Volpeggi

Signore, mi salverò?
Signore, chi si salverà?
Sono pochi o molti quelli che si salveranno?


i puri di cuore?? i peccatori pentiti? gli umili? i beati?…..naaaahhhh



ah Volponen, ce ne combini tante come ..Bertoldo!!

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/5887-in-vita-ricordarsi-che-dobbiamo-morire-cristo-scegliera-tra-capre-e-pecore-una-esistenza-priva-di-amore-ci-porta-alla-dannazione-eterna-famiglia-cristiana-giudica-senza-misericordia




13 pensieri su “Volpeggi

  1. DiegoPig

    I miei soliti 2 cents:

    Pontifex dice:
    Infine perfido riferito agli ebrei che cosa vuole dire? “non é una cattiva parola. Significa colui che viene meno all’alleanza, ovvero che non crede. Non é una offesa in senso etimologico”.

    Nemmeno “coglione” è una cattiva parola, in sè. Significa semplicemente “ghiandola maschile deputata alla produzione di spermatozoi”. Non è, quindi, un’offesa in senso etimologico.
    Anzi, quasi quasi è un complimento, visto che è partecipe nella creazione della vita.

    Rispondi
  2. paopao Autore articolo

    DiegoPig:nemmeno imbecilli riferito ai pontifeSSi é una cattiva parola …
    dal punto di vista etimologico l’imbecille è “colui che è senza bastone (dal latino in-bacillum)”

    Rispondi
    1. DiegoPig

      E potremmo continuare così per ore, non è vero? 😀
      Con i pontifessi per giorni, a dire la verità 😀

      Comunque è indicativo di come, una volta presi con le “mani nel sacco” (proprio o del cugino), costoro non esitino un attimo a ridefinire il significato di “sacco”.

      E’ un pò come se sorprendessi tua moglie in una sessione di bukkake e quella, candida (:D), ti rispondesse: “Amore, è una cura per la pelle del viso” 😀

      Rispondi
    2. Holtjar

      Eh sì anche fesso deriva dal latino fessus che significa stanco.
      Sono un po’ stanchi i nostri amici, no? Non ce ne vorranno se sosteniamo che abbiano bisogno di un po’ di riposo!

      Rispondi
  3. Andrea ☮ il giullare matto Speaks

    Bella vignetta, Pao!
    Credo che nel linguaggio metaforico pontiFOXiano, le capre siano i figli del mondo (quelli che, se non pentiti, andranno all’inferno) e le pecore i figli della luce.
    La capra è un animale che viene associato al demonio, perfino dagli stessi satanisti.
    Tuttavia Brunello dovrebbe sapere che, nel LEVITICO, la capra utilizzata per i sacrifici – c.d. “capro espiatorio” – è un’anticipazione del sacrificio di Cristo.
    Ma se tale significato viene ignorato o minimizzato dai satanisti, perché pretendere tale conoscenza da parte di Bruno Volpe? Pretendo troppo a volte…

    Rispondi
    1. paopao Autore articolo

      Grazie Andrea…non essere troppo severo, Volponen fa quel che puó eppoi il merito é dell´Emerito Bertoldo..Volpone l´ha solo (immaginariamente?) intervistato.

      PS:Nella metafora tradotta in chiave “hispanica” sono i PontifeSSi a “stare” …come delle capre!!!!
      ):D

      Rispondi

Rispondi