa, altrimenti siamo in presenza di un equivoco. Anche io “fuori casa” cerco di evitare ogni contatto preferendo la turca… 🙂

          3. francesco t

            secondo il gruppo lot una bambina che si “ostina” a urinare in piedi è un chiaro messaggio di lesbismo.

            mi spiace faunita, sei internamente lesbica e ancora non lo sai!

          4. faunita

            Ora controllo le mail… E magari avviso il mio fidanzato che, pur amandolo moltissimo ecc. ho capito di essere una lesbica probabilmente transessuale ed è il caso di chiudermi in un eremo a fare penitenza…

  8. Giulia Giuditta Sironi

    Vergognoso e’ dire poco! Perche’ non accadano piu’ queste infamie, si ha il dovere di diffondere la notizia! Perche’ il mondo sappia cosa sta accadendo semplicemente perche’ queste bestie ( e mi scuso per le bestie che sono umane!) non hanno mai provato amore per altre persone, senza discriminazione di sesso, religione, nazionalita’! Io auguro a loro estrema punizione!

    Rispondi
  9. stevenY2J

    Sono sinceramente dispiaciuto. E’ una notizia davvero molto triste.
    Per questo non mi va di sparare contro Pontifex, in questa sede. Non ne vale la pena, di fronte a fatti come questi.

    Any mans death diminishes me,
    because i am involved in mankind.
    And therefore never send to know
    for whom the bell tolls; It tolls for thee

    R.I.P. Daniel

    Rispondi
  10. Gianluigi Loi

    Questa notizia è orribile. Come ogni morte sadica e idiota. Ecco il male, il vero male, quello che nasce dalla stupidità, dalla crudeltà dall’adrenalina. Non ho mai creduto nei mandanti morali, ma nei fomentatori d’odio si …

    Rispondi
  11. Alessandro M.

    Admin, ho appena condiviso il link a questo articolo su Facebook.

    Ho condiviso millemila link prima d’ora, ma per la prima volta mi è stato chiesto di inserire un codice di sicurezza… per caso siete su qualche blacklist?

    Rispondi
  12. Faggot79

    Questi episodi mi fanno sempre pensare a quanto sarebbe molto meglio se l’omosessualità fosse una scelta. Non toglirebbe nulla alla gravità di certi episodi, nella sostanza, ma perlomeno chi compisse tale scelta sarebbe consapevole degli eventuali rischi.

    Rispondi

Rispondi