E Facebook condanna Brunello e il suo sgangherato sito di apologetica

Discutendo amabilmente con una amica di temi frivoli su Facebook, le ho segnalato un articolo sul sito Pontifesso copiando e incollando questo link.

Dopo poco lei mi risponde che il link non si apre e già pregustavo un’altra improvvisa evaporazione del database pontifesso per opera di qualche ebreo deicida.

Invece sopresa: cliccando sul link che avevo pubblicato sulla bacheca dell’amica, Facebook mostra questo messaggio

In Facebook, we trust

BUON 2012 BRUNELLO!

EPIC FAIL

PS: Caro B.V. prevedo già la tua sgangherata reazione su quel bel sito o una querela fantasma, ma soprattutto mi chiedo a quale specchio farai appello per una impossibile arrampicata. Dio alluviona Genova, terremota il Giappone, manda segnali attraverso la morte di chi lavora ad un palco per un concerto. A quanto pare Dio si sta divertendo a logorarti lì dove ti fa più male: nel portafoglio e nella visibilità.

15 pensieri su “E Facebook condanna Brunello e il suo sgangherato sito di apologetica

  1. paopao

    secondo te B.V. , no non quello… l altro! ):D
    Insomma, lo stalker del quartiere di Volpastren, suo coscritto e co-rionese, avrebbe un futuro come animatore di blog?

    Rispondi
    1. Davide Autore articolo

      B.V. sta per Bruno Volpe.
      Lo scorso luglio un barese di 49 anni, B.V., residente nel quartiere Murat, è stato arrestato in flagranza di reato per stalking nei confronti di una biologa di 26 anni. Il fatto che le iniziali siano uguali credo sia solo un caso 😉

      Rispondi
      1. paopao

        Davide: si si..sicuramente…..anzi boh..forse, chissá ..semmai… ehm ..dici? ):D

        Del resto non é mai giunta una smentita da B.V. e nemmeno da Bruno Volpe … anzi Bruno Volpe non ha scritto nemmeno un articolo su questo spiacevole episodio di cronaca nera muratense! Chissá come mai.. forse lo conosce? E B.V. non ha mai affermato di non essere Bruno Volpe, e nemmeno animatore di blogs…
        oppsala´..thin ice 😀

        Rispondi
  2. adminadmin

    OMG! Facebook collabora con WOT! Questo conferma agli amici Pontifessi che il Social Network è demoniaco e deviato! In principio noi abbiamo coalizzato le nostre forze proprio attraverso Facebook. Ed eSSi pensavano di aver vinto la guerra facendo chiudere i gruppi su Facebook. I gruppi sono lentamente tornati ad esistere ed ora spunta pure la collaborazione con WOT… Questo segna una pietra tombale sul destino del Social Network!
    La morte del criceto del portinaio della sede di Facebook: questo sarà il segnale del dio Pontifesso al Social Network, affinchè si ricreda e converta!

    Rispondi
      1. adminadmin

        Immagino che l’articolo di Carletto sia una goffa risposta a questo nostro articolo. Almeno eSSo evita accuratamente di menzionare WOT. Probabilmente gli bruciano ancora le ferite riportate nello scontro con WOT. Credo ci siano molte persone che ancora oggi aprono il thread all’interno di WOT sul sito Pontifesso per farsi delle sane risate. E ritengo possibile che gli amministratori di WOT conservino lo spam proveniente dagli amici Pontifessi che ha intasato le loro mailbox oltre che quello di alcune ambasciate… ):-D

        Avevano promesso dossier sull’attività di WOT. L’avete visto? Ora promettono dossier su Facebook. Meglio non trattenere il respiro.

        Rispondi
  3. Sandro Storri

    ehm, scusate… ma zuckerberg non e’ ebreo? ecco la spiegazione! di sicuro c’e’ sotto una congiura giudaico-massonica!

    Rispondi
    1. adminadmin

      Tecnicamente parlando nyud.net non è un vero e proprio dominio appartenente al sito Pontifesso. Si tratta del Coral Content Distributon Network (Coral CDN), una serie di proxy che consentono di accedere con più facilità a contenuti diversamente lenti perchè “lontani” oppure irraggiungibili. Già proprio la Coral CDN contro cui si scagliava il caro Carletto in un suo magistrale edittoriale in cui dimostrava una colossale ignoranza (confondendo la CDN con un proxy anonimizzante).

      Io personalmente (ed in generale molti altri contributor del nostro piccolo sito Pontilesso) preferiamo accedere al sito Pontifesso attraverso questa CDN (ed indichiamo nei nostri articoli le fonti “nyuddate” onde impedire che qualche non impossibile disservizio di Aruba vi impedisca di leggere le pagine Pontifesse). 😉

      Rispondi
  4. Gianfranco Giampietro

    Pontifex come risposta ripubblica un vecchio editoriale di CdP in cui si accusa Facebook di essere massonico (“l’evidenza” è dovuta al fatto che gli amministratori ed il creatore di FB sembrano interessati ai profitti derivanti dalla loro “creatura” e dal fatto che sia “globale”, come da noto piano degli “Illuminati”, cosa che rende allora massonico il 101% di qualsiasi attività a fini di lucro, come anche qualsiasi cosa di tipo “globale”, da internet alla semplice radio pubblica), “giudaista” (sempre secondo la logica “se difendi gli omosessuali dall’omofobia sicuramente è perchè tu sei a tua volta tale, se condanni i post antisemiti di Pontifex sicuramente appartieni all’onnipervadente lobby sionista) e anticattolico (per il fatto che Facebook non censura qualsiasi genere di commento sarcastico contro la Chiesa.

    Come al solito Pontifex immagina massoni, “illuminati”, satanisti, ebrei e omosessuali in ogni dove…

    Rispondi
    1. adminadmin

      GG vogliamo parlare del bellissimo articoletto di Carletto sul fondatore di TFP (maggiori info qui: http://www.kelebekler.com/cesnur/txt/tfp09.htm ), all’interno del quale arriva ad attribuire doti profetiche al criminale Dr Plinio? Io, leggendo le stesse parole di Carletto, ho trovato che il Plinio, più che un profeta, sia l’ispiratore degli attentati alle Twin Tower. Forse Obama dovrebbe prendere tutti i coloriti aderenti a TFP e rinchiuderli a Guantanamo! 😀

      Rispondi

Rispondi