Ognuno ha gli sponsor che si merita… ;-)

Abbiamo ricevuto alcune immagini che mostrano le curiose associazioni fatte da Google AdSense.

Gli amici Pontifessi si sono cautelati con l’aggiungenta di un lungo disclaimer in cui -in sintesi- affermano di non avere il controllo sugli annunci proposti da AdSense e quindi che nessuno gli rompa le balle se ci sono inserzioni bizzarre. Noi però siamo monellacci e ci divertiamo a fotografare gli strani sponsor che AdSense propone ai lettori Pontifessi. Si dia inizio allo spettacolo! 🙂

6 pensieri su “Ognuno ha gli sponsor che si merita… ;-)

  1. Gianfranco Giampietro

    Non vorrei sparare una cavolata, ma credo sia qualcosa di legato alle parole che compaiono nei loro articoli… anche frequentando altri siti, mi è capitato di notare pubblicità non a tema con l’argomento del sito, ma a tema con le parole usate. Non me ne intendo, ma ho pensato a qualcosa come un sistema che, “leggendo” le parole contenute nel sito, prova a proporre delle pubblicità “a tem”a. Se quindi si scrive un articolo pieno di riferimenti alla parola “magia”, questo farà apparire in automatico delle pubblicità con il tema appunto della magia. Non me ne intendo, lo ripeto, ma è una mia ipotesi.

    Però l’effetto è spassoso 😀

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Ti confermo che hai colto il funzionamento di AdSense… annunci (ads) sensibili al contesto (alla pagina in cui vengono presentati). 😉

      Rispondi
      1. Gianfranco Giampietro

        Ah, ecco cosa vuol dire “sensibili al contesto” 🙂

        Beh, in teoria è una funzione sensata e utile… però, come il traduttore di google, a volte i risultati sono davvero imprevedibili.

        Spero che Carlo continui a scrivere le sue battute a base di pene e vagina… sono curioso di vedere… che cosa potrebbe venirne fuori! Magari la pubblicità di qualche clinica in Thailandia per l’allungamento del pene 😉

        Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Si si abbiamo dedicato altri articoli in passato ai curiosi accostamenti tra gli ad di AdSense e le pagine Pontifesse 😉

      Rispondi

Rispondi a Gianfranco Giampietro Annulla risposta