Per tutti gli Æsir! La curiosa permissività di Pierro (o di Volpasten?)…

 

Odino-San Nicola visita i bambini buoni a bordo del carro di Thor-la sua magica slitta...

Ask veitk standa,

heitir Yggdrasill

hár baðmr, ausinn
hvíta auri;
þaðan koma döggvar
þærs í dala falla;
stendr æ of grænn

Urðar brunni.


So che un frassino s’erge

Yggdrasill lo chiamano,
alto tronco lambito
d’acqua bianca di argilla.
Di là vengono le rugiade
che piovono nelle valli.
Sempre s’erge verde

su Urðarbrunnr.

Edda poetica

 

Già: per Wotan, Thor e tutte le Valchirie, Volpe oggi si fa (per così dire) più permissivo. Certo, può anche darsi che sia solo l’intervistato, ma dopo quel fattarello di Scilipoti, per altro non certo aiutato dalla totale mancanza di gap stilistico tra la favelle dell’Emerito e del Geniale Volpasten, malignare è lecito.

ma passiamo a noi: leggete cosa blatera il pensionato:

Presepe o albero?

“l’albero onestamente ha natura nordica e un tantino protestante, ma non fa male. In chiesa, meglio non metterlo.

Esatto: il Nostro non dice no. Non dice no! Alla facciaccia di Volpasten che non tende né a censurare né a mettere i dovuti paletti per rispettare la sua linea editoriale. In poche parole Volpe, acre fustigatore del perfido (nel senso che preferite) politeismo-non-angelico, condivide una posizione alquanto… singolare.

E’ infatti strano che il Nostro non si sia scagliato contro una tradizione palesemente ispirata da Satana e imitatrice dell’Unica Vera Religione – non fraintendete: uso soltanto le parole che avrebbe usato Volpe -.

Notiamo infatti che la tradizione, per quel che riguarda i Paesi Nordici, era preesistente e notiamo anche che durante quel periodo i Norvegesi erigessero un albero di Jule e celebrassero Odino Jólnir a cavallo di una capra, esattamente come si suole rappresentare lì Joulupukki “Babbo Natale” o ancora meglio “Papà Jule”. Da notare come durante questo periodo, fine del Solstizio d’Inverno-inizio astronomico dell’Equinozio di Primavera, fosse uso bruciare delle figure rappresentanti l’anno vecchio alla stessa maniera del Vecchio Marmar romano (vd qui, qui e qui) o del Festival del Re Persiano, poi mitigato.

Altresì strano che questo simbolo, l’albero rappresenti l’Yggdrasill: il patibolo del Saggio Odino, secondo il mito legato alla pianta e colpito al costato da una lancia da sé stesso per auto-punirsi dell’aver insegnato agli uomini le Rune. E in sacrificio a sé stesso.

Come se non bastasse, la capra di Yule rimarca quelle del carro di Thor, immortali pur se le si uccide.

 

Davvero molto strano che Volpe non abbia notato tutto questo. Sarà perché è tradizione?

 

Fonte delle stranezze: http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/9584-avvento-incentivare-la-tradizione-del-presepe-siamo-davvero-pronti-a-capire-il-dono-del-signore

Cose che Volpe dovrebbe leggersi:

13 pensieri su “Per tutti gli Æsir! La curiosa permissività di Pierro (o di Volpasten?)…

  1. paopao

    “Davvero molto strano che Volpe non abbia notato tutto questo. Sarà perché è tradizione?”
    no, é perché é ignorante come un bue… ):D

    bell´articolo FSM …

    Rispondi
  2. Gianfranco Giampietro

    Odino “crocifisso” ad un albero e trafitto al costato da una lancia… non mi suona nuovo… alla fine i miti si riciclano tutti tra loro xD

    Rispondi
    1. SandroSandro

      Poi dici che non è vero quando sostengo che le interviste di Volpastren mirano a questo. Avrà anche rosicato, Volpastren, perchè non si cita il suo blog nell’articolo citato da Diego, ma il suo bel rilievo ce l’ha avuto.

      Provate a scrivere su Google: “Fare yoga è satanico”, e saprete dirmi se sbaglio o meno. Che poi Volpastren sia sfigato perché in tutto ‘sto can can Pontifex non riesce comunque ad apparire, mentre il mio Pensare è gratis appare facilmente solo scrivendo cose semplici “Simona Ventura” o “culi belli”, e Pontilex riesce comunque a spuntarla nei motori di ricerca criticando Volpastren.

      Ma qua entriamo nella sfiga trascendente che opera in stile nuvoletta di Fantozzi sul quartiere di Murat. 😀

      Rispondi
  3. diego

    a proposito di Thor: lui ha sconfitto i giganti di ghiaccio mentre Gesù avrebbe sconfitto il male e la morte. Allora io domando: avete visto giganti di ghiaccio in circolazione??

    Rispondi
          1. adminadmin

            Ed il giorno seguente, immediata beatificazione sul sito Pontifesso: Santo Mimmo Scilipotiens, morto nella testimonianza della sana dottrina pontifessa contro le divinità demoniache. 😉

          2. stevenY2J

            Io, però, starei attento a non sottovalutare il superpotere di vaneggiamento di Mimmo, che, a furia di sparate su “adozioni”, “gay”, “Profumo”, “Dio e patria”, “poteri forti” e “governo massone”, potrebbe anche stremare Thor dalle risate ed ottenere una facile vittoria.
            La battaglia potrebbe anche avere un esito a sorpresa.

Rispondi