“Dati alla mano…”

Reduce or ora dalla lettura dell’ennesimo articolo di Marcello Stanzione sull’omosessualità, mi son sentito posseduto da un’entità diabolica, che, ovviamente vessandomi, mi ha imposto di fare qualche ricerca sul contenuto di quanto riportato: di fatti il nostro scrittore ( che personalmente ringrazio per trovare sempre cinque minuti di diffamazione durante il suo tour angelico per l’italia e soprattutto in vista del meeting planetario sugli angeli che ci sarà tra poco) cita persone definizioni e statistiche…questi i risultati:

-“Nel loro documento politico gli omosessualisti rivendicano di essere orgogliosi di essere quel che sono e accusano di razzismo, sessismo, omofobia, lesbofobia e tranfobia tutti coloro che si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso.”

piccola nota il gay pride nasce come rivendicazione della fierezza di essere omosessuali, fierezza e non orgoglio e del matrimonio tra persone dello stesso sesso non si parla affatto, se non come parte delle richieste di diritti civili e legali…e non esiste un manifesto “politico”. Basta fare un giro su Wikipedia per trovare le fonti.

-“In realtà l’omosessualità si configura come un disturbo dell’identità sessuale di carattere patologico”

No Marcello no, non ce la si fa più: non sei tu a legiferare in materia di malattie mentali, nè tanto meno la chiesa cattolica di Roma…coloro che possono e devono legiferare in materia ovvero coloro che hanno redatto il DSM hanno sancito che non è una malattia. Occorre “RISPETTARE LA LEGGE SENZA SE E SENZA MA”, non è vero? Perchè se non la rispetti e ti “accanisci” con una “minoranza”, quella si chiama discriminazione…la stessa discriminazione contro la quale si lotta nel pride: Marcello tu sei una delle ragioni per il quale il pride esiste…ne sei “orgoglioso”?

Vedi di poi se del resto fosse giusto privare di diritti una minoranza, perchè il popolo italiano, di gran lunga in percentuale maggiore sul territorio italico, non dovrebbe appropriarsi del diritto di conquistare il minuscolo stato del Vaticano? Vedi con le tue parole hai appena giustificato il RIsorgimento! Massone!!!

-“Il vizio è l’abitudine a comportarsi in modo disordinato e tale abitudine è la conseguenza di una prolungata ripetizione di atti disordinati. Esiste spesso un rapporto d’indipendenza fra il vizio e malattia (si pensi al caso dell’alcolismo). Spesso vizio e malattia si fondono e si confondono a costituire un cosiddetto “circolo vizioso”, una spirale senza apparente via d’uscita in cui le diverse componenti si alimentano reciprocamente.”

Ora facciamo un pò di pace con il cervello e la grammatica: il rapporto tra vizio e malattia è di dipendenza o di indipendenza? Nel mentre che veniamo a capo di questo busillis mi sovvengono le parole di Meluzzi proprio sulle pagine di Pontifex circa…la pedofilia. Quindi in quel caso è un vizio da censurare tra le porte della sacrestia alla Babini e non in carcere oppure è una malattia da curare? E prima che venga in mente di accostare pedofilia e omosessualità, sono omosessuale amico di molti omosessuali e nessuno tra loro è pedofilo o indagato per pedofilia. Quelli sono i preti cattolici.

Ora veniamo a Paul Cameron e mi limito a riportare solo la frase che è presente su Wikipedia “For the most part, official scientific organisations have paid very little attention to Cameron’s studies, and thus extensive scientific analysis of his claims have not been widely available. However Cameron’s research, public statements and legal testimony have received criticism from researchers and organizations over methodologies they view as academically dishonest and misleading.” Ricordo che quello pubblicato su Wikipedia deve riportare sempre una fonte, o essere dichiarato privo di fonte e chiaramente indicato.

Ora qualcosa per la quale ti do ragione:

-““l’omosessuale monogamo è una figura così rara che gli altri omosessuali non ci credono”” Stupeficium! sono pienamente d’accordo, però mi si permetta una considerazione personale: gli omosessuali monogami esistono ( io ne sono un esempio), mentre quelli che monogami non sono, lo fanno perchè promiscui di propria volontà ( come gli eterosessuali, che hanno percentuali e probabilità molto più alta rispetto chi deve nascondersi o frequentare solo determinati luoghi) oppure perchè non si vedono organizzati da diritti e doveri i quali, anche loro debbano rispettare come matrimonio, divorzio, divisione dei beni, potestà su figli, adozioni, etc. etc.

Dulcis in fundo:”La percentuale dei suicidi di gay e lesbiche è superiore alla media ed essi risultano causati soprattutto da frustrazioni nella vita di coppia.”

Marcello ma se dopo affermi che una vita di coppia i promiscui e fornicatori omosessuali non ce l’hanno, non ti pare di aver detto una caXXata? Magari perchè non lasci il tour angelico a Lady Gaga e vieni con noi all’Europride a Roma? TI aspettiamo!

Di seguito dove potete trovare lo scempio:

L’omosessualità come disordine psichico e morale oggettivo, altro che orgoglio gay di Roma Europride!!!

 

38 pensieri su ““Dati alla mano…”

  1. diego

    ah povero don Stanzione… i mali del celibato forzato si vedono!!!

    Il vizio è l’abitudine a comportarsi in modo disordinato e tale abitudine è la conseguenza di una prolungata ripetizione di atti disordinati. Esiste spesso un rapporto d’indipendenza fra il vizio e malattia (si pensi al caso dell’alcolismo). Spesso vizio e malattia si fondono e si confondono a costituire un cosiddetto “circolo vizioso”, una spirale senza apparente via d’uscita in cui le diverse componenti si alimentano reciprocamente

    su molti siti atei questa è la dimostrazione che la fede religiosa è una malattia: si è così talmente abituati a sentirsi dire dell’esistenza di dio che si crede che un uomo abbia camminato sulle acque o che la trafugazione di un cadavere sia una resurrezione. Poveri pontifessi!!

    Rispondi
      1. Hiram Abif

        admin, non credo che sia una affermazione forte e categorica.

        Stanzione fino ad oggi ha sostenuto e difeso personaggi come Volpe e Di Pietro e non ha mai preso le distanze da quanto scritto su pontifex.

        il non prendere le distanze da un sito che scrive di approvare gli arresti di omosessuali in russia, che scrive proclami omofobi, antisemiti e razzisti ogni giorno, non prendere le distanze da tutto questo significa condividerlo. diro’ di piu’. a detta di Di Pietro, Stanzione e’ la “guida spirituale” di pontifex, ovvero colui dal quale altri ricevono ispirazione per i loro articoli.

        pertanto, considerato il contenuto omofobo, antisemita e razzista di pontifex e considerato che l’ispiratore spirituale di tale contenuto e’ proprio Stanzione, l’affermazione di comunista non e’ poi cosi’ forte e categorica.

        personalmente la definirei “adeguata”.

        Rispondi
          1. giuxgiux

            una sensazione che mi pervade ogni volta che leggo ciò che scrive e ogni volta che ho sentito ciò che dice…
            una sensazione tutto qui … ma sai a volte bisogna fidarsi delle proprie sensazioni!

  2. federicoB

    “il sempre più deludente Alemanno che si è rivelato un vero floppy a livello politico”
    Floppy??? Ma non sono usciti di produzione??? O si è rivelato un DVD? Mah…

    “Un noto psicologo come Paul Cameron – fondatore del FDamily Research Institute di Washington – ha dimostrato dati alla mano che lo stile di vita omosessuale abbrevia drasticamente la durata della vita: 39 – 40 anni per i gay, 44 per le lesbiche, senza considerare i morti per AIDS”
    Questa poi… I gay morirebbero in media a 40 anni, ma cosa si è fumato il Don?

    Poi vorrei sapere a quali “ricerche scientifiche” e “studi scientifici” si faccia rifermento… Lo so, è chiedere troppo.

    PS Ma scrivere un articolo senza errori di grammatica pare brutto?

    Rispondi
    1. AlbertoBAlbertoB

      “il sempre più deludente Alemanno che si è rivelato un vero floppy a livello politico”
      Floppy??? Ma non sono usciti di produzione??? O si è rivelato un DVD? Mah…

      Zitto… che loro son tradizionalisti , altro che chiavette usb e cd-rom… strumenti del demonio.
      Eppoi 1 mega e 44 sono più che sufficienti , avoja le cazzate che ci metti dentro su un file di wordpad 😀

      Rispondi
  3. giuxgiux

    Comunque Don Stanzone stringi stringi non fa altro che sostenere le tesi ufficiali della Chiesa Cattolica.
    In effetti parlando con religiosi cattolici moderati è normale sentirli affermare che l’omosessualità è una patologia e che è stata esclusa dalla lista della malattie mentali su pressione di lobbies.
    Ci sarà sempre il professore universitario di turno pronto a sostenere nell’anonimato questo.
    Quindi a concludere pontifex usa solo modi più violenti ma la sostanza è sempre e comunque omofoba.
    A mio parere la Chiesa Cattolica dovrebbe interrogarsi su questa sua omofobia e un giorno dovrà chiedere perdono al mondo come ha già dovuto fare in altre occasioni.
    Ma non vedo per quale motivo bisognerebbe perdonarla…

    Rispondi
  4. Oscar Wilde

    quando leggo di tutti questi fantomatici e infallibili “studi scientifici” non riesco a fare a meno di pensare che:
    quando gli fa comodo sono sempre pronti a sbatterteli sotto il naso.
    quando invece sono scomodi, ecco che “la scienza non può arrivare dove arriva la vera fede”, quindi ecco che improvvisamente la scienza è da buttare!

    Sono anni che studiamo il cervello e ancora non sappiamo una FAVA della materia cerebrale (di cui, comunque, un buon 66% sul pianeta ne è sprovvisto)

    la conclusione a cui arrivo? facile:
    “studi scientifici: me LO PUPPATE!” 😀

    Rispondi
        1. AlbertoBAlbertoB

          Ci sono stato oggi a Sucate , io e i miei colleghi abbiamo prima preso le misure per le fondamenta della moschea più grande dell’universo , poi abbiamo montato un grosso cartellone su cui c’era scritto “Letizia Moratti : una donna fuori dal Comune”

          😀

          Rispondi
          1. francesco

            Davvero viviana è carletto? Perdincibacco e io che pensavo fosse solo un esaltata piena di odio represso che va avanti per slogan al punto da dirmi ” va a farti una doccia “. No no nn può esser carletto. Non può usare l identità di un altro sesso per parlare, se no molte cose sarebbero sospette! Dai diciamo che vivy è un ignorantella che professa odio come i pontifessiani. E poi pensa…anche a me ha detto che le info sull omosessualità le ha trovate tutte su google.

          2. adminadmin

            Non può usare l identità di un altro sesso In merito all’argomento ti ricordo che in passato abbiamo visto un interessante scambio di battute tra Carletto e tale “Annalisa” che usava lo stesso indirizzo IP di Carletto… Boh, misteri dei nostri geniali Pontifessi 😉

          3. giuxgiux

            ciao,
            non capisco xkè ti fai del male andando a commentare su quel sito di falsi bugiardi e ipocriti.

          4. diego

            ma certo che è carletto: non vedi i termini? fior di luminari, parafilia, la propaganda non attacca… e poi è lui che ha l’unico google al mondo che riesce a dargli sempre ragione!!

  5. federicoB

    La posizione delle chiesa sull’omosessualità è quanto di più ipocrita si posso umanamente concepire. Da un lato il catechismo non si esprime sui motivi che la causano e dice espressamente che molto persone hanno questa tendenza “innata”, dall’altro condanna la pratica sessuale e la definisce come “disordinata”. Oltretutto non viene considerato minimamente il lato affettivo e d’amore che ci può essere in un rapporto omosessuale e che è lo stesso di un rapporto etero.
    Considero poi criminale l’esortazione alla castità, si condannano così molto persone ad una vita senza veri rapporti d’amore (che chiunque sia mai stato innamorato sa benissimo come siano fatti di una componente corporea e di una mentale).
    La scienza ha ampiamente definito l’omosessualità come una normale variante della sessualità umana, la chiesa dovrà prima o poi adeguarsi (così come ha fatto con l’eliocentrismo).

    Rispondi
    1. Gianfranco Giampietro

      “Oltretutto non viene considerato minimamente il lato affettivo e d’amore che ci può essere in un rapporto omosessuale e che è lo stesso di un rapporto etero”.

      Non c’è di che prendersela a male… il lato affettivo è totalmente trascurato dalla Chiesa anche dal punto di vista eterosessuale.

      Il rapporto sessuale è finalizzato soltanto alla riproduzione in massa della specie homo cattolicus (è latino finto, non ho idea di come si scriva davvero), punto.

      Se il rapporto sessuale fosse visto dalla Chiesa non solo come dovere, ma anche come piacere e momento intimo tra un uomo e una donna, allora potremmo dire che la Chiesa prende in considerazione l’aspetto romantico del rapporto tra un uomo e una donna. Invece è evidente e alla luce del sole che l’aspetto affettivo è ignorato dalla Chiesa ANCHE nel caso di coppie eterosessuali.

      Strano paradosso… la Chiesa, che dovrebbe avere una concezione più “spirituale” e “umanistica” della sessualità, è in realtà molto meno poetica e più materialista di quanto possa esserlo qualsiasi evoluzionista materialista che vede nell’uomo solo una scimmia evoluta.

      Rispondi
    2. diego

      oltretutto una gran parte dei preti sono gay, altri hanno l’amante e dei figli che costringono a vivere senza padre, se sono fortunati (i figli) ad essere sopravissuti alla decisione tutta cattolica di far abortire la madre.

      Rispondi
  6. Biotech

    Come ho sentito più volte dire, non è MAI la gente ad adeguarsi alla fede, ma la fede ad adeguarsi alla gente… questo indica come la fede NON HA e NON AVRA’ MAI le risposte fisse ed immutabili alle cose. Fra 50 anni sicuramente la chiesa cattolica sarà molto diversa, con altre regole ed altre idee… fra 100 anni ne avrà altre, fra mille probabilmente neanche esisterà più… autodistrutta dai suoi errori, il progressivo allontanamento dei fedeli diverrà irreversibile…
    Ma nascerà sicuramente qualcos’altro, sperando l’uomo si sia evoluto abbastanza da abbracciare una spiritualità più ampia e di vera collaborazione e amore. Tutto il contrario del cristianesimo, insomma…

    Rispondi
  7. Gan

    E’ sbalorditivo: Stanzione rifrigge gli stessi concetti con cui i trolls omofobi impestano il web, dimostrando di usarli con frequenza e disinvoltura.
    1) omosessualità come malattia mentale, ma anche
    2) come perversione e vizio, soprattutto quando “esibita” da chi ne è “affetto”.
    3) L’omosessualità come immoralità essendo secondo loro i gay promiscui, lascivi e rapinosi.
    4) L’omosessualità come infelicità, essendo più alto (almeno secondo loro) il tasso dei suicidi fra i gay.
    5) L’omosessualità come “violenza sociale” imposta a coloro che non l’apprezzano o la combattono.
    6) L’omosessualità come “violenza biologica” pervertitrice dell’ ordine naturale, e minaccia per la continuità della specie.
    7) L’omosessualità come “complotto universale” ordito dagli omosessualisti per la conquista del mondo.
    Siccome i trolls omofobi che impestano il web sono riconducibili ad uno sparuto gruppuscolo di persone che ripete sempre gli stessi argomenti come un disco rotto, e siccome lo stile di scrittura li rende ampiamente riconoscibili, mi sto sempre più convincendo che anche lo Stanzione, tomo tomo cacchio cacchio, combatta la sua battaglia contro i perfidi omosessualisti non solo come direttore spirituale dei nostri amici, ma anche da Primula Rossa.

    Rispondi
    1. Gianfranco Giampietro

      Ma più o meno è lo stesso schema che seguono per parlare quasi di qualsiasi argomento. Al tema dell’omosessualità sostituisci il comunismo, gli ebrei, la democrazia o il relativismo culturale, e ti diranno più o meno sempre le stesse cose…

      Rispondi
  8. GIANLUIGI

    Il personaggio più singolare ed inquietante di Pontifex è a mio avviso Don Stanzione che mi pare privo di carità cristiana, magnanimo con certi soggetti discutibili, intransigente (per non voler essere più schietto) nei confronti di altri.
    Se non fossi così lontano andrei ad assistere a qualche sua predica.

    Rispondi

Rispondi