Gli strani silenzi di Volpastren.

Brutta bestia l’informazione tendenziosa per Volpastren. In un suo articolo, la cui ultima parte sono poche righe zeppe di banalità e quindi meritorie di assoluta indifferenza, è solo la prima parte che mi interessa: riporta un noto quotidiano romano nella sua edizione barese.
In primo luogo do conto dell’arcinoto vizio di Volpastren di non citare le fonti: ma sottovaluta le mie capacità di ricerca: ho trovato il link.

Leggendo l’articolo mi sono reso conto del perché non abbia citato le fonti il nostro giornalista pubblicista non secolarizzato con due dozzine e un ciccinin di anni di esperienza. Non ha citato le fonti perché ha scritto una serie di sciocchezze. L’articolo di Repubblica racconte di questo promotore finanziario che faceva parte dell’Opus Dei e che avrebbe truffato alcuni clienti. Dell’Opus dei appena  si accenna, ma per Volpastren che vede complotti anche dietro Iva Zanicchi.

parlare male dell’Opus Dei, o titolare sulla Prelatura, innalza le vendite, attribuisce una sorta di mistero. Povero giornalismo.


No, Volpastren, devi essere onesto intellettualmente (trattengo a stento una risata satanica) e dire che nella brevissima descrizione (un paio di righe), si dice anche che questo tizio è stato candidato nella lista del sindaco Emiliano (di centrosinistra). Ma, guarda un po’, metti la questione solo in via eventuale (cosa ci fregherebbe di sapere che un rapinatore vota per Vendola)?
E devi anche sapere dall’altissimo della tua esperienza pluridozzinale (non equivocate: da intendere con più di una dozzina di anni) che è prassi giornalistica fare un breve sunto di chi è il centro dell’articolo. Nessuno ha parlato male dell’Opus Dei. Chi se ne frega dell’Opus Dei. Hai costruito un articolo sul niente come solo tu sai fare.

Piuttosto, parlando parlando di giornali tendenziosi e di cronaca di Bari, perché non hai parimenti commentato la vicenda giudiziaria di tal B.V. avvocato del quartiere di Murat (Bari) arrestato per stalking nei confronti di una ragazza ventiseienne? Perché non continuano i tuoi scoop su Cetto e sulla biologa? Ci avevi promesso che parlavi della tua assenza forzata e che ti ha tanto segnato, ebbene? Perché non rispondere ora alla domanda se lo stalker sei tu o meno?

Tutto ciò m’è venuto in mente perché leggendo l’articolo che NON hai riportato (chissà che questo non sia un altro motivo che ti ha spinto a non pubblicare le tue fonti), e che io ho trovato, si parla di un altro presunto truffatore che avrebbe compiuto vendite fittizie nel complesso residenziale “I giardini di Murat” di via Calefati.

Un attimo un attimo: Murat è il quartiere dove risiedi, e controllando dov’è via Calefati vedo che è proprio lì. Beh: perché non parlarne Brunello? Non hai scoop? Nessun palo della luce su cui arrampicarsi? Nessuna fonte che ti riferisce nulla di questo complesso residenziale?

 

 

Strani silenzi …

9 pensieri su “Gli strani silenzi di Volpastren.

  1. adminadmin

    Sandro mi permetto di puntualizzare il tuo articolo: i pali della luce blu sono scomparsi dal sito Pontifesso grazie alla “purga” informatica che ha selettivamente stroncato qualsiasi contributo del Geniale Webmaster dal nostro blog cattolico non secolarizzato preferito 😉

    Rispondi
        1. adminadmin

          Davvero sommersi di critiche… Ed il bello è che i commenti di critica sono quelli con più “pollicioni” positivi… I pochi post a sostegno dei poveri articoli non secolarizzati sono ignorati oppure hanno pollicioni negativi… E dopo questa nostra osservazione ovviamente il bravo gestore del sito Pontifesso provvederà a “ritoccare” abilmente i feedback per “ristabilire” l’ordine precostituito… 😆

          Rispondi

Rispondi