Poi chiedetemi perchè sono anticlericale

Parole dell’ Arcivescovo di Granada , riguardo la legge sull’aborto di recente approvazione in Spagna :

“Matar a un niño indefenso, y que lo haga su propia madre, da a los varones la licencia absoluta, sin límites, de abusar del cuerpo de la mujer”

(Uccidere un bambino indifeso , per mano della sua stessa madre , dà agli uomini il diritto , senza limitazioni , di abusare del corpo della donna)

(fonte)

 

Benissimo. Organizziamo degli stupri di massa. Facciamo le cose in grande stile  , dopo averle stuprate , più e più volte , ammazziamole tutte.

Le possiamo bruciare vive , le possiamo impiccare , possiamo far bere loro dell’acido. Rimane solo l’imbarazzo della scelta.

Questa è la gente che dice messa la domenica : nient’altro che criminali , mandanti morali e complici di atrocità… e complici a loro volta tutti quelli che si abbeverano da queste fonti di saggezza , come ne abbiamo diversi anche qui in Italia.

 

 

66 pensieri su “Poi chiedetemi perchè sono anticlericale

  1. marco uras

    ecco la solita cavolata prendere una frase estrapolarla da un contesto dando così un’interpretazione sbagliata, poi se uno è abortista chiaro che è anticlericale!

    Rispondi
    1. marco uras

      che significa come la mettiamo?per favore non facciamo confusioni, significa che l’assolvimento dal peccato dell’aborto il quale può essere dato solo dal vescovo, duranti la gmg anche i sacerdoti possono avvalersi durante la confessione di tale remissione o assolvimento verso i fedeli

      Rispondi
      1. adminadmin

        Ma questo non rende meno grave il peccato dell’aborto? Perchè di norma occorre il Vescovo mentre in questo caso basta un semplice prete? E perchè solo ora? Perchè solo alla GMG? Io mi pongo delle domande. E non trovo risposte.

        Rispondi
        1. marco uras

          il peccato dell’aborto è materia grave inserito nei dieci comandamenti non uccidere, esso non è un diritto ma un delitto contro la natura dell’uomo e la vita indifesa e debole, per tale peso di norma occorre il vescovo per il suo annullamento, o salvo qualcuno ovviamente presbitero delegato dal vescovo, essendo la gmg momento d vitale importanza per la Chiesa e per il mondo , l’umanità, ecco che Essa la Chiesa attraverso il potere datogli da Nostro Signore “tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato in cielo e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto in cielo” (Mt 16,13-20) allarga la sua misericordia dando la possibilità ai fedeli in questo momento di particolare grazia la remissione di tale peccato anche attraverso i sacerdoti

          Rispondi
          1. marco uras

            bisogna aggiungere che il peccato dell’aborto ne consegue la scomunica quindi per questo si ricorre al vescovo è stato allargato alla gmg data la situazione drammatica per causa della legge sull’aborto in Spagna

          2. adminadmin

            Uras a me pare una solenne castroneria. Tu citi la nuova legge spagnola. Allora se una ragazza italiana andrà a confessarsi alla GMG non può ricevere questo tipo di “bonus”? Quindi mi stai dicendo che questo tipo di “premio” è riservato soltanto agli spagnoli? I sacerdoti quindi verificheranno con una carta di identità la nazionalità della pecorella smarrita prima di concedere o meno l’assoluzione?

          3. Francesco t

            La cosa è chiara . Al ritrovo spagnolo , nelle decine di confessionali , si avrà questa opportunità unica quanto disgustosamente commerciale di cancellare il peccato dell aborto e la scomumica per esso , benche non si possa fare di norma . Non c è da porsi domande . È una manovra commerciale disgustosa , punto .

          4. virginia Lalli

            Non è un’opportunità unica. Ci si può confessare anche nel proprio paese o con il vescovo o con un prete che sia stato autorizzato stante la gravità del peccato.
            Vuoi contestare la Misericordia di Dio? Ti rappresento che Dio ci vuole tutti salvi, se non ti dispiace.
            Confessare un peccato del genere non significa che non si farà Purgatorio per purificarsi.Vedrà il Signore che sarà giudice giusto.

          5. Caffe

            Esimia Virginia, (nome quantomai azzeccato: e chi ti si piglia?) bisogna aver misericordia dei tuoi genitori, povere anime candide, dopo aver generato affus, hanno pensato di rimediare generando te: il buon Dio è misericordioso, con figli come voi due, il loro peccato lo hanno già scontato abbondantemente; da condannare a passare all’inferno tutto il resto dell’eternità è quel mentecatto che ti ha dato una laurea!

          6. francesco t

            strano, eppure se uno va in un confessionale normale non ti assolvono dal peccato dell aborto. e come è stato ben precisato, l aborto include la SCOMUNICA. che , però, in questa occasione, verrà generosamente ritirata.
            e se poi il mettere decine di confessionali all aperto non è un idea commerciale, mi dica lei esimia lalli che cos è . anche se prevedo un altra risposta da arrampicata sugli specchi con fette di prosciutto sugli occhi .

            io non contesto Dio, io contesto chi si fa portatore di Dio, in malomodo e in modo commerciale. e questo bel raduno è quanto di più commerciale si poteva immaginare. soldi spesi a sbafo per portare il papa lì, offerte speciali di esenzione, e via dicendo. un credo religioso, per un pò di tempo, è stato trasformato in un business. Dio sarà sicuramente molto fiero di chi lo usa in tal modo.

          7. diegopig

            francesco t ha detto
            strano, eppure se uno va in un confessionale normale non ti assolvono dal peccato dell aborto. e come è stato ben precisato, l aborto include la SCOMUNICA. che , però, in questa occasione, verrà generosamente ritirata.

            Mi permetto di dissentire: la Sig.ina Lalli ha chiaramente specificato “…con il vescovo o con un prete che sia stato autorizzato stante la gravità del peccato”

            In sostanza, il peccato di aborto è imperdonabile finchè “loro” non decidono altrimenti. 😀

            Come dire: “Valori eterni ed assoluti, fin da ieri pomeriggio alle 15:12”

          8. adminadmin

            Lalli: argomentazione assolutamente vana. Anche lo Stato ambisce alla perfezione dei suoi cittadini. Eppure le sanzioni e le pene vengono regolarmente inasprite in base all’umore del regnante di turno. La realtà contraddice le tue teorie. Aria fritta ribollita e riscaldata!

          1. adminadmin

            Lalli ho visto il video… E mi sovviene una domanda. Ma con chi pensi di avere a che fare? Pensi di svelarci qualcosa di ignoto? Pensi siamo tutti ignorantotti e villani, senza alcuna conoscenza di cosa avvenga dopo il concepimento? Anzi, no, mi sovviene una seconda domanda: ma i tuoi amici di Mistretta hanno scelto la voce di una bimba per accompagnare le immagini soltanto perchè non c’erano adulti a disposizione oppure per avere un maggiore effetto scenografico?

            Ah … che tristezza, Lalli… Che tristezza ogni tuo contributo!

          2. Gianluigi Loi

            ho visto il video e l’ho trovato patetico e vergognoso nell’escamotage di fare parlare una bambina come se la scelta della madre fosse dettata solo dalla paura di lei …
            vergognoso e ridicolo il tuo rivolgerti ad abortisti come se fossero assassini o amici di assassini. Io non mi sento abortista. Credo che la normativa sull’aborto abbia ridotto molto il numero delle persone che ricorrono a questa pratica. Credo che se una persona ha deciso di abortire per qualunque motivo è meglio che entri in contatto con una struttura sanitaria pubblica piuttosto che rivolgersi al mercato nero delle mammane. Se una ha deciso di fare questa scelta ritengo sia una ulteriore violenza psicologica la relazione con persone come te, capaci solo di fare del male. Non mi sfugge la complessità del gesto, la sua crudeltà. Ma non mi sento di giudicarlo moralmente. Figurati che non mi sento neanche di giudicare le persone che abortiscono con leggerezza, come metodo contraccettivo. Non sono appassionato nè delle motivazioni nè dei giochini psicologici che ci fanno sentire in colpa o che ci assovono. Paccottiglia cattolica. Non so se sia un dramma che ti lacera per sempre oppure una operazione che ti lascia leggera la coscienza, con un senso di liberazione. Non ho idea, credo dipenda dalla struttura morale di ognuna. Quello che è sicuro è che per ridurre a zero questa pratica (cosa che ritengo essenziale) è meglio consentirne l’uso che vietarlo ed è meglio stare vicini alla persona che ha scelto di farlo piuttosto che colpevolizzarla.

          3. adminadmin

            Lo stesso concetto che si può applicare alle droghe: piuttosto che cercare di combatterle, meglio legalizzarle ed affidare a strutture pubbliche la loro somministrazione in maniera controllata. Almeno non si alimenta il mercato nero (degli stupefacenti, degli aborti, degli alcolici durante il proibizionismo)… History will teach us nothing… 🙁

          4. adminadmin

            Ora sarà difficile far capire alla Lalli che con questa nostra affermazione non intendiamo assolutamente fare “pubblicità” agli stupefacenti oppure all’aborto. Intendiamo solo manifestare la nostra preferenza per un controllo pubblico su questi fenomeni piuttosto che usarli per alimentare i traffici “in nero” in generale. Il concetto di base è la riduzione del danno. Non certo l’incentivazione del fenomeno (in tutti i casi citati). Io personalmente spero che nessuna donna si trovi mai a dover fronteggiare una scelta come quella che impone l’aborto. Così come spero che mai nessun essere umano debba mai trovarsi a dover dipendere da qualche sostanza (alcool, droghe, fumo)… Ma “shit happens” e preferisco che sia lo stato, con la sua imperfezione e tutti i suoi problemi a gestire queste situazioni piuttosto che affidarlo alla malavita!

          5. AlbertoBAlbertoB Autore articolo

            Mamma mia che pochezza avv. Lalli…

            Ma si dai , rendiamo l’aborto illegale. Così chi vorrà o dovrà abortire , perchè ci sarà SEMPRE qualcuno che vorrà o dovrà , facciamo alla vecchia maniera , coi ferri da calza sul tavolo della cucina.

            Poi , per inciso , qui non ci sono “abortisti” o “assassini di bambini” : ci sono solo strenui difensori della libertà di scelta. Ma che ne sa lei della libertà di scelta? Se l’è negata da sè e per sè e vorrebbe toglierla al mondo intero. Patetico.

    2. AlbertoBAlbertoB Autore articolo

      Caro Uras , premesso che ritengo l’aborto un problema serio sia sul piano etico che sul piano morale e soprattutto sul piano personale , io non sono “abortista” , io sono semplicemente LIBERALE.

      Sfumature che voi clericali non arriverete mai a comprendere in quanto , come ho già detto altrove , la vostra forma mentis non ve lo permette.
      Uras lo sa anche lei che il mondo non è tutto bianco o tutto nero , però i clericali e tutto il corollario si comportano come se lo fosse.

      Riguardo all’articolo , non so con chi è abituato ad avere a che fare ma io non ho estrapolato niente , il link all’articolo in lingua originale è lì in bella vista. Io l’ho letto e lei?

      Rispondi
      1. adminadmin

        Lasciare ai non-credenti la libertà di non aderire ai valori cristiani? Sia anatema! Anzi, sia anatocismo (che fa più figo anche se non centra una mazza)! 😆

        Rispondi
      2. virginia Lalli

        Liberale sull’aborto nel senso di “Non permetterei mai l’aborto di mio figlio ma lascio agli altri la libertà di scelta” della serie mio figlio lo proteggo il figlio degli altri crepasse pure “liberalmente”, non sono affari miei.
        E grazie a Dio noi credenti non comprenderemo mai questo tipo di discorsi per forma mentis.

        Rispondi
        1. diegopig

          E grazie a Dio noi credenti non comprenderemo mai questo tipo di discorsi per forma mentis.

          Peccato che la realtà le dia torto: In italia, paese a prevalenza cattolica, la legge sull’aborto ha superato brillantemente i relativi referendum abrogativi.
          Questo, banalmente, significa che i cosiddetti “credenti” hanno compreso benissimo la forma mentis che lei definisce “liberale”.

          Ma si sa, la realtà è atea (e, probabilmente, comunista).

          Rispondi
          1. virginia Lalli

            Questo conferma che Gesù davvero aveva solo 12 discepoli! Ma Lui non si è scoraggiato e perchè dovrei scoraggiarmi io? La fede richiede coraggio non liberalità.

          2. Caffe

            Ti concedo che eravate partiti bene, ma se penso a che immondezzaio è diventata nei secoli (l’istituzione mondana, ed i suoi vertici, bada bene, non il corpo dei sinceri fedeli), la chiesa cattolica, vi chiedo: ma che siete partiti a fare?

            “La fede richiede coraggio non liberalità.”
            Ecco, sono queste affermazioni apparentemente ad effetto ma rivelatrici di che pasta culturale siete fatti, che vi fregano; è come se tu avessi detto: meglio Mussolini che Salvemini o Benedetto Croce: con tanto l’affetto, ma te lo devo dire: vai a farti un giro!

          3. virginia Lalli

            In merito al “corpo sincero dei fedeli” le rappresento, egregio sig. Caffè, che mentre noi chattiamo così allegramente ci sono suore e sacerdoti che con la jeep vanno nei villaggi africani. Molti rischiano la vita, molti sono morti.
            E’ inutile lamentarsi dei cristiani molti saranno anche incoerenti intanto partiamo da noi e diventiamo i cristiani che vorremo vedere negli altri. Risponderemo nell’aldilà di noi stessi, della nostra condotta nei confronti di Dio.
            Che siamo partiti a fare? Ovvero perchè Cristo si è incarnato è diventato uomo, ha subito la passione, è morto in croce ed è Risorto? Niente niente per salvarci dal peccato e dalla morte. Ma tanto a voi di questo non ve ne importa niente.
            Ecco io non so che catechisti avete avuto, se me lo dite però verranno certamente redarguiti.

          4. adminadmin

            ROTFL 🙂 … Ora non è più consentita neppure la libertà di non credere che Dio si sia fatto uomo, sia morto in croce e sia risorto per la nostra salvezza? Lalli vuole imporre a tutti il dogma del Cristianesimo? E poi viene anche a lamentarsi se i musulmani (oppure i TdG) compiono opera di proselitismo? Vergogna!

          5. Caffe

            Lalli, ma che sei affus con la gonna? è proprio pensando ai credenti che rischiano la ghirba in sperdute missioni in capo al mondo che mi indigna quell’associazione a delinquere di stampo paternalista nonché specialisti nella circonvenzione di incapace che è diventata nei secoli la chiesa cattolica romana.
            Gesù era partito bene, la chiesa questo è diventata: te lo ripeto, che siete partiti a fare?

          6. giuxgiux

            te lo dico: io non ho seguito nessun corso di catechismo, già da bambino avevo capito chi evitare … i preti.. le suore gli oratori e le chiese in generale 😀

        2. AlbertoBAlbertoB Autore articolo

          Capito tutto eh avv. Lalli? Ringrazi invece la mia forma mentis che mi impedisce di spiegarle cosa significhi essere “liberale” , dal momento che non la ritengo in grado di capire questo concetto e le ha appena evitato di fare l’ennesima brutta figura.
          Ah e ringrazi anche il fatto che chi ha scritto la Costituzione era liberale , altrimenti a quest’ora invece che essere avvocato avrebbe avuto si e no la quinta elementare e passerebbe il suo tempo a stendere i panni e a svolgere , volente o nolente , i “doveri coniugali”.

          Rispondi
        3. adminadmin

          Lalla ma ci prendi in giro? Liberale ha un significato solo. Che è ortogonale alla tua pretesa di impedire per legge la pratica (disdicevole e sconsigliabile quanto vuoi) dell’aborto. Ti auguro di conoscere Uffas/Fuffas/Affus ed unirti con lui. Vedrai che bello essere trasformata nella sua macchina per riproduzione. Secondo me dopo la seconda gravidanza (che corrisponderà al primo anno e mezzo della vostra vita insieme) tornerai qui ad implorarci di cancellare tutti i tuoi interventi “pro-life” (anzi, diciamo le cose come stanno: ANTI-CHOICE), ormai convinta della necessità di poter scegliere.

          Rispondi
    3. Francesco t

      Prendere una frase ed estrapolarla fuori dal proprio contesto … Ma lol , è quello che ha sempre fatto pontifex ed è cio che fanno i cattolici bigotti per comdannare qualcuno !

      Rispondi
  2. Claudio Sinclair

    A leggere certe notizie, alcuni commenti compresi, mi sembra di sognare.
    Questa non è la chiesa che Gesù Cristo ha fondato!!

    Rispondi
    1. diego

      ecco a cosa gli servono i clienti:

      http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/vaticano-ano-ano-i-nomi-di-circa-cento-preti-gay-sono-finiti-sul-tavolo-28829.htm

      E non contento il religioso ammette che aver usato quei settemila euro per sollazzarsi con ragazzi vari gli ha impedito «di fare le opere di bene che faccio di solito, del tipo aiutare economicamente parrocchiani in difficoltà».

      Gli servono soldi al papa per poter sollazzarsi con ragazzi vari!!! Nei prossimi tempi ne vedremmo delle belle, potrebbero cambiare anche i 10 comandamenti.

      Rispondi
    1. AlbertoBAlbertoB Autore articolo

      LOL però sono simpatici… rigorosamente anonimo il sito , non mi pare di aver visto un singolo nome a firma di qualche articolo… quasi quasi ci scrivo un articoletto , mi fanno scompisciare questi tizi 😀

      Rispondi
    2. Gianfranco Giampietro

      Ah ah ah, ma questi sono malatissimi, fanno sembrare i pontifeSSi degli angioletti (Toffali escluso)…

      – hanno scelto il Sole Nero delle SS naziste come simbolo (ma la simbologia nazista non era stata proibita? le solite leggi italiane di cartapesta…

      – fanno delle farneticazioni religiose che manco i predicatori peggiori americani fanno… mi domando dove abbiano scoperto che l’Anticristo nascerà da una “sporca ebrea” e che avrà i denti già da neonato (???!) …

      – vestono anche con le divise (ho guardato un loro video… c’era una specie di Sergente Garcia in uniforme nazi che sproloquiava)

      – hanno un programma per la “liberazione” dell’Italia che lo stesso Mussolini boccerebbe come eccessivamente fascista 😀

      E’ incredibile come internet sia ancora una patria di nessuno che può offrire asilo a questi “nerd” del gioco di ruolo del nazifascismo… >.<

      Rispondi
      1. giuxgiux

        ma vogliono solo andare a zappare la terra….


        Noi chiediamo la libertà di coltivare terra ed allevare bestiame ed esercitare la pesca per nutrire il nostro popolo;

        io glielo lascerei fare …..

        Rispondi
  3. affusaffus

    Il Duce diceva : ” l’uomo è cacciatore “, e anche Gaetano Saya , come nel video sopra , sembra pensarla allo stesso modo .

    Rispondi
  4. Gianluigi

    Conoscendo lo spagnolo mi son letto tutto l’articolo che parlava approfonditamente dell’omelia in questione e debbo dire che sono rimasto sconcertato.
    L’aborto va combattuto in quanto pratica che lascia segni indelebili nella psiche delle donne che solo in casi rari affrontano con leggerezza una simile esperienza.
    Oggi abbiamo gli strumenti per prevenirlo e sarebbe bene utilizzarli appieno.
    Da ultimo non dimentichiamo che l’aborto era il metodo anticoncezionale per eccezione qualche decennio fa, una mia collega mi ha lasciato basito dicendomi che la madre abortì 18 volte a causa del padre padrone che – in assenza di anticoncezionali – non si curava minimamente di mettere in atto le pratiche minime per evitare un simile supplizio (ai tempi preservativi e coito).

    Rispondi
    1. adminadmin

      Gianluigi io non conosco lo spagnolo. Hai voglia e tempo di proporci una tua traduzione, in modo che la Lalli ed Uffas possano estrinsecare la loro onniscenza e palesare i significati reconditi che tutti noi ignoriamo e che si annidano nelle parole originarie? 😉

      Rispondi
  5. rossano corsanorossano corsano

    sinceramente penso che l’affermazione del vescovo apre un interessante prospettiva di lettura della realtà: non basta avere dei diritti, una cultura maschilista può asservire comunque la donna prorpio usandone i diritti….

    Rispondi

Rispondi