Buona e Santa Pasqua.

Carissimi, questo è un giorno importante per i fedeli cattolici.

Christus resurrexit!

L’annuncio scandito solennemente rappresenta il culmine dell’intero anno liturgico. Quelle parole riassumono l’intero significato della fede cattolica. Fede come fiducia. Fiducia in quello che dicono le Scritture, che annunciano la morte e la resurrezione di Cristo. Il miracolo della resurrezione come momento distintivo del cattolico.

Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi una mail di Brunello, che mi pregava di estendere a tutti i suoi auguri. Vi mostro la rispostache gli ho inviato.

Grazie Bruno, grazie per gli auguri. Li estenderò presto a tutti i lettori Pontilessi.
Devo dedurre dal largo anticipo con cui ci invii il tuo augurio che hai intenzione di passare questa parte della Settimana Santa in raccoglimento e lontano da Internet. Quindi mi affretto a risponderti nella speranza che tu possa leggere il mio messaggio.

Pur nella differenza delle idee rivolgo a te ed ai tuoi cari un sincero augurio di Santa Pasqua. Che sia davvero Pasqua di Resurrezione per la tua fede. Che sia Pasqua di purificazione e di comunione. Che sia Pasqua pienamente. Auguri!

Rinnovo, pur nella certezza che non darai seguito al mio, l’invito a scrivere tu stesso i tuoi auguri sul nostro sito.

Il caro Foxy ci ha indirettamente menzionato nel suo ultimo articolo:

Cari amici e lettori: buona e Santa Pasqua. La auguriamo a chi ci segue, a coloro che ci vogliono bene e anche  a quelli che ci criticano o talvolta insultano.

Poi il caro Brunello affronta gli argomenti che gli stanno più a cuore. Infatti si augura, parlando della Chiesa,

che sappia risorgere dalla tiepidità. Che sappia ricordarsi dei valori della Tradizione senza voler compiacere tutti.

Ci pare un punto di partenza interessante. L’appello alle tradizioni ci lascia indifferenti: non si capisce come si possa affermare che “prima” era meglio. Ma a parte questo l’invito a lasciarsi infiammare dalla fede ci pare sensato.

Vengono scanditi altri auspici, poi improvviso torna a soffiare il vento del delirio che sembrava sedato:

Che abbandoni la idea del dialogo ecumenico: oggi non ha senso, per il solo fatto che la Chiesa cattolica é quella fondata da Cristo, le altre non valgono.

La Chiesa ha già scelto da che parte guardare. E l’ecumenismo è la direzione scelta. Voltare lo sguardo altrove significa voltare lo sguardo lontano dalla Chiesa. Ne prendiamo atto: Brunello non guarda nella direzione della Chiesa.

Che Cristo lo hanno ucciso gli ebrei . Che la omosessualità é un’ aberrazione e un peccato grave.Che la Chiesa deve proteggere la famiglia tradizionale.

Racchiuse in poche righe vengono riassunta la summa del pensiero Pontifesso.  Non dobbiamo aggiungere altro. Anzi aggiungiamo la nostra massima approvazione per una frase usata da Foxy: la famiglia tradizionale deve essere difesa dalla Chiesa. Non dallo Stato. Dalla Chiesa. Lo stato può permettersi il lusso di difendere i cittadini. E lasciamo alla Chiesa il compito di difendere la famiglia “tradizionale”.

In una specie di ossimoro Brunello accosta concetti elevatissimi con concretissimi esempi, pure troppo concreti:

Che la Chiesa sappia alzare la voce contro le ingiustizie sociali e lo sfruttamento indecente del capitale.

Che dica di no alla scellerata idea dei negozi aperti la domenica.

Notiamo inoltre una curiosa contraddizione: Carletto ci racconta spesso del suo sogno: lo stato teocratico. Brunello risponde con questa frase lapidaria, apparentemente ortogonale alle idee del Maldestro.

Che la Chiesa sia sempre contraria ad ogni sistema totalitario.

L’articolo si conclude con il ricordo affettuoso di Foxy per Lefebvre, con una velata critica al CVII e con un pensiero carico di trasporto e di passione per il De Mattei.

E con i sinceri auguri di Brunello, che ricambiamo affettuosamente.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/7353-buona-pasqua-solidarieta-a-de-mattei

2 pensieri su “Buona e Santa Pasqua.

  1. francesco

    Acc se l avessi notato che avevi quest articolo in preparazuone non avrei scritto il mio sullo stesso articolo di pontifex! Mi scuso admin. Potremmo però vederla in un altro modo. La tua è un analisi più completa. La mia è una versione più…satirica. Scusa ancora admin ma quando ho letto il loro augurio (!?) di pasqua DOVEVO commentarlo in modo sarcastico. Anche se così mi sono discostato dallo stile del mio precedente post. XD

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Il tuo pensiero ha diritto allo stesso spazio del mio pensiero.
      La mia non è una analisi. E’ il mio punto di vista sulle parole di Brunello. 🙂

      Rispondi

Rispondi