Volpastren ma possibile che non capisci mai un kaiser?

Le amenità di Volpastren, per quel che mi riguarda, sono diverse oggi (con sorpresina finale) si concentrano prevalentemente articolo su Sarah Scazzi.

ma Sarah quando mai verrà ristorata del danno prodotto dalla mamma che non l’ha battezzata?

Rientriamo nell’assoluta mancanza di libertà religiosa, come d’altronde è tipico su Pontifex. Sarah, peraltro, è morta a 15 anni, quindi si può anche immaginare che potesse aver avuto il tempo di meditare se volesse o meno diventare cattolica. Anche se fosse ad uno stadio iniziale della sua riflessione, data la giovane età (comunque di molto successiva all’età media in cui ci si comunica la prima volta), posso garantire che Dio, in quanto sommo e perfettissimo, lo sa.

In realtà, Volpastren, a te che è morta una ragazzina di 15 anni non te ne fotte. Vuoi solo contestare il suo mancato battesimo. Che rispetto alla morte di una persona, francamente, mi sembra il problema minore.

ha detto che vuole vendetta, che questa vendetta è gradita a Dio Geova.Insomma, un Dio vendicatore e giustiziere della notte, una vera eresia mandata in diretta, senza che nessuno degli ospiti – neanche il cattolico e caro Meluzzi – avesse avuto il coraggio di contraddirla. A parere della mamma di Sarah Scazzi, Dio dovrebbe mandare fulmini e saette sugli assassini.

Ma quando mai!! Ma quando mai!! Ecco il testo della mail spedita da Concetta Scazzi:

“Michele Misseri ostenta in giro con orgoglio l’atteggiamento di un divo di Hollywood, come se avesse commesso un’azione vanagloriosa invece di chiudersi in casa e soffrire di rimorsi perché‚ in tutto questo tempo lui e la sua famiglia hanno soltanto dimostrato presunzione e falsità, infischiandosene del male che hanno fatto alla povera Sarah. Sono ed indignata da quest’uomo: manca di dignità, prima verso se stesso, e le lacrime che versa, quando menziona anche solo il nome di Sarah, sono piene di falsità, come quelle che è stato abituato a vedere nella propria famiglia, in tutto questo tempo che è passato. E’ vergognoso sentir chiamare quest’uomo zio Michele in toni affettuosi, come se si stesse parlando dell’omino pio, del Fatebenefratelli. Ma, ci rendiamo conto che una bambina di 15 anni che avrebbe dovuto vivere la vita con gioia e spensieratezza è stata soppressa da quest’uomo abominevole, che ha anche il coraggio di farsi intervistare in uno studio televisivo? La Bibbia mi ha insegnato che non c’è scampo per coloro che mentono. Geova Dio tiene conto delle loro opere malvagie ed essendo un Dio che non tollera cattiverie ed ingiustizie, a tempo debito darà a ciascuno i risultati di ciò che è stato seminato ed è questa la fiducia e la certezza che mi aiuta ad andare avanti”.

Di grazia dove stanno fulmini e saette? E Dio travestito da Charles Bronson? E poi fammi capire:

Dio è amore puro, misericordia e sa perdonare, se pentito, anche il peggior delinquente.

Dio non manda mai il male, ma lo permette, quando questa specie di catechismo del male, serve per ottenere un bene.

Vorrei capirlo, questa specie di catechismo (??): Bin Laden e il peggior delinquente possono essere perdonati e Crozza no? E nemmeno Sarah Scazzi che non è battezzata dalla mamma (e dal padre) può essere perdonata? A Genova l’alluvione l’avrebbe permessa Dio e a Barcellona Pozzo di Gotto no? Non sarebbe un bene sapere chi ha ucciso quella povera ragazza? Non sarebbe ancora meglio se Dio sommo e potentissimo evitasse del tutto il male? Dio ci ha creati a Sua immagine e somiglianza, ma siamo sicuri che abbia fatto un buon affare? No: solo Volpastren (e Meluzzi che giustamente sul discorso molto duro della donna ha la sensibilità di tacere) possono descrivere Dio come Terminator. E meno male!

Anzi a proposito del caro Meluzzi, Volpastren ho una sorpresina per te, Volpastren: ho ripescato una vecchia intervista che tu stesso hai fatto a Meluzzi nel 2009, vediamo il tuo caro Meluzzi cosa diceva:

 

Volpastren fa il vago: qualcuno dice … no Volpastren TU dici che se le donne vanno in giro succinte poi è comprensibile che le violentino. Quando? Qua, per esempio quando dici che a volte se le cercano. O anche qua, quando dici che, sì preghiamo pure per le donne violentate, ma indurre in tentazione è peccato.

Quindi quelle parole di Meluzzi sono riferite indirettamente a te, Volpastren, che hai sempre sostenuto queste tesi. Solo che Meluzzi, che di suo non ti caga manco di striscio, se non quando gli telefoni per importunarlo per strappargli frasi a te favorevoli, raramente ti ha dato modo di finire in cronaca. Per questo, per quanto Meluzzi sia stato uno dei primi ad essere stato da te intervistato, da un po’ di a questa parte, ha notevolmente ridotto le sue apparizioni su Pontifex.

Scommettiamo che domani apparirà magicamente un’intervista a Meluzzi?

 

p.s. magicamente, dopo aver mostrato come Scilipoti è il testimonial gratuito di Volpastren …. è sparito Scilipoti. Sono convinto che non è un caso: spunta un articolo di Gene Kerrigan sui debiti delle banche, eppure ieri Scilipotens ha lanciato in pompa magna una manifestazione per proporre il referendum sul signoraggio bancario chiamando a sè il popolo degli intelligenti. Magari è solo che Sara Tommasi era troppo scosciata.

10 pensieri su “Volpastren ma possibile che non capisci mai un kaiser?

  1. Caffe

    “Non sarebbe ora di abbassare i toni?” Così Volpe alla fine del suo articolo sulla povera Sarah Scazzi; se la vicenda non fosse così tragica sarebbe da sghignazzare sul muso di questo sedicente giornalista. Nel corso dello stesso articolo lui certo i toni non li ha certo mantenuti bassi: con la rozza prosa che lo contraddistingue, l’arroganza dell’ignorante che si crede un sapiente, ha imbastito uno dei suoi sproloqui prendendosela con la mamma di Sarah e i Testimoni di Geova, la religione alla quale lei aderisce. Con quale diritto l’ineffabile impiastro può affermare che una cosa che nessuno ha mai veduto, ne, tanto meno, provato l’esistenza, il Dio dei cattolici, sia l’unico vero Dio? Per questo si parla di fede, io ho il massimo rispetto di chi ha fede, in qualsiasi Dio, ma quelli che si sentono in diritto di offendere le altre fedi o arrivare scatenare guerre in nome di qualcosa tecnicamente equiparabile ad una qualunque superstizione, mi fanno oltremodo incazzare, no, incavolare, manteniamo bassi i toni.

    Rispondi
  2. Gianfranco Giampietro

    Perchè Bruno Volpe si scandalizza tanto per il “Dio” vendicativo dei Testimoni di Geova ? A me sembra che quello personale di Bruno Volpe sia ben più fascista, antidemocratico e talmente vendicativo da mandare/”permettere” alluvioni e terremoti nelle città soltanto perchè, secondo Volpe, in queste malcapitate città venti o quaranta anni prima ci è nato qualcuno che non fa piacere a Dio…

    Riguardo alle donne, posso quasi capire Volpe… la colpa “è delle donne” che inducono in tentazione il povero B.V. e che a causa di queste tentazioni poi va in giro ad appendere fegati di animali… sì, vabbè -.-‘

    Rispondi
  3. faunita

    Il DIo che deve fulminare omosessuali, atei, sostenitori del libero amore, biologhe che non cedono alle profferte amorose ecc. dovrebbe quindi perdonare la famiglia Misseri così come certamente farebbe – stando a Brunello di Montalcino – anche per Breivik ecc.

    Se fossi cattolica, direi che Volpe sta bestemmiando. Ma che razza di divinità crudele e sadica dipinge, in questi articoli? E soprattutto: lui che si commuove per i feti e le madonnine di gesso, un po’ di pietà umana e cristiana per una bambina assassinata e scaraventata dentro un pozzo come un sacco di rifiuti….? No, eh?
    Sarà che la piccola Sarah, oltre ad essere carina, non era battezzata, probabilmente aveva già abbastanza motivi d’inquietudine senza metterci di mezzo la religione e, soprattutto, è stata uccisa proprio in famiglia. Insomma, a Volpe & co. non è tanto simpatica. Non essendo battezzata, non è gradita a Dio.

    Mi domando come, secondo VOlpe, dovrebbe comportarsi la signora Serrano-Spagnolo. E soprattutto, come si possa osare dare lezioni di etica e morale ad una donna che ha sepolto la propria figlia assassinata. Peraltro, non è la prima volta che Volpe somministra fervorini sul galateo cattolico del lutto a madri stravolte cui hanno ucciso le figlie. La Sig.ra Iemma, madre di Elisa CLaps, nonché il fratello della ragazza, hanno già “assaggiato” le ire del nostro per aver detto a volte alta ciò che pensa tutta l’Italia, ovvero che qualcuno aveva interesse a coprire il delitto della povera Elisa e, di fatto, ha “silenziato” tutto per quasi 20 anni.

    Rispondi

Rispondi a buddhist Annulla risposta