Fantaintervista:omoolodogma e i vignaioli..

La Chiesa parla per le vie generali, come deve essere e non bacchetta nessuno, ma i vignaioli assassini….

vanno bacchettati, per salvare  Roma invasa dal modernismo.

Ne parliamo con don Gianluigiowicz, emerito sconosciuto e noto prete naz..ehm tradizionalista, spesso infangato e perseguitato  dalle onnipotenti lobbies omo-ed-olodogmatiche

Padre,  il modernismo invade Roma e ci fa aspirare costantemente i fumi  della omo e olo dittatura….

Io parlo proprio di olodittatura, dittatura dell’olocausto. Non si può dire nulla che subito ti buttano fuori dal circolo ricreativo SSPPPXXXXWWW (mi piaci tu). È evidente che i sionisti ci marciano. Va bene. Qualcuno ha esagerato. Non tutto è andato come doveva, ma devono proprio menarla tanto?

Molti girano e rigirano intorno ai vignaioli … cosa ne pensa?

Beh se fanno vino buono è normale che ci si giri intorno.

La parabola è molto chiara. Purtroppo alcuni preti modernisti interpretano i vignaioli infedeli come se fossero i cristiani che nella loro vita personale non ascoltano il Vangelo e rifiutano il suo messaggio. Niente di più sbagliato e sia, ovviamente, anatema! Ma dov’è il santo uffizio proprio quando serve?

Primo. E’ evidente che i vignaioli siano i perfidi giudei. Loro, infatti, hanno inventato il vino e lo hanno diffuso in Europa per turbare le menti dei sovrani e dare loro prestiti a interessi usurai, per sconvolgere i soldati e invitarli a stuprare le donne che si mettono minigonne e provocano, per rimbambire i cari curati e renderli sentimentali e morbidi coi giovinetti.

Secondo. È evidente che Noè, un giudeo, abbia inventato il vino e salvato la pianta della vite nella sua barchetta. Purtroppo ha salvato anche gli animali, tentando i bravi cattolici, che, dimenticando la doverosa distinzione dei soggetti, sono indotti a copulare furiosamente con cagnolini, pappagalli e pesci rossi. Particolarmente complessa la consumazione dell’atto con i pipistrelli rossi. Vuoi per l’ascella, vuoi per il perizoma particolarmente rinforzato. Ci vuole niente, infatti, a trasformare una affezione per il proprio animale da compagnia in un vero e proprio rapporto d’amore che, se non consacrato dal vincolo matrimoniale, è abominevole. Meglio farebbero a pentirsi e vivere castamente questa loro tendenza, limitandosi a leggere National Geographic in bagno. Le televisioni dovrebbero trasmettere trasmissioni blasfeme e peccaminose come quelle condotte dalla Licia Colò solo a tarda notte, coprendo le parti eroticamente più stimolanti delle bestie con opportune pecette.

Beh san Tommaso aveva idee chiare sul tema della coltivazione e cura della vite e, conseguentemente, della subordinazione della donna rispetto all’uomo

Sono d’accordo con San Tommaso che aveva dubbi sul fatto che le donne fossero dotate di anima e che si dovessero legare all’uomo solo per gli aspetti legati alla generazione, mentre per tutto il resto è meglio che i maschi si facciano aiutare da altri maschi, dotati di maggiore vigore. Razionale. Non rida, non c’è niente da ridere. I vignaioli sono completamente diversi da noi normali. Se ne stanno tutto il giorno sotto il sole a raccogliere uva, con i loro riccioli e i loro ridicoli cappellini, a frignare per vecchie storie e a contare i soldi che ci hanno rubato con la complicità della massoneria e di Federica Pellegrini che in modo blasfemo apre le acque al suo passaggio mangiando pavesini. Tanto non si convertono, tanto non si convertono gnègnegnègnègne.

Colpa collettiva … un antico e sano concetto cattolico che oggi si tende a dimenticare.

È l’assalto modernista alla logica e alla ragione. Siamo tutti colpevoli dice il signore. Se un vignaiolo uccide un messia tutti i vignaioli sono colpevoli. Infatti se un avvocato del quartiere Murat viene arrestato per stalking tutti gli avvocati sono stalker, anche se non abitano nel quartiere Murat. Purtroppo siamo sotto la dittatura dell’avvocatofobia che non accetta questa semplice verità naturale e denuncia ogni buon cattolico che continua a predicare, coerentemente con il magistero, la verità della colpa collettiva, senza dimenticare gli omosessuali che non c’entrano niente ma che si convertano collettivamente e individualmente.

Padre, é peccato fare gli auguri di buon anno agli ebrei?

Non è peccato ma è sicuramente un atto sconveniente. Meglio evitarlo in pubblico per non turbare le coscienze delle anime candide che ci guardano e che cercano da noi un esempio da seguire. D’altronde è sempre meglio non cadere in un inutile antisemitismo, che, quando esagerato, può costringere la polizia a occuparsi di noi. Esiste sempre un antisemitismo utile ed equilibrato, che va portato nel mondo come esempio e stile di vita santo e corretto. Auguri si, dunque, ma senza strette di mano o baci, meglio sussurrare con una mano sulla bocca e guardando da un’altra. E accompagnare sempre agli auguri una bella preghiera per la loro conversione, anche se non avverrà, i testoni sono duri di cervice.

E mentre l´AntiCristo si é infilato subdolamente a Roma, la chiesa italiana e quella universale giocano  “puntando sui forni”

Lefevbre, (ma come si scrive?) aveva visto giusto. Si era accorto che la chiesa stava pericolosamente rinunciando a tutto quello che la rendeva santa. Il sillabo, il sant’uffizio, la messa in latino, il potere temporale. Ma si era anche accorto che la Chiesa stava pericolosamente avvicinandosi alle altre religioni, smettendo di considerarsi come l’unica via alla salvezza e aprendosi a quanto di buono ci fosse nel mondo. Come se nostro Signore si fosse immolato per tutti, predicando l’amore universale fino alla morte e alla morte di croce. Che idea ridicola e balzana. Di questo passo non avremo neanche il cinque per mille e ci dovremo pagare di tasca nostra anche lo stipendio dei preti. Certo che l’organico si assottiglia. Noi invece ci accontentiamo di custodire gelosamente il vero insegnamento della chiesa cattolica, senza chiedere niente, solo che il Papa dica pubblicamente che si sono sbagliati e che avevamo ragione noi, che loro sono indemoniati e preda dello spirito del mondo, che i papi dopo pius XII sono stati eretici e blasfemi e che Paolo sesto era massone. E che ci vuole! Dateci il pallone che vi facciamo vedere come si gioca. Tempo dieci anni con un nostro papa e la chiesa tornerà star internazionale. Latino, gonnelloni, anatemi, abomini. E al diavolo l’apocalisse e il mysterium iniquitatis. Ci vorrebbe un papa come il monsignore Williamson, capace di riportare la chiesa cattolica alla tradizione. O, in mancanza d’altro, il candidato migliore sarebbe Berlusconi, previo pentimento, e cessione delle proprietà a un fondo blindato.

E i  fratelli lefevbriani?

Anche loro sono eretici scismatici apostati e vestiti male. Non si sono resi conto che cercare qualunque relazione con il papa Ratzinger è come toccare il vuoto sotto la tonaca dell’anticristo. Il papa, infatti, non è cattolico e occupa abusivamente il trono di Pietro, facendo finta di guidare la chiesa, ma nella realtà aprendo le porte al regno del male e suonando orribilmente il pianoforte. Io, finchè questo papa non ammette di essere scismaticoereticoapostata, con lui non ci parlo, gnegnegne, cambio canale quando lo vedo in televisione, faccio linguacce e gestacci quando lo vedo nei giornali. Ho fondato una nuova congregazione realmente cattolica formata da tre persone, ma purtroppo si sta verificando uno scisma sui detersivi usati per lavare la canonica. Una scuola di pensiero radicale ritiene che si debbano usare solo prodotti realizzati in paesi cristiani, ma siccome fino a quando il papa resta in sella l’unico paese cristiano è la nostra casa, e io non posso mettermi a anche fabbricare detersivi, l’ho dovuto scomunicare. Ora siamo in due. Ma buoni.

Cose bizzarre e moderniste come la libertá, la laicitá, la cultura hanno ridotto gli „organici“ all´osso, rendendoci schiavi delle lobbies omosessualistiche che vincono sempre piú frequentemente le elezioni è dittatura…

finalmente parliamo di finocchi, tutta questa storia, teologia, antropologia mi stava stufando. Dunque i sodomiti abominevoli, vomitati tiepidi, san paolo, gregorio, fanno schifo ai demoni (e anche ai cani) hanno l’orecchino, il gay pride non si fa, si convertano e sono anche criminali contro l’umanità. Quale era la domanda? ah si solidarietà al patriarca se pure eretico Irinej che ha avuto il coraggio di esprimere ancora una volta la sana e santa dottrina della chiesa sull’omosessualità. Bruceranno all’inferno, insieme al patriarca, loro e i loro giocattoli erotici. Nel frattempo, prima di bruciare, votano e sono sempre di più. Come una pestilenza contagiano tutte le persone normali. Si colorano i capelli di un arancione acceso, si vestono con gonnelloni neri da donna, dicono stronzate. È un contagio pestilenziale.

Tutti i normali cominciano a lavarsi, profumarsi, sono tutti moine e mossettine. Ho barbra streisand a palla nella mia canonica esco, cerco il colpevole e vedo i fedeli vestiti come i village people che ballano, ballano, si dimenano, muovono quel ditino in cielo. L’oratorio sta costruendo un carro per il prossimo pride e si dannano, si dannano. Come in quegli alberghi ghei friendli.

È già molto che li fanno entrare in quelli normali, ci mancavano solo quelli riservati a loro, con quelle vasche rosa e le tendine rosse alle finestre. È una discriminazione, dovrebbero ribellarsi loro per primi, quando troveranno il tempo e smetteranno di accoppiarsi e delinquere contro l’umanità. Bene ha fatto la Serbia, culla della civiltà a vietare il pride. La violenza è sempre male, ma quando qualcuno provoca!!!

L´AntiCristo domina a Roma, ma intanto Lutero brucia all´inferno, come faranno i tedeschi ad andare in paradiso?

I tedeschi hanno servito fedelmente la chiesa nei secoli e un loro concittadino è attualmente papa, se pur eresiaco e confermante lo spirito di Assisi. Che Lutero sia all’inferno è confermato dai molti che lo hanno visto, specie dopo doppia razione di birra e crauti, al termine di un oktoberfest un po’ sopra le righe. Tra l’altro la sua birra fa schifo. Deve stare attento anche l’attuale papa. È un po’ anziano e, non per minacciare, ma le fiamme dell’inferno non sono una passeggiata. Faranno una bella partita a carte lui, Lutero Vendola e Rosy Bindi. Pregare insieme ai fedeli di falsi idoli è pericoloso. Ci si mette niente a dimenarsi come un indemoniato e a invocare il dio serpente, come fanno i luterani. Potrebbe anche credere che possiamo leggerci da soli il vangelo e che questa lettura personale sia più importante del magistero. I tedeschi comunque andranno in paradiso. Loro non hanno nessuna colpa collettiva per le idiozie di zio Adolf, che tra l’altro era austriaco, piccolo e nero. Hanno inoltre molti meriti storici.

Crede che i politici gay possano amministrare la cosa pubblica o sarebbe meglio mettere tutto nelle mani di Isaia?

Eh si! Vogliamo i giardinetti colorati di rosa, i bambini obbligati a guardare Lady Oscar, gli alberghi dove i normali non possono entrare? I pederasti non possono governare, hanno una sola cosa in testa e farebbero il sindaco solo nei ritagli di tempo, per hobby. Meglio Isaia, anche se noto vignaiuolo.

 

Gialuigi/Pao

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/9031-roma-occupata-dal-modernismo-subiamo-la-omodittatura-e-olodittatura-ebrei-colpa-collettiva-per-la-morte-di-cristo

PS:Buon Onomastico, Volpastren!!!  ):D

 

 

22 pensieri su “Fantaintervista:omoolodogma e i vignaioli..

  1. paopao Autore articolo

    Cari Pontilexi, questa non é stata una fantaintervista facile..
    Sia io che Gianluigi siamo esterrefatti dalle dichiarazioni di don Floriano Abrahamowicz, che suscitano in noi istinti primitivi e violenti.
    Fortunatamente siamo persone civili e ci limitiamo ad imprecare ed a dirigergli pesanti insulti a mente accompagnati da auguri mooolto poco carini..insomma, KAA BUUM !!
    Ora, nell´ambito delle nostre ricerche, abbiamo trovato questo blog che secondo noi, non ha il diritto di esistere. Vi invitiamo a prenderne visione e se lo riterrete giusto (cosa di cui non dubitiamo), denunciarlo alla polizia postale e naturalmente ..a passare parola
    Contiene un´intervista del bel tomo dai capelli arancioni dalla quale non ci siamo ancora ripresi…

    http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/02/10/la-teologia-rivisitata-dalla-shoah-giovanna-canzano-intervis.html
    – S

    Rispondi
    1. adminadmin

      Inizio ad indagare su questo personaggio squallido. Pubblicherò ASAP quante più notizie riesco a recuperare in merito all’imbecille (anzi, agli imbecilli) che usano questo sito orribile.

      Rispondi
          1. FSMosconiFSMosconi

            Ah, admin, non per andare OT: ma la mia posta privata non va. Dice che è piena anche se l’ho svuotata del tutto (l’uotbox)… che faccio? 😐

          2. paopao Autore articolo

            eeeh FSM da ieri sera che aspetto la tua eail..ho tutto pronto..e adesso ho capito perché ….:D

          3. adminadmin

            Puoi riprovare ora? Ho dato una “pulitina” a tutti i commenti che erano stati cancellati ma risultavano ancora nella “pancia” di WordPress… L’ho sempre detto che i nostri private messages sono tutto tranne che affidabili… 😀

            Una prece: usate i PM il minimo indispensabile. Se possibile, preferite contatti diretti tra voi via mail.

  2. adminadmin

    Pao, Gianluigi, purtroppo questi genietti che popolano le olo-follie si muovono su Internet ormai da tempo… Vi riporto qualche segnalazione sul loro conto.

    http://complottismo.blogspot.com/2008/02/neonazismo-e-negazionismo-erwinthule-su.html
    http://complottismo.blogspot.com/2009/04/finalmente-chiuso-thule-toscana.html
    http://complottismo.blogspot.com/2009/04/le-lunghe-ombre-di-erwin-thule-su.html

    Come vedete ammorbano Internet dalla Toscana (come si può facilmente verificare facendo qualche ricerca) con le loro idee deliranti e malate… Degni compari di “lotta” dei nostri amici Pontifessi…

    Rispondi
        1. adminadmin

          Insomma, vuoi forse ipotizzare che il buon Brunello abbia copiato il suo inconfondibile stile da questa ignota intervistatrice? Oppure pensi ad una contaminazione incrociata, dovuta all’esposizione subita da entrambe ad un agente patogeno? 😀

          Rispondi
          1. paopao Autore articolo

            no, no, assolutamente admin…la veritá sullo stile di Volpastren la capirai dall´articolo che pubblicheró tra 10 minuti…

          2. Gianluigi Loi

            no, in entrambi vedo il sacro fuoco della verità e il desiderio di dare un servizio al lettore facendo domande scomode che mettano in crisi l’interlocutore …

    1. Gianluigi Loi

      però … sai che mi pare un modello comunicativo stile “protocolli dei savi di Sion”. un documento inventato che gira fra i membri di una setta e più gira più acquista credibilità fra gli stessi che accumulano sempre più risentimento per come si sentono vessati e imbrogliati … interpretando tutto quello che succede sulla base di quel paradigma d’odio

      Rispondi
      1. adminadmin

        Appunto: si pisciano addosso alimentando i loro miti e le loro idee malate. Anzi, visto lo sterco che producono, immagino siano anche dediti alla coprofagia!

        Rispondi

Rispondi