L’agente segreto!

Questa notte ci ha portato in dono un brillante pezzo comico di Carletto, che si impegna per il nostro massimo sollazzo, raggiungendo vette irraggiungibili nel tentativo di rendere credibili le manie di persecuzione di qualche suo amico.

L’incipit è limpido: il nostro Maldestro si limiterà a riportare il contenuto inviatogli da altri. In particolare l’articolo ruota attorno al pensiero di un presunto sacerdote che, per non mettere a rischio la sua incolumità, deve restare nell’anonimato. Davvero limpido il salto carpiato: prima ci accusano di restare anonimi, poi iniziano a pubblicare voci prive di qualsiasi attendibilità. Congratulations! 😆

Veniamo al testo.

un Sacerdote Cattolico che dichiara di avere le mani legate a causa delle alte gerarchie vaticane di matrice progressista

Ecco… Carletto dunque ci riporta le parole di un perseguitato, un emarginato. Uno che rischia la sua vita per denunciare un crimine indicibile. Mi raccomando, restiamo zitti e tratteniamo il fiato mentre leggiamo la narrazione di questo testimone attendibissimo:

per fare conoscenza, mi sono permesso di richiedere maggiori informazioni al Sacerdote, circa la sua Diocesi di appartenenza, ecc… Alla mia domanda, molto giustamente, è giunta la risposta che vado a riportare:

Dunque Carletto vuole conoscere meglio questo suo anonimo interlocutore (di cui non conosce nulla, non conosce dove risiede, non conosce la Diocesi a cui appartiene il presunto sacerdote) e per tutta risposta egli risponde:

Caro Carlo, vorrei risponderle, ma per ora preferisco di no. Lei è un laico, e se la buttano fuori dal suo posto di lavoro, bene o male ne può cercare un altro. Noi sacerdoti no: se ti buttano fuori sei totalmente distrutto.

Povero questo “sacerdote”. Mette a repentaglio la sua stessa esistenza per una causa superiore, per il Bene Supremo, per denunciare un Complotto Universale. E per questa sua denuncia rischia di essere sbattuto fuori dalla Chiesa! Capirai che novità… L’accusa non ci pare poi così grave: la Chiesa ha un orientamento preciso. Qualche sacerdote non è d’accordo. Prego, la porta è quella. Accomodati. Se non sei in accordo cercati la tua strada. L’ha fatto anche Cionfoli (celebrato da Strazy per la sua partecipazione al festival angelico di Campagna), non si capisce perchè non dovrebbe farlo questo presunto sacerdote ignoto ed anonimo.

Ci permettiamo inoltre di osservare che ora la Chiesa si limita ad emarginare (secondo le parole di questo anonimo) chi è in disaccordo. Il ricordo corre rapido ai casi di Galileo Galilei e di Giordano Bruno. Si ritenga dunque fortunerrimo l’anonimo interlocutore di Carletto. 😆

Continua il presunto reverendo:

O costretto a passare ai lefebvriani. O hai un bel gruzzolo che ti consenta di poter vivere di rendita, e solo, per il resto della vita.

Non si capisce per quale ragione chi esce dalla Chiesa è costretto ad unirsi ai Lefebvriani. Ribadiamo l’esempio riportato poco sopra: Cionfoli. Ha lasciato la chiesa senza soldi, forte solo delle sue idee e delle sue capacità. E si è costruito una vita. Perchè l’anonimo non dovrebbe essere in grado di costruirsi una vita? E’ forse l’anonimo un perfetto inetto? Vuole forse indicarci l’anonimo che soltanto gli inetti possono diventare sacerdoti? Speriamo proprio di no ed attendiamo puntuali chiarimenti dell’anonimo.

Leggiamo insieme questa incredibile bolla di sapone:

C’è il dovere di accogliere i musulmani, e di far fuori i sacerdoti “non obbedienti”.

Ci piacerebbe capire il significato di questa frase: l’accoglienza nei confronti dei musulmani è un puro e semplice dovere umano, derivante dalla solidarietà che caratterizza gli esseri umani evoluti. Non ci pare che Tettamanzi abbia proposto di far servire messa dai Muezin o di affidare agli Imam l’omelia. Invece troviamo coerente (ed anche meno severa rispetto al passato) la richiesta della Chiesa di seguire l’ortodossia indicata da Roma. La storia è ricca di scismi: un Lefebvre in più non sconvolge certo gli atei. E non turba la maggioranza dei Cristiani. Che questo anonimo abbia il coraggio delle sue azioni: non è in accordo con la Chiesa di Roma? Lasci tutto e raggiunga Lefebvre, visto (per altro) dallo stesso sacerdote come una possibile “via di fuga” capace di garantirgli la sopravvivenza all’esterno della Chiesa Cattolica Romana Apostolica. Invece no, “ti piace vincere facile”, quindi si tiene la “cadrega” ma continua a spargere veleno. Ad esempio:

Suppongo che lei conosca la storia di don Luigi Villa …

Certo, conosciamo tutti la “storia” di Picchiatello Villa. Conosciamo tutti il suo apostolato ai limiti dell’eresia. Conosciamo tutti l’estrema tolleranza con cui viene sostenuto come parte del Clero e con cui vengono finanziate le sue opere, anche se sono estremamente critiche nei confronti dell’attuale Papa oltre che del suo predecessore. Ci pare un esempio particolarmente sbagliato, un autogoal: se la Chiesa tollera posizioni eterodosse e chiassose come quelle di Picchiatello Villa, cosa pensa di temere questo ridicolo reverendo protetto dal suo anonimato?

In 2.000 anni di vita la Chiesa di nostro Signore Gesù Cristo non ha mai avuto una crisi di verità, come l’attuale, neppure ai tempi dell’arianesimo, quando solo 1/3 di  Vescovi  restò fedele. Con la “svolta antropocentrica” hanno spodestato Dio e Gesù Cristo, e messo  l’uomo massone/marxista sul trono: si va verso la sfacelo!

Già, il nostro anonimo era presente e può testimoniare che il momento attuale è il peggiore degli ultimi 2000 anni di Storia. Ricorda vagamente le parole di un altro esaltato che si è autoproclamato il miglior presidente del consiglio degli ultimi 150 anni di Storia d’Italia!

Quante buffonate ridicole e risibili. E quanta ilarità riesce a produrre il Maldestro nel tentativo di chiudere l’articolo con una “sua” riflessione;

E’ doloroso sapere che molti Sacerdoti fedeli alla Tradizione sono realmente impossibilitati nel fare la giusta apologetica, a meno che non sono disposti al martirio.

Ah quante risate, Carletto! Grazie per questo momento di ilarità. 😆

L’orripilante valanga di maldestre affermazioni, qui:

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/7385-lettera-qsfogoq-di-un-sacerdote-cattolico-in-2000-anni-di-vita-la-chiesa-di-nostro-signore-gesu-cristo-non-ha-mai-avuto-una-crisi-di-verita-come-lattuale-neppure-ai-tempi-dellarianesimo

8 pensieri su “L’agente segreto!

  1. federicoB

    E’ doloroso sapere che molti Sacerdoti fedeli alla Tradizione sono realmente impossibilitati nel fare la giusta apologetica, a meno che non sono disposti al martirio.
    Anche i congiuntivi sono dolorosi….

    Rispondi
  2. Ale CrAle Cr

    Ennesimo sacerdote (no, ma davvero… come si prende ‘sto incarico?! C’è una pesca in oratorio e se prendi il biglietto giusti ti fan prete?!) che ignora la storia della sua stessa chiesa e religione.

    L’Arianesimo è una dottrina teologica cristiana, sviluppatasi per opera di Ario, teologo, vissuto a cavallo del III secolo (256-336 d.C.).
    Mettiamo subito le cosa in chiaro: all’epoca non esisteva alcuna ortodossia; i “cattolici” erano una corrente di pensiero tanto quanto gli “ariani” o i “donatisti”. La Santa Romana Chiesa Cattolica Apostolica non esisteva, nè esisteva un corpus di libri sacri ufficialmente riconosciuti (ogni comunità, circa, aveva il proprio vangelo di riferimento, il proprio vescovo di riferimento e, spesso, non andavano d’accordo con le comunità vicine, cristiane anch’esse).
    La dottrina ufficiale che noi oggi chiamamo ortodossa (nel senso di “giusta, retta e riconociuta ufficialmente dalla Chiesa) iniziò a dipanarsi proprio in quegli anni, col sostegno politico e militare dell’imperatore Costantino, che in cambio ottenne dalla setta cattolica sostegno e giuramenti di fedeltà (a differenza di altre sette, magari con maggior seguaci, che non riconoscevano alcuna autorità all’imperatore).
    Pietra miliare di questo processo fu il Concilio di Nicea (325), in cui per la prima volta si “decise” un “credo” che i “veri” fedeli di Cristo dovevano pronunciare e credere (si iniziarono a stabilire dei capisaldi, diciamo, poi elaborati nei secoli seccessivi nel vasto corpus della Dottrina cattolica). Vent’anni dopo, poi, si scelsero i 4 Vangeli e gli altri testi sacri che avrebbero fatto parte della Bibbia cattolica (seguendo le intenzioni di Ireneo di Lione, del II secolo).
    E’ interessante notare, quindi, che la “chiesa” delle origini non aveva nulla di ufficiale, stabilito e certo: miriadi di comunità guidate da miriadi di personalità, ognuna con le proprie idee.
    Non c’è da stupirsi, quindi, che il Concilio di Nicea condannasse l’Arianesimo, sopratutto quando poi 30 anni dopo il Concilio di Constantinopoli, invece, lo riconobbe ufficialmente come dottrina ortodossa e giusta!!!

    Capirete quindi quanto mi suoni ridicola l’affermazione del pretuncolo “neppure ai tempi dell’arianesimo, quando solo 1/3 di Vescovi restò fedele.”… fonti? Dati?! 1/3 rimase fedele… come se ci fosse una “vera” chiesa da sui “scismarsi”!

    Rispondi
  3. FSMosconiFSMosconi

    Eih, ciao. Son tornato dalle vacanze in villeggiatura, Langhe, a chi interessa 😉 .
    Ebbè, ho notato che CdP sta calcando la mano sui soliti temi. Monocorda? 😆

    Per quanto riguarda l’articolo in questione, trovo pregevole questa parte. Una vera chicca:

    In 2.000 anni di vita la Chiesa di nostro Signore Gesù Cristo non ha mai avuto una crisi di verità, come l’attuale, neppure ai tempi dell’arianesimo, quando solo 1/3 di Vescovi restò fedele. Con la “svolta antropocentrica” hanno spodestato Dio e Gesù Cristo, e messo l’uomo massone/marxista sul trono: si va verso la sfacelo!

    Qualcuno spieghi a costui (sperando che esista e non sia un’invenzionbe dei soliti noti per dire la propria in maniera più o meno furba a mo’ de l’anonimo scrittore manzoniano) spieghi a costui che non per forza aperto e tollerante, anche se nei limiti di un’associazione gerarchica, non implica per forza comunismo-aut-massoneria. Anzi.

    RAmen

    Rispondi
  4. Gianfranco Giampietro

    Mi ha telefonato Dan Brown … vorrebbe sapere da Carletto se ci sono vincoli di copyright per questa “storia”, o se può tranquillamente infilare anche questo superfantacomplotto nella trama di uno dei suoi prossimi libri…

    Il piano della Fantachiesa Massonico-Marxista… accogliere liberamente i musulmani in Europa come se fossero (addirittura!) normali esseri umani, invece di fare contro di loro la santa e giusta crociata!

    Tremo di paura al solo pensiero di un simile malvagio piano! 🙁

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Ci sono sicuramente copyright da rispettare! Dan Brown non può mica fare come noi, che impunemente ridiamo delle idee pazzerelle propugnate impunemente dagli amici Pontifessi! 😆

      Rispondi
      1. Gianfranco Giampietro

        Non so perchè, ma il pontifeSSo medio (quello che legge e condivide Pontifex) non riesco a fare a meno di immaginarlo come il Silas del Codice Da Vinci interpretato al cinema da Paul Bettany 😆

        Rispondi

Rispondi