I fans pontifeSSi e il metodo pontifeSSo

Quest’oggi perdendo tempo su facebook… sono incappato in un profilo open e pubblico di una “cara” signora, tale Antonella, estrema fans di pontifex… tanto è che ne condivide tutti i link.

Scrive commenti gridati, giudicando chiunque, seminando intolleranza, odio  e ovviamente omofobia, e messa alle strette cancella tutto, e banna… esattamente come pontifeSS.

Allora tale Antonella Marinucci utilizza facebook per ma non permettendo di replicare li mi costringe a replicare qui!

Ecco l’argomento della discussione:

 

Non ho assolutamente trovato traccia di nessuna presa di posizione ufficiale della chiesa cattolica nei confronti di Castellucci.

 

Vediamo… se le cose stanno come penso, ancora una volta i signori amici di pontifeSS (i pontifeSSi) dimostrano di non essere cattolici e vivere fuori dalla Chiesa di Roma.

Questo articolo è stato pubblicato in Omofobia il da .
giux

Informazioni su giux

ciao, non so che scrivere.... vivo a Ossona nel bel parco del ticino:) Mi piacciono gli sport sopratutto quelli che mi permettono di stare all'aria aperta, il mio preferito mtb nei boschi:-) Qui mi iscrivo xkè cè gente simpatica che sa farmi ridere delle schifezze di pontifex che sanno solo farmi arrabbiare!

94 pensieri su “I fans pontifeSSi e il metodo pontifeSSo

  1. francesco t

    un ulteriore dimostrazione che chi supporta pontifex et simila mostra , purtroppo, gravi segni di squilibrio mentale, prima ancora di gravi forme di ignoranza , isteria collettiva, violenza verbale,e via dicendo.

    un pò come l appartenenza al KKK, all esercito nazista, ai kamikaze ….i segni comportamentali che li contraddistinguono sono assolutamente presenti tra le linee di pontifex.

    Rispondi
  2. masseo

    La cosa che mi sconvolge e che oggi, 2012, il vangelo sembra essere completamente dimenticato.
    Se questa gente, così tanto fervente per Gesù Cristo, provasse a leggere qualche pagina del Vangelo, si renderebbe conto della distanza abissale che, le proprie opinioni hanno con il messaggio di Cristo. A quanti poveri, ultimi, esclusi, malati viene sputato in faccia, ogni giorno? Eppure, questi ferventi non sembrano avere lo stesso zelo per denunciare questi reali sacrilegi. Dico reali perché Gesù, nel Vangelo non ha chiuso il suo Regno a chi lo rinnega davanti ad una immagine sacra ma a chi lo bestemmia nel volto degli affamati, degli assetati…

    Ma questo è un discorso a parte… Si! perché il regista di questa rappresentazione teatrale non ha mai detto di voler attaccare la fede dei cattolici ( http://www.tfpblog.net/2012/01/10/la-lettera-comunicati-di-romeo-castellucci-sullo-spettacolo-il-concetto-di-volto-nel-figlio-di-dio/). Anzi! Quando ho visto la scena incriminata su youtube, ho pensato a tutte quelle volte in cui noi (cristiani) compiamo lo stesso gesto sul volto di Cristo. E’ una rappresentazione, giusto? Ogni rappresentazione che si rispetti deve comunicare dei messaggi che possono e devono essere interpretati liberamente. Potremmo, a questo punto, prendere uno spezzone di qualsiasi film su Gesù (quello di Gibson per esempio) mentre viene maltrattato, ed accusare il regista di blasfemia.

    Ma questi discorsi non verranno mai accolti e compresi da questa gente. Questi cristiani, prima di comprendere il vangelo, dovranno impegnarsi a comprendere se stessi!

    Un saluto a tutti! 😉

    Rispondi
    1. Gianfranco Giampietro

      Il problema è che questi “cristiani” non sono affatto interessati alla figura di Gesù, quanto piuttosto alla sua “icona”. Esiste un genere preciso di persone, di cui i PontifeSSi & seguaci sono esempio, che hanno solo disperatamente bisogno di un idolo alla quale potersi aggrappare, che li faccia sentire “migliori” e quindi in grado di potere giudicare (e soprattutto) condannare tutti gli altri da una posizione di “superiorità”. A gente di questo genere non interessa affatto chi fosse o cosa abbia realmente detto o insegnato Gesù, Buddha o Maometto… a queste persone interessa solo avere una icona tramite la quale possano autolegittimarsi a controllare gli altri e ad imporre loro il loro credo. Non importa se queste persone nella loro vita sono cattoliche o se diventeranno comunisti o se si convertiranno all’islam: qualunque ideologia o credo abbracceranno rimarrano comunque dei fanatici. Queste persone sono come gli ultras agli stadi di calcio… sono solo interessati a battersi, ma nemmeno hanno mai guardato davvero una partita di quello sport che dicono tanto di “amare” e di difendere…

      Rispondi
  3. AlbertoBAlbertoB

    La gentile “signora” in questione (virgolettato peerchè a me sembra tanto un fake) faceva (e forse fa tutt’ora) parte di uno dei famosi Comitati Civici Cattolici di stoca , quelli fondati da quell’altro fesso di Affus…
    Qui , signori miei , come si casca si casca sempre in piedi , poveri coglioni sono e poveri rimangono , senza mai smentirsi…

    Rispondi
    1. Antonella Marinucci

      Il termine “poveri coglioni , Albertro B si riferisce a me? Sia chiaro.Vediamo se posso aprirmi un bel conto in banca.
      Firmato:Antonella Marinucci

      Rispondi
  4. Davide

    In perfetto stile pontifesso, compreso l’altro livello di senso civico.
    Se come cittadino avessi la convinzione di un fatto suscettibile di reato, farei quanto meno un esposto. Invece i poveretti: 1) chiedono a gran voce che sia un terzo a esporsi per loro conto, 2) invocano il Vaticano (Stato Estero) affinchè denunci un fatto in un altro Stato/ordinamento. Siamo alla demenza pura oltre che alla vigliaccheria civica.

    Poi c’è il metodo Brunello: presentarsi ripetutamente in una fantomatica caserma denunciando trasmissioni inesistenti come “Ano Zero” (nel cervello d’altra parte c’è solo un buco nero) oppure annunciare querele senza mai produrne le prove.

    Rispondi
  5. adminadmin

    Uffas, Muffas, Gladiator o come cavolo vuoi farti chiamare: il fatto che sul sito Pontifesso i tuoi commenti non siano più graditi non ti autorizza a ricominciare a sfasciare le nostre wallere. Quindi, per favore, continua a mandare le tue menate allucinanti e le tue pippe mentali al tuo amico Carletto, principe dei fantamostri emeriti. Grazie.

    Rispondi
  6. Dave

    Un altro sito di fanatici, “bastacristianofobia” invita a mandare mail di protesta al teatro e al sindaco di Milano contro la messa in scena dell’opera di Castellucci. Io ho raccolto l’invito e ho mandato la mail, non di protesta, ma di pieno appoggio e solidarietà contro la futile e barbara protesta.

    Rispondi
    1. francesco t

      è un blog, creato apposta per il fatto castellucci.
      è ironico che si citi la parola “cristianofobia”, che , di fatto, non esiste.
      e non è una mia fantasia come lo è il fatto che “l omofobia non esiste” secondo volpe.

      la cristianofobia non esiste in ambito psicologico, ovvero non è stata riscontrata ne riconosciuta.
      l omofobia si.

      a ogni modo, è pretestuoso parlare di “cristianofobia” per un opera teatrale che non incita a discriminazione o violenza nei confronti dei religiosi cristiani.
      è una visione critica e netta di un autore, niente di più.
      e considerando che un teatro è come un cinema, in cui se non ti piace il film non vai a guardarlo, ha il diritto di mostrare tale opera teatrale.
      ovviamente, se tale opera incitasse alla violenza e alla discriminazione altrui, sarebbe opportuno rimuoverla. ma l opera è un critica , non un tentativo di offendere, denigrare, discriminare i cristiani come categoria.

      Rispondi
  7. Pontifex.Roma

    Pontifex fa presente all’utente detto “Giux”
    che nessun membro dell’Ass. A.d.P. e nessun iscritto al sito corrisponde al nome di “Antonella Marinucci”.
    Pontifex non ha pagina Facebook, non ha legami con tale “Antonella Marinucci” e non è in alcun modo responsabile di quanto l’utente detto “Giux” dichiara di aver letto sulla pagina facebook della signora su citata.
    Pontifex non ha mai bannato nessuno, ad eccezione degli utenti che non rispettano le regole del blog.
    Pontifex ritiene che l’utente detto “Giux”, scrivendo questo articolo, si riconferma persona scorretta, ignorante e mossa da pregiudizio anti cattolico.
    Pontifex richiede a Stefano Del Corno, detto “admin”, la rimozione di questo articolo di pura e semplice diffamazione.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
    1. AlbertoBAlbertoB

      Baci , abbracci e tanti saluti a casa. E , mi raccomando , teniamo sempre d’occhio la salute , chè di questi tempi è un attimo ammalarsi. Poi magari non si guarisce più.

      Rispondi
    2. adminadmin

      1) Giux non ha affermato che Antonella Marinucci è iscritta alla fantomatica A.d.P. oppure al relativo sito
      2) Giux non ha affermato che l’associazione Pontifessa oppure il relativo sito gestisca o partecipi a qualche pagina Facebook
      3) Giux non ha affermato che la vostra venerabile associazione abbia legami con tale “Antonella Marinucci”
      4) Giux non ha affermato che gli amici Pontifessi abbiano qualche responsabilità circa il contenuto della pagina della Marinucci.

      Stanti i precedenti punti, riteniamo che chi ha lasciato il commento in nome e per conto del sito Pontifex.Roma dimostra una profonda ignoranza (ignorando il contenuto dell’articolo cui il commento fa riferimento) o forse una completa incapacità di leggere.

      5) I gruppi su Facebook nacquero proprio sull’onda di epurazioni praticate impunemente da chi gestiva il sito Pontifesso. Tali epurazioni si sono ripetute a più riprese. Quindi è inappropriato e falso affermare che “Pontifex non ha mai bannato nessuno”. Tale affermazione lede la nostra integrità morale ed in particolare quella di Giux. Siete liberi di bannare chi volete per le ragioni che ritenete opportune. E noi siamo liberi di scriverlo.
      6) Pontilex ritiene che tutte le pretese dell’anonimo scrivente che si cela dietro un indirizzo IP collocabile nei pressi di Portici siano totalmente infondate oltre che fasulle e mendaci.
      7) Pontilex ritiene che l’affermazione riferita a Giux “si riconferma persona scorretta, ignorante e mossa da pregiudizio anti cattolico.” sia profondamente lesiva dell’onorabilità dello stesso Giux oltre che falsa e mendace, rimettendosi al giudizio dello stesso e rendendosi disponibile alla rimozione della stessa qualora il Giux ne faccia richiesta.
      8) Pontilex (ed in particolare il suo amministratore altresì noto come Admin) rende noto all’anonimo scrivente che si cela dietro un indirizzo email riconducibile al sito Pontifesso (sempre che non arrivino smentite come nella nota vicenda CdP1/CdP2) che l’utente Stefano Del Corno, regolarmente registrato qui all’interno di Pontilex (e noto come Stefano), è felice di notare la vostra monotematica ossessione e si rallegra delle vostre attenzioni, avendo ben notato tutti i messaggini (comprese le immagini ospitate su siti “strani” ed i cinguettii su Twitter). Ma questo non muta la realtà: Stefano è Stefano e l’admin sono io. Almeno fino a prova contraria. 🙂

      Chiariamo inoltre che l’intero contenuto di questo messaggio fa riferimento al geniale personaggio che ha deciso di sprecare del tempo scrivendo le affermazioni immonde e formulando le richieste irricevibili che si trovano ben documentate nel messaggio di “Pontifex.Roma”. Pertanto l’accusa di ignoranza è rivolta all’autore del messaggio citato, non certo a tutti i cattolici. Ogni tentativo di far passare questa nostra replica per un atto di cattofobia si qualificherebbe automaticamente come distorsione evidente del nostro pensiero.

      Rispondi
    3. francesco t

      1- dove sta scritto che la signora antonella farebbe parte di pontifex o degli amichetti di pontifex? da nessuna parte. c è scritto che è una fan. smentite la cosa se ci riuscite.
      2- che pontifex non abbia PIù pagina facebook si sa e da nessuna parte si afferma il contrario.
      3- da nessuna parte si indica che pontifex abbia legami diretti con la suddetta antonella.
      4- da nessuna parte si indica pontifex come responsabile dei commenti dei suoi fans.
      5- che pontifex non abbia mai bannato nessuno è tutto da provare, considerato che le regole riguardo i commenti sono estremamente soggettive e variabili su pontifex.in ogni caso, da nessuna parte sta scritto che pontifex abbia bannato qualcuno. il ban è stato dato dalla signora antonella.
      6- io , a rigor di logica , coerenza e legge, ritengo che voi, pontifex.roma, scrivendo questo post, vi riconfermate particolarmente ignoranti poichè IGNORATE l articolo stesso, senza leggerlo.
      7- l articolo rimarrà in quanto nessuna delle vostre accuse trova riscontro concreto in questo testo.

      cordiali saluti.

      Rispondi
    4. adminadmin

      Una domanda, schietta e diretta, per Pontifex.Roma: ma vi impegnate per fare queste pessime figure oppure vi riesce di rendervi ridicoli senza sforzo?
      Così, tanto per sapere…

      Rispondi
      1. adminadmin

        Oltre a non saper leggere (gli articoli altrui) devono avere anche problemi più gravi: in precedenza diverse volte abbiamo replicato ai loro messaggi ponendo quesiti che non hanno mai ricevuto risposte. Questo “Pontifex.Roma” deve avere anche problemi nel formulare delle risposte. Un nuovo problema mentale ancora tutto da definire e qualificare. Chissà se Francesco “bandiera” Bruno oppure Alessandro “Prezzemolino” Meluzzi (affermati psichiatri secondo gli amici Pontifessi) sono interessati a studiare questo disturbo della psiche, questa malattia che impedisce loro di rispondere.

        Rispondi
    5. Giux

      … la verità fa male eh???

      Dunque … “mi confermo persona ignorante, scorretta e anticattolica?”… detto da voi è un complimento!!
      Bie Bie

      Rispondi
  8. AlbertoBAlbertoB

    Scusatemi un secondo , ma nessuno ha ancora posto Le Domande : cosa quarzo mi rappresenta l’Associazione Amici di Pontifex??? Cosa diamine dovrebbe essere? Un’associazione no-profit a fini sociali/umanitari? Un’associazione di pescatori d’altura? Cosa fanno gli Amici di Pontifex? Leggono Pontifex e poi? Si ritrovano davanti a una tavola rotonda e decidono il destino del mondo? Che scopo ha l’Associazione Amici di Pontifex , a parte quella di farmi pisciare addosso dal ridere ogni volta che cerco di dare delle risposte a queste domande?
    Chi sono gli Amici di Pontifex? Esponenti di quart’ordine di una qualche forma pseudo-culturale ad orientamento fascio clericale e poi? Un avvocatuccio , un dottorino , qualche personaggio da operetta senz’arte nè parte , qualche impiegato statale di infimo livello vessato dal capoufficio e di conseguenza bisognoso di sfogare il proprio senso di rivalsa verso questo mondo infame , qualche disoccupato cronico con un sacco di tempo da perdere?

    Infine , e soprattutto , ma sticazzi dell’Associazione Amici di Pontifex e relativo corollario?

    Rispondi
      1. paopao

        Ma Holtjar, noi siamo giá amici di pontifex e dei pontimostrie li correggiamo pure fraternamente e gratis….ma mica ce li possiamo sposare.. noh?
        ):D

        Rispondi
  9. Antonella Marinucci

    OLTRE AD ESSERE DISINFORMATI SULLA PRESA DI POSIZIONE NETTA DELLA CHIESA CATTOLICA IN MERITO ALLO SPETTACOLO DI CASTELLUCCI, VERSO LA MIA PERSONA STATE COMMETTENDO REATO DI DIFFAMAZIONE.DOPO SEGNALAZZIONE ALLA POLIZIA POSTALE VALUTERO’ L’OPPORTUNITA’ DI RIVOLGERMI ALLE AUTORITA’ COMPETENTI PER EVENTUALI AZIONI PENALI E CIVILI.
    FIRMATO.DOTT.SA ANTONELLA MARINUCCI

    Rispondi
  10. Antonella Marinucci

    PRIMA DI SCRIVERE E’ NECESSARIO INFORMARSI:«Il Papa auspica che ogni mancanza di rispetto incontri la reazione ferma e composta della comunità cristiana». Interviene anche padre Lombardi
    ANDREA TORNIELLI
    Città del Vaticano
    “Il Papa, « auspica che ogni mancanza di rispetto verso Dio, i santi e i simboli religiosi incontri la reazione ferma e composta della comunità cristiana, illuminata e guidata dai suoi pastori». Lo scrive la Segreteria di Stato in una lettera indirizzata al domenicano padre Giovanni Cavalcoli, del convento bolognese di San Domenico, che l’8 gennaio aveva inviato al Pontefice una missiva parlando dello spettacolo «Il concetto del volto del Figlio di Dio» di Romeo Castellucci, in programma al Teatro Parenti di Milano la prossima settimana. La lettera vaticana, datata 16 gennaio, è firmata dall’assessore della Segreteria di Stato, lo statunitense Brian B. Wells.

    P.S.ERRATA CORRIGE:LEGGI “SEGNALAZIONE” E “DOTT.SSA”

    Rispondi
  11. Antonella Marinucci

    QUASI TUTTI I VESCOVI CATTOLICI SI SONO SCHIERATI CON IL PAPA CHE SI HA TESTUALMENTE AFFERMATO« che ogni mancanza di rispetto verso Dio, i santi e i simboli religiosi incontri la reazione ferma e composta della comunità cristiana, illuminata e guidata dai suoi pastori». Lo scrive la Segreteria di Stato in una lettera indirizzata al domenicano padre Giovanni Cavalcoli, del convento bolognese di San Domenico, che l’8 gennaio aveva inviato al Pontefice una missiva parlando dello spettacolo «Il concetto del volto del Figlio di Dio» di Romeo Castellucci, in programma al Teatro Parenti di Milano la prossima settimana. La lettera vaticana, datata 16 gennaio, è firmata dall’assessore della Segreteria di Stato, lo statunitense Brian B. Wells.
    IO QUINDI SEGUO LE DIRETTIVE DEL MAGISTERO.MI STATE DIFFAMANDO ED INGIURIANDO.NOTO CON PIACERE CHE CANCELLATE I MIEI COMMENTI. TRANQUILLI. HO AVVISATO IL DIRETTORE DI PONTIFEX E SALVATO IL COMMENTO INGIURIOSO E DIFFAMATORIO RIVOLTO NEI MIEI CONFRONTI, OVVIAMENTE INSIEME ALL’URL CASO .IO L’AVVOCATO CE L’HO IN CASA.DOPO DENUNCIA ALLA POLIZIA POSTALE, PROCEDERO’ CONTRO DI VOI PENALMENTE E CIVILMENTE.
    DOTT.SSA ANTONELLA MARINUCCI

    Rispondi
    1. adminadmin

      Rispondo soltanto a quest’ultimo messaggio visto che gli altri sono qui, poco sopra…

      1) qualsiasi commento lasciato da un nuovo utente (anche anonimo come questa presunta Antonella Marinucci, che scrive da un indirizzo IP appartenente alla rete di Vodafone, presuntamente colocata in quel di Roma) passa per una prima moderazione. Non è dunque possibile lasciare commenti liberamente prima della mia approvazione.

      2) i primi due commenti sono stati giudicati come puro SPAM dal sistema che ci protegge, appunto, da bot ed altre simili lordure. Pertanto prima di gridare alla censura, perchè non prova a chiedere garbatamente informazioni?

      3) la presa di posizione del Papa non ci pare così “dura” come lei vuole farci credere. Ci pare invece molto generica e generale.

      4) se ha intenzione di commentare ancora qui, si ricordi che il maiuscolo corrisponde all’urlare. E qui NON verrà tollerato il suo pessimo stile di scrittura, quindi si adegui ed impari a commentare civilmente!

      5) gentilmente vuole chiarire cosa intende vossignoria per “diffamazione”? Quali frasi sono diffamatorie? Queste accuse generiche e vaghe mi lasciano totalmente indifferente.

      Rispondi
        1. adminadmin

          La Marinucci è la tizia citata da Giux nel suo articolo.
          Questo (o questa) non sappiamo proprio chi sia. Scrive (anzi, urla) usando l’indirizzo email della Marinucci e con lo stile della Marinucci, ma potrebbe essere un palese caso di furto d’identità. Non sappiamo da dove arriva. Ma sappiamo molto bene dove andrà (anzi dove la manderanno) se non la pianta di trollare. 😉

          Rispondi
          1. paopao

            hmmm, si ..probabile.Al giorno d´oggi gira un sacco di gentaglia per il web che si dedica a rubare l´identitá altrui, soprattutto quella dei pontimostri.
            Forse é un virus…

    2. adminadmin

      Marinucciiiiiiii finito di fare le denunce/querele/esposti ed ogni diavoleria possibile ed immaginabile?

      Di grazia potrebbe mandarcene copia al nostro fax: 02700402124 oppure via mail al mio indirizzo: webmaster [at] pontilex [dot] org in modo da poter leggere in diretta in quale modo avremmo leso la sua maestà? Grazieeeeee… 😀

      Rispondi
    3. AlbertoB

      Tutti dottori eh dalle parti di Pontifex? Marinù , dottoressa in agraria o semplice medico condotto?
      Ah Marinù , il “direttore” di Pontifex ci conosce molto bene però lascialo stare dato che ha grane molto più grosse di cui occuparsi , non ha tempo da perdere per la dott.ssa Marinucci.
      Concludendo :
      – sticazzi del magistero , la gente della sua schiatta si nasconde sempre dietro al dito del “magistero” per dare libero sfogo alle proprie pulsioni liberticide e razziste verso questa o quella categoria
      – sticazzi dei vescovi e del papa , che davanti alla legge dello Stato Italiano contano come il due di picche
      – sticazzi dei suoi amici teocon aMMericani , di Brian G. Wells e financo di Orson G. Welles
      – sticazzi della sua professione , non è che mettendo un titolo davanti al suo nome le sue (malsane) idee assumano autorevolezza , al contrario le sue idee rimangono spazzatura e i suoi scritti paiono ancor più ridicoli.

      Salutoni.

      Rispondi
  12. adminadmin

    La Marinucci prova a lasciare commenti… Ha già lasciato 3 commenti (ovviamente intercettati dal sistema anti-spam) e ci minaccia… Ora finiamo di leggere le sue urla e poi valuteremo se togliere i suoi commenti dal sistema anti-spam…

    Oh quanta pazienza occorre con certe persone!

    Rispondi
    1. francesco t

      guarda il lato positivo. se è arrivata fin qui, vuol dire che pontilex ha un certo peso e la gente lo conosce, e, pur non accorgendosene, gli fanno anche pubblicità.

      Rispondi
      1. adminadmin

        E’ sicuramente positivo che la Marinucci (o chi pretende di impersonarla) si si accorta di noi… Meno positivo il fatto che preferisca venire in casa di altri e minacciare, insultando la nostra intelligenza. D’altra parte noi siamo tolleranti e stiamo a sentire tutti. Anche chi non la pensa come noi.
        A tal proposito ho sollecitato via mail la Marinucci affinchè fornisca un qualche tipo di risposta alle nostre domande. Altrimenti troviamo sterile il suo contributo. Non ci piace chi viene qui, piscia fuori dal vaso e poi si squaglia come un coniglio.
        Ecco, quasi quasi rimpiangiamo la cara Virginia Lalli (menzionarla in un commento scatenerà la sua attenzione, ne sono certo) che almeno si prendeva la briga di rispondere (anche se in maniera che qualcuno potrebbe giudicare delirante) ai nostri messaggi che la vedevano coinvolta. Drammatico: mai avrei immaginato di poter rimpiangere la Lalli! 🙂

        Rispondi
        1. francesco

          per favore…la lalli quando io le rispondevo smentendo ogni suo delirio girava la testa dalla parte opposta citando robaccia. un pò come il libro delle risposte : ti gli chiedi “sei stupido?” e lui risponde con un “la vita potrebbe avere in serbo molte sorprese”.
          un nonsense continuo insomma.
          a sto punto preferisco i deliri confermati tali con annesse minacce, almeno così rido invece di fare facepalm ogni due secondi.

          Rispondi
    1. Antonella Marinucci

      ATTO DI DIFFIDA E MESSA IN MORA
      La sottoscritta prof.ssa Antonella Marinucci,
      ai sensi della Legge Privacy – D.Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196
      le vieta di utilizzare la propria immagine e di fare riferimenti alla propria persona
      in un sito che non sia fb.
      Qualora lei non provvedesse all’immediato oscuramento della pagina del suo sito
      di cui senza alcuna preventiva autorizzazione lei sta usando l’immagine e la persona della sottoscritta,
      di cui i la scrivente ha scaricato l’URL e l’intero contenuto,
      entro il 2 gennaio 2014, la sottoscritta presenterà apposita denuncia
      alle Autorità Competenti con conseguente azione
      di risarcimento danni a suo danno e delle persone
      che “sine causa” incitano all’odio e alla violenza nei confronti della sottoscritta,
      visto che la sua azione di molestia dura da qualche anno,
      con grave danneggiamento della persona della scrivente.
      Le si rammenta che qualsiasi denuncia comporterà l’obbligo
      di assunzione di un legale che vuole essere pagato, ovviamente da lei
      e dai suoi compari(o dai loro genitori se minorenni),
      e che la scrivente ha consultato il Commissariato di Polizia Postale di Sant’Ippolito
      di Roma.La scrivente elegge come domiicilio legale lo studio dell’Avvocato Carlo Gargiulo
      sito a Roma in Viale Opita Opppio ,65,.

      Prof.ssa Antonella Marinucci

      Rispondi
      1. adminadmin

        Proverò a risponderle ordinatamente, anche se risulta difficile rispondere ad un tale scempio privo di qualsiasi interesse, coerenza e significato.

        1) Un “atto di diffida e messa in mora” è l’azione intrapresa, stante un contratto, da uno dei contraenti per intimare alla controparte il rispetto degli accordi contrattuali. Lei con noi non ha mai stipulato alcun contratto. Di che “messa in mora” parla, di grazia? La sua richiesta è pertanto IRRICEVIBILE.
        2) Un “atto di diffida e messa in mora” ha una scadenza congrua. Se non esistono accordi specifici (e non esistono tra noi accordi specifici) il termine MINIMO è di 15 giorni. Pertanto, anche per questa ragione, la sua richiesta è IRRICEVIBILE.
        3) La “messa in mora” presuppone che io le sia debitore. Ma non avendo mai sottoscritto un contratto, non essendo intercorsi accordi economici tra noi, non capisco di che “mora” lei vada cianciando. Pertanto, anche per questa ragione, la sua richiesta è IRRICEVIBILE.
        4) Lei non può vietarci di usare le immagini che LEI ha reso pubbliche attraverso Facebook. Se ne faccia una ragione. Avvocati del calibro di Guido Scorza hanno parlato chiaramente su questo tema. La invito a studiare bene il pensiero di queste persone prima di avanzare altre richieste!
        http://www.europa451.it/3/post/2012/05/facebook-e-privacy-legittimo-luso-pubblico-delle-foto-degli-utenti.html
        Pertanto, anche per questa ragione, la sua richiesta è IRRICEVIBILE.
        5) A differenza di quanto fa lei e di quanto fanno i suoi defunti amici Pontifessi, noi non abbiamo mai cancellato una pagina. Mai. Non cominceremo certo oggi per assecondare le sue paturnie ed i suoi vaneggiamenti.
        6) Torno a porle la fatidica domanda: quale parte dell’articolo incita all’odio ed alla violenza nei suoi confronti? Le ho posto più volte questa domanda senza ricevere documentazione opportuna. L’ho invitata a segnalare queste sue richieste attraverso un fax, dettagliando i passaggi che ritiene incitino all’odio nei confronti della sua persona.

        Credo che non ci sia molto altro da aggiungere. Anzi no, una cosa: comunichi al suo avvocato il nostro numero di fax (02700402124) in modo che possa inviarci copia formale di questa sua iniziativa. Sarà un piacere affrontarla in Tribunale, dove potremo guardarci in faccia e dove potrò godere dello spettacolo che offrirà quando il Giudice la condannerà a rifondere le nostre spese legali. Anche se purtroppo credo non arriveremo mai a questo punto perchè, qualora lei scegliesse davvero di avviare un’azione legale nei nostri confronti, questa verrebbe sicuramente archiviata.

        Mi stia bene e veda di prestare più attenzione a quello che scrive, piuttosto che venire a piangere miseria a posteriori.

        Rispondi
  13. Antonella Marinucci

    Sig. X, admiin di questa pagina, in quale e-mail ha citato una risposta della scrivente? Mi dica ,lei che non ha nemmeno il coraggio d firmare con nome e cognome quanto scrive insieme ai suoi compari di merende. Io sono una persona vera, purtroppo per voi.Anche se lei non si firma, sappi che la Polizia postale è in grado di risalire al suo ID. Vuole che gliene dia la prova pratica a lei e ai suoi compari con una bella citazione in Tribunale?Prof.ssa Antonella Marinucci

    Rispondi
    1. adminadmin

      Ho modificato il commento, Antonella. Forse per distrazione non aveva indicato il suo nome corretto. Quindi l’ho fatto io.

      Inoltre ho lasciato tutti gli altri commenti ripetitivi e ridondanti che ha lasciato usando altri indirizzi email. Per questa volta cercherò di essere tollerante con lei. La prossima volta non garantisco di avere altrettanta pazienza.

      In merito questo commento: mi sfugge il senso…

      1) di quale mail parla? Io non ho mai citato sue mail, non avendone mai ricevute. Vuole essere meno criptica, grazi?
      2) la Polizia Postale ha con noi un ottimo rapporto. Abbiamo sempre collaborato alle loro indagini. Non servono mica indagini speciali per contattarmi. Basta scrivere una mail (cosa che lei non ha mai fatto) oppure mandare un fax (ibidem).
      3) vuole citarci? E di grazia, per che ragione? Stia attenta, si faccia spiegare dal suo legale cos’è un litigio temerario.

      La ringrazio per l’attenzione. A presto risentirla.

      Rispondi
    1. A M

      Vedo solo ora la sua risposta, Vede signor X, io non sono criptica e mi firmo ovunque, mettendo la mia faccia, cosa che lei non sta facendo. Si firmi se ha coraggio. In modo furbesco, ma non troppo, ha cancellato il suo nome nella lontana discussione di fb, che tanto le rode, Ciò significa che teme di essere identificato . Le rammento che lei non è stato mio amico su fb, che io sono lieta di non averla tra i miei 4000 amici che hanno un parere esattamente contrario al suo in merito alla mia persona, Sa , sinceramente non penso proprio che la polizia Postale collabori con soggetti come lei. Comunque la informo io ho già consultato l la Polizia Postale, telefonando al Commissariato di Sant’Ippolito di Roma .Il Commissario, di cui se vuole le dico nome e cognome, mi ha detto che ci sono gli estremi di una denuncia e che possono risalire all’I.D. di questo sito, anche se lei vuole mantenere vigliaccamente il suo anonimato. Dovrà dimostrare in tribunale le seguenti affermazioni “Scrive commenti gridati, giudicando chiunque, seminando intolleranza, odio e ovviamente omofobia, e messa alle strette cancella tutto, e banna… esattamente come pontifeSS.”, Le rammento che nell’articolo da lei citato parla della critica legittima fatta ad uno spettacolo teatrale dalla scrivente in modo corretto e garbato.Pertanto io la DIFFIDO a persistere in quest’azione di demolizione dell’onorabilità della mia persona.Sarà però un avvocato a citarla, di cui le ho riferito nome e cognome che è un Cassazionista .Comunque se preferisce.cambio avvocato e mi rivolgo allo studio di Coppi.
      Prof.ssa Antonella Marinucci

      Rispondi
      1. adminadmin

        Marinucci, la invito ad utilizzare indirizzi email reali ed esistenti. Mi auguro che l’indirizzo che ha usato quest’oggi sia corretto, altrimenti mi vedrei costretto a canellare il suo commento.

        Mi rallegro del suo tempismo: le riporto una domanda che le ho indirizzato in questo mio commento:

        http://pontilex.org/2012/01/i-fans-pontifessi-e-il-metodo-pontifesso/comment-page-1/#comment-25591

        gentilmente vuole chiarire cosa intende vossignoria per “diffamazione”? Quali frasi sono diffamatorie? Queste accuse generiche e vaghe mi lasciano totalmente indifferente.

        Le faccio presente che il mio messaggio è datato 22 gennaio 2012. Due anni, quasi.
        Questo secondo me ben qualifica il suo reale interesse per questa vicenda.

        Nessuno.

        Entro ora nel merito delle sue affermazioni. Ma le anticipo che la cosa sarà per lei traumatica.

        1) Vede signor X, io non sono criptica e mi firmo ovunque, mettendo la mia faccia
        Se le fa piacere chiamarmi “signor X” faccia pure. Se vuole un nome mi chiami Antonio. Antonio l’anonimo Admin di Pontilex.
        Ma mi rendo conto che è scomodo da scrivere, quindi mi chiami Antonio oppure Admin, va benissimo lo stesso.
        Per la mia faccia: non credo sussista qualche forma di obbligo di mostrare il proprio faccione: poi io sono timido. E penso di essere brutto, quindi preferisco non traumatizzare i miei lettori. Anzi sa cosa le dico? Non ho proprio un volto, io. Faccia così, cerchi su internet un’immagine di “homer vitruviano” e s’immagini che io sia fatto in quel modo. Grazie.

        2) ha cancellato il suo nome nella lontana discussione di fb, che tanto le rode
        Vede, carissima Marinucci, lei presuppone che chi ha scritto l’articolo sia la stessa persona che le risponde.
        Ma si da il caso che io non sia l’autore di questo articolo. Se lei intende rivolgersi all’autore, basta domandarlo con chiarezza.
        Che poi ora è “lontana”. Nel gennaio 2012 (quando è stato scritto l’articolo) tutto questo era pura e semplice cronaca.
        Se vuole interagire con l’autore dell’articolo, le posso dire come fare. Basta chiedere civilmente!
        Comunque se c’è qualcuno a cui “rode” qualcosa, questa sembra essere lei.

        3) Le rammento che lei non è stato mio amico su fb, che io sono lieta di non averla tra i miei 4000 amici che hanno un parere esattamente contrario al suo in merito alla mia persona
        Se lei non ha idea di chi io sia, come può affermare che io non sia nella lista dei suoi amici su Facebook? Ed anche fosse vera questa sua affermazione, questo cosa significa? L’unica responsabile di quello che lei pubblica su Facebook è lei. Se lei sceglie di rendere visibili i suoi post a tutti, anche coloro i quali non sono tra i suoi amici possono leggere quello che scrive e se le sue impostazioni consentono a tutti (compreso l’autore dell’articolo) di commentare i suoi post, è una sua scelta. Torneremo sulle sue scelte in seguito.
        Ah circa l’opinione dei suoi amici su di lei: li ha intervistati tutti ad uno ad uno?! Complimenti!

        4) anche se lei vuole mantenere vigliaccamente il suo anonimato.
        E da quando tutelare la propria privacy è vigliaccheria? Lei è libera di ritenere che io sia vigliacco, ma l’avviso: questa è diffamazione pura e semplice!

        5) S’è finalmente degnata di chiarire quale frase “le rode” (citando le sue parole). Lei si scaglia contro la seguente affermazione.

        Scrive commenti gridati, giudicando chiunque, seminando intolleranza, odio e ovviamente omofobia, e messa alle strette cancella tutto, e banna… esattamente come pontifeSS.

        I suoi commenti sono gridati? Si: nell’immagine qui sopra lei sceglie (di nuovo, la discussione torna a ruotare attorno alle sue scelte) di usare sempre il maiuscolo. Questo nel “dialetto” di Internet equivale a gridare. E non è una mia ipotesi: basta documentarsi un poco per trovare che la “netiquette” associa all’uso del maiuscolo l’urlare.
        La invito a leggersi il punto 3 della seguente pagina di Wikipedia, alla voce “Le regole di Registro.it”.
        http://it.wikipedia.org/wiki/Netiquette
        I suoi commenti seminano intolleranza, odio ed omofobia? E’ l’opinione di chi ha scritto questo articolo. Non ci sono “prove” di questo nell’immagine riportata qui sopra. Ma non mi sembra che servano “prove” per sostenere che una persona semini odio, intolleranza oppure omofobia. Si chiama libertà di opinione. E non mi risulta che le affermazioni che lei riporta (e che stanno tranquillamente all’interno di quello che il nostro codice contempla come “diritto di critica”) possano scadere nell’offensivo oppure nell’umiliante.
        Io non ho voglia di andare a verificare l’ultima parte della frase. Lei è solita cancellare i commenti e/o bannare altri utenti? E se anche fosse falso, questo lede in qualche modo la sua onorabilità? Non mi risulta, visto che il ban oppure la cancellazione dei commenti sono normali strumenti messi a disposizione da Faceboook. Resta dunque una scelta di ogni utente usarli oppure no. E resta ovviamente la libertà degli altri utenti di criticare queste scelte. Così come lei si sente libera di criticare un regista affermato, l’autore di questo articolo si sente libero di criticare lei.

        6) Sarà però un avvocato a citarla, di cui le ho riferito nome e cognome che è un Cassazionista .Comunque se preferisce.cambio avvocato e mi rivolgo allo studio di Coppi.
        Guardi, per esperienza un avvocato non la dissuaderà mai dall’attuare le sue intenzioni: se lei mi fa causa, il suo avvocato si porterà a casa comunque del lavoro e dunque dei soldi. Se che poi la sua azione sfoci in un’archiviazione, sia in una lite temeraria oppure in un giudizio. In merito al suo precedente messaggio in cui mette in bella mostra nomi e cognomi, la avviso che ho bisogno di ricevere quanto prima un fax dal suo avvocato che confermi la procura: in caso contrario potrei incorrere nelle ire dell’avvocato che lei cita ma che potrebbe essere inconsapevole delle sue iniziative.

        7) ora sono io a diffidarla. La diffido dal lasciare messaggi usando indirizzi email strampalati oppure identità di altre persone. Su questo io ho TOLLERANZA ZERO. E non la minaccio di azioni legali o ritorsioni di qualche tipo: semplicemente cancellerò ogni commento “strano”. L’ho avvisata già in precedenza ma vedo che non ascolta i miei consigli.
        http://pontilex.org/2012/01/i-fans-pontifessi-e-il-metodo-pontifesso/comment-page-1/#comment-284508
        Inoltre ho lasciato tutti gli altri commenti ripetitivi e ridondanti che ha lasciato usando altri indirizzi email. Per questa volta cercherò di essere tollerante con lei. La prossima volta non garantisco di avere altrettanta pazienza.

        Rispondi
          1. adminadmin

            Vuol dire “cancellare” quando si sbaglia a scrivere.
            Ora prenda la penna rossa, lei che è “professoressa” e metta una bella correzione sul suo monitor, la prego.

      2. adminadmin

        Antoniette… ed ora anche nomi di altre persone (Francesca Pasquali). Le evito denunce per aver utilizzato l’identità di altre persone. Non credo che la Pasquali apprezzerebbe vedere associato il suo nome a cose scritte dalla Marinucci!

        Rispondi
        1. Marinucci Antonella

          1.Su quale base lei afferma che le mie e-mail siano false?
          2.I miei amici di fb li scelgo uno per uno.
          3.Il bannare le persone su fb è un’azione legittima, se queste infastidiscono e molestano
          4.I miei soldi li spendo come voglio.Ne ho già investiti per cause vittoriose patrocinate dall’avvocato Gargiulo
          5.Dire di chiamarsi Antonio non vuol dire svelare la propria identità.
          6.L’avv.Carlo Gargiulo è un carissimo amico di famiglia, che la assicuro, riceve con piacere ogni incarico. Può sempre telefonargli per accertarsi se mi conosce.
          7.I miei amici su fb sono 4000, da me scelti e selezionati, nel momento della loro richiesta di amicizia. Le assicuro che non inserirei mai una persona come lei nella lista.
          8.I commentatori della sua pagina sono pochi e molti le danno pure torto.
          9.Mostri la mia connessione con Pontifex .
          9.Lei e non i suoi amici afferma”“Scrive commenti gridati, giudicando chiunque, seminando intolleranza, odio e ovviamente omofobia, e messa alle strette cancella tutto, e banna… esattamente come pontifeSS.”, Quindi io citerò lei e non i suoi amici.

          Rispondi
          1. adminadmin

            1) Io l’ho invitata ad usare email reali. Ora provvedo a verificare ogni indirizzo che ha utilizzato. Mi aspetto una risposta entro 24 ore. Altrimenti provvedo a rimuovere i commenti che ha lasciato utilizzando indirizzi email fasulli.

            2) se i suoi amici su FB li sceglie ad uno ad uno, allora ha scelto anche l’autore di questo articolo?

            3) sosteniamo la stessa cosa: lei può bannare chi vuole. E chi è bannato può lamentarsi scrivendolo qui. Fine della questione.

            4) non mi pare di averle dato suggerimenti su come usare i suoi soldi.

            5) non sono tenuto a svelarle la mia identità. Fine della questione.

            6) l’avvocato Carlo Gargiulo mi mandi la sua procura allo 02700402124. Così evitiamo qualsiasi dubbio o incertezza.

            7) le assicuro che io non mi azzarderei mai a chiederle l’amicizia, stia tranquilla di questo.

            8) I commentatori della mia pagina sono pochi: e quindi? E mi danno torto. Si, amo il confronto sereno. E non censuro chi la pensa diversamente da me. Quindi questo cosa significa?

            9) l’abbiamo scritto più volte: non c’è nessuna connessione tra lei ed i defunti Pontifessi. L’articolo accosta il modus operandi suo a quello dei defunti Pontifessi. Lei ha letto tutti i commenti prima di scrivere? Ho l’impressione di no!

            10) Io non sono l’autore dell’articolo, l’ha capito oppure devo spiegarlo in qualche altra lingua? L’inglese le va bene? Lo preferisce?

          2. adminadmin

            Ed ecco un altro indirizzo email fasullo! La sua è proprio un’abitudine!

            Hi. This is the qmail-send program at oproxy19-pub.mail.unifiedlayer.com.
            I’m afraid I wasn’t able to deliver your message to the following addresses.
            This is a permanent error; I’ve given up. Sorry it didn’t work out.

            ([email protected]):
            212.52.84.178 does not like recipient.
            Remote host said: 550 #5.1.0 Address rejected [email protected]
            Giving up on 212.52.84.178.

            — Enclosed are the original headers of the message.

          3. Caffe

            Mi chiamo Massimo Splendori, tanto per chiarire e sto seguendo un poco sbigottito, questa surreale discussione: l’istinto mi dice di farmi i casi miei, ma dato che nulla ho da nascondere ed ancora meno da temere dall’isteria vostra, vorrei che, cortesemente lei mi dicesse: i suoi quattromille amici li ha scelti e selezionati di persona, da buon allevatore di polli, come sembra trasparire (l’italiano non è certo il suo forte), dalle sue invettive, oppure, come sembra più probabile, ce ne sono almeno mille che non la pensano esattamente come lei? Perché mai lei, ha deciso così improvvisamente, il suo fragoroso ritorno dalle parti dei nostri zebbedei, facendo inopinatamente riferimento a fatti e scritti risalenti all’inizio del duemiladodici, minacciando tuoni e fulmini giudiziari nei confronti di chi, già a suo tempo, le ha ricordato, con le buone o con le cattive (metaforicamente parlando) maniere, che, ad avere un cervello, su questo disgraziato pianeta, non è solo la sua Preziosissima persona? Chi si mette in gioco come lei e me, deve sportivamente affrontarne le conseguenze, ma lei, come certi bambini viziati, rifiuta di prendersi le pernacchie che merita, in base alle stronzate, delle quali sta da un pezzo inondando il web, pretendendo pure, di non pagarne il dazio, forse per diritto ereditario. Anche tenendo conto dei tempi biblici della giustizia italiana, non dubiti, che essa riserverà una bella pernacchia pure a lei. Mi saluti i suoi dieci avvocati.
            Massimo Splendori

        2. Marinucci Antonella

          Per ilSig.Splendori,
          le pernacchie fatte da gente come voi,
          sono per me un vanto.

          2Per l’admin Rimuova, rimuova con la scusa
          indirizzi inesistenti.Non mi serve il pulpito in questo sito
          che offende la mia intelligenza.

          Rispondi
          1. adminadmin

            Rimuovo quello che ho voglia. Se ho voglia.
            Se lei insiste ad usare indirizzi inesistenti (ora mi tocca verificare anche questo nuovo yahoo.it) io provvedo a rimuovere i commenti.

            Scusi la domanda: lei può legittimamente censurare altri utenti regolarmente registrati a Facebook (e quindi identificabili) solo perchè molesti ed io non posso rimuovere i suoi commenti inutili ed offensivi lasciati usando credenziali false? Ma mi faccia il piacere, vada a farsi un ripassino di logica e provi ad essere coerente e conseguente!

            Rimuovo (ovviamente) l’altro commento identico che ha lasciato. E veda di finirla anche con questa pratica (lasciare più volte lo stesso commento)!

            La mia pazienza è finita molti messaggi addietro!

        3. Marinucci Antonella

          Per ilSig.Splendori,
          le pernacchie fatte da gente come voi,
          sono per me un vanto.

          2Per l’admin Rimuova, rimuova con la scusa
          indirizzi inesistenti.Non mi serve il pulpito in questo sito
          che offende la mia intelligenza.Intanto li leggi i commenti,vero?

          Rispondi
      3. adminadmin

        Marinucci ora come la mettiamo? Lei ha lasciato questo commento indicando un’indirizzo email PALESEMENTE FASULLO. Per correttezza ho provveduto alla verifica. Che ovviamente ha evidenziato quanto sia FASULLO questo indirizzo email.

        Adesso posso affermare che lei lascia commenti usando indirizzi email FASULLI.

        Hi. This is the qmail-send program at oproxy9-pub.mail.unifiedlayer.com.
        I'm afraid I wasn't able to deliver your message to the following addresses.
        This is a permanent error; I've given up. Sorry it didn't work out.

        ([email protected]):
        212.52.84.190 does not like recipient.
        Remote host said: 550 #5.1.0 Address rejected [email protected]
        Giving up on 212.52.84.190.

        Rispondi
        1. Marinucci Antonella

          Il suo sistema spamma, no? L’ha scritto lei, no? E’ comodo fare manfrine per rimuovere commenti scomodi. Risponda lei alle mie domande, piuttosto.Può rimuovere tutto quello che vuole.Io salvo tutto.
          Firmato Antonella Marinucci

          Rispondi
          1. adminadmin

            Marinucci lei ha ancora il ciclo mestruale? Sembrerebbe proprio di si.

            Lei ha appena lasciato due commenti quasi identici, uno utilizzando il suo vero indirizzo email (che certamente non divulgherò) ed un’altro molto molto simile usando un indirizzo email fasullo ([email protected]) Ora veda di darsi una calmata: ha stuzzicato adeguatamente la mia pazienza e rischia di scatenare la mia censura!

            Risponda: se è legittimo cancellare e censurare i commenti su Facebook ed è legittimo bannare utenti molesti, per quale ragione io dovrei lasciarle la libertà di spammare qui sul mio blog, a casa mia?

            Mi dia una sola ragione plausibile per cui io non dovrei fare piazza pulita dei suoi insulsi commenti e delle sue accuse deliranti!

            Venendo al contenuto di questo messaggio: io ho scritto che lei, Antonella Marinucci, stà spammando! Impari a leggere prima di scrivere!

    1. adminadmin

      Paolo scusami per la lunga attesa… Stavo ronfando 😉

      Per la tizia: nessuna censura. Semplici regole di buon senso. Poi trovi comunque tutti i suoi commenti nel recente articolo che le ho dedicato… L’ho pubblicato il 1 gennaio… 😀

      Rispondi

Rispondi