Ed io che sono Carletto, l’ho fatta nel letto… (UPDATED)

UPDATE in coda

Carletto ha preso di mira don Giorgio. E si è proprio alterato perchè il don ha fotocopiato l’articolo di Charles (ed i relativi commenti) riportandoli sul suo sito. Si è alterato al punto di scrivere:

Non di meno, il parroco in questione, che sembra più un moderno Lutero, irrispettoso del nostro copyright, pubblica integralmente il mio articolo, senza neanche chiedermi autorizzazione, che dire, l’obbedienza non è il suo forte.

Ricordiamo a Carletto che le normative che regolamentano i diritti degli autori sono ben spiegate all’interno del nostro Pontilex. Ricordiamo a CdP che il Copyright che lui dichiara di possedere non è altro che il normale diritto allo sfruttamento economico delle opere d’ingegno (legge 633 o LDA) e che questa legge tutela il diritto di critica. Menzioniamo anche, ad uso e consumo di Charles,  l’IPRED (normativa europea e quindi recepita anche dall’Italia) e l’esplicita introduzione del fair use nella normativa europea (http://it.wikipedia.org/wiki/Copyright)

Il Parlamento europeo ha votato, in seduta plenaria la relazione che accoglie la proposta della Commissione ma, nello stesso tempo propone una serie di emendamenti. Con uno, in particolare, sulla base del fair use prima esistente solo nel diritto americano, si stabilisce che la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento (compresa la produzione di copie multiple per l’uso in classe), studio o ricerca, «non sia qualificato come reato».

Ci pare abbastanza discutibile che Carletto, beccato più volte con le dita nella marmellata, mentre fotocopia articoli di altri senza neppure fornire le corrette e dovute attribuzioni ai rispettivi autori, abbia ancora il coraggio di sollevare discussioni capziose sull’uso di quanto pubblicato dal sito Pontifesso. Troviamo curioso anche notare che Carletto attinge sempre e costantemente ai contenuti pubblicati da altri (ad esempio da Don Giorgio stesso) trascurando il dettaglio che l’applicazione della legge 633 non ha bisogno di alcun disclaimer. Essa infatti sancisce un diritto naturale che deriva dalla produzione dell’opera stessa. Non serve quindi alcuna dichiarazione sulle pagine. Infatti in passato Charles si era visto contestare una possibile violazione della stessa legge 633 ed in conseguenza aveva modificato il suo articolo, senza che sul sito “originale” fosse mai citata la legge LDA. In sintesi dunque Carletto l’ha fatta nel letto.

L’articolo di Charles poi ci lascia intendere che ora conosca molto bene don Giorgio visto che non si risparmia in giudizi sempre più pungenti. Lo accusa di ogni possibile malefatta. “catto comunista”, apostata, nuovo Lutero, disobbedienza alle norme ed al suo Vescovo… Si raggiungono vette di comicità inaspettata quando Charles allunga il brodo parlando del Santo Uffizio (e della sua abolizione da parte del “burlone” Paolo VI). Con il solito pessimo stile che lo contraddistingue si augura poi che don Giorgio venga cacciato a pedate. E poi siamo noi di Pontilex (secondo CdP) che incitiamo all’uso della violenza contro la sua Jaguar!

Trascuriamo poi le sciocche affermazioni (di cui abbiamo già parlato più volte in passato) circa la presunta “scomunica” dei comunisti (e quindi di don Giorgio). L’argomento è tanto noioso quanto banale.

Forse Don Giorgio non sa che, da Magistero, la donna è serva dell’uomo, nella misura in cui la Chiesa è serva di Cristo ma … non scendiamo nei particolari. Prossimamente scriverò un editoriale lungo ma attendibile al 100% su quella che è la Dottrina ed il ruolo della donna.

Dobbiamo aggiungere altro? La donna serva dell’uomo. E lo dice il magistero Pontifesso. Poi se Charles afferma che il suo prossimo edittoriale è attendibile al 100% noi ci fidiamo, vero? Perchè non si può dubitare di Carletto dopo tutte le marachelle che ha combinato 😉

Insomma un bellissimo esempio di aria fritta all’ennesima potenza. In perfetto stile CdP.

UPDATE: Don Giorgio si è preso qualche ora di tempo ed ha meditato la seguente risposta. Lucida e precisa. Congrats!

http://www.dongiorgio.it/pagine.php?id=2284

L’opera del Maldestro si trova qui:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/5926-don-giorgio-de-capitani-leresia-continua-intervenga-il-suo-vescovo-e-lo-cacci-non-ce-posto-nella-chiesa-di-ratzinger-per-chi-non-rispetta-il-magistero-la-disobbedienza-e-il-peccato-piu-grave-voluto-da-satana

26 pensieri su “Ed io che sono Carletto, l’ho fatta nel letto… (UPDATED)

  1. Biotech

    “Aria fritta” dovrebbe essere il sottotitoli di Pontifex.Roma… robe noiose, antistoriche, scritte in un italiano orripilante e con uno stile impeccabilmente schifoso… percarità…

    Rispondi
  2. Gianfranco Giampietro

    Auguro a Carletto di nascere donna la prossima volta, all’interno di una famiglia che pensa delle donne la stessa cosa che pensa lui, ovvero che sono solo delle serve a disposizione dell’uomo.

    Per il resto tutti si giustifica nell’ottica del solito “noi possiamo fare quello che ci pare (copiare, citare, diffamare, giudicare), gli altri invece non possono fare altrettanto”…

    Rispondi
    1. Biotech

      Io spero che rinasca gay… nella stessa famiglia che hai descritto tu!
      Anche se inizio ad avere dubbi sul fatto che non ci sia bisogno di ASPETTARE che rinasca gay… Forse forse, chissà…già adesso qualcosa c’è…

      Rispondi
    2. S_Raffaele

      ha demandato il libero arbitrio ad altri, non cura se stesso e condanna il prossimo…se si reincarna in un esser umano è già grasso che cola. Può ancora salvarsi però, un pò di sesso gli farebbe bene.

      Rispondi
  3. Ale Cr

    Carletto: un emerito signor NESSUNO, senza alcuna preparazione in materia (lauree in teologia?! Studi presso i seminari?! Niente di niente) che vuol insegnare al Papa stesso il suo mestiere!

    Rispondi
    1. AlbertoBAlbertoB

      Charlie è per l’autarchia a 360 gradi : lauree? Studi? Bah , pezzi di carta! Lui studia wikipedia , dalla quale tra l’altro ha ricevuto una laurea ad honorem quindi una laurea ce l’ha , e prende lezioni private da don Estinzione. Mica pizza e fichi.

      Rispondi
      1. diego

        wikipedia??? nooooooooooo, è strumento del demonio scritto da sette democomunaziprotestanti
        ebraichebeduineomosessualizzatrici.

        Lui studia su nonciclopedia, è sicuro

        Rispondi
  4. AlbertoBAlbertoB

    “Forse Don Giorgio non sa che, da Magistero, la donna è serva dell’uomo, nella misura in cui la Chiesa è serva di Cristo ma … non scendiamo nei particolari. Prossimamente scriverò un editoriale lungo ma attendibile al 100% su quella che è la Dottrina ed il ruolo della donna.”

    Onestamente non vedo l’ora di leggere questo editoriale , altrimento detto “materiale di scarto organico”. Voglio vedere questo tizio argomentare le sue tesi e vorrei vederlo mentre le mette in pratica , magari dicendo a quella santa donna (perchè immagino che abbia una pazienza che solo un santo può vantare) che è sua mamma “tu sei la mia serva!”… e soprattutto vedere la lodevole signora tirargli un ceffone sul muso e dirgli “serva o meno , adesso tu prendi e vai a letto senza cena!”.
    Poi sarebbe anche bello vederlo dire la stessa cosa ad una potenziale compagna… ah già , non è possibile , da buon prete mancato è sposato solo al magistero , niente donne per CDP.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Ho l’impressione che non possa dire cose simili a sua madre. O meglio non può più… Forse una parte della situazione deriva proprio dalla mancanza di una figura materna nella sua famiglia.

      Rispondi
      1. AlbertoBAlbertoB

        Può essere , era una cosa cui avevo pensato anch’io. Seriamente , la situazione secondo me ha un po’ del patologico. Sbaglierò…

        Rispondi
    2. paopao

      si, perché ti sei perso il pezzo in cui lui le donne le chiuderebbe in gabbia…(lo ha pubblicato e subito dopo ritirato, dimenticandolo nel titolo) ..
      Tutti sogni proibiti di Carletto…ma anche io ho un sogno:gli auguro di innamorarsi pazzamente di una femminista radicale atea!! ):D

      Rispondi
    3. Biotech

      MA COME TI PERMETTI??? POTENZIALE COMPAGNA?? DONNA???? Lui si innamora solo di giovani e femminee trans… come ci ha ben detto!! XD
      Scherzi a parte, secondo il mio modesto parere non credo che abbia le basi psicologiche per affrontare una sana relazione di coppia, neanche se la sua compagna fosse ultramegacattoliconaomofoba!!!

      Rispondi
      1. paopao

        Biotech…assolutamente …ma ci sono anche insane relazioni eppoi non sottovalutare le patologie masochiste di certe pie donne!!!

        cmq non era il tipo di donna che gli auguro..):D

        Rispondi
  5. adminadmin Autore articolo

    Aggiungo solo un link (che non merita un vero e proprio articolo)… Le pagine Pontifesse contengono un nuovo articolo di Veniero. Finalmente Carletto ha capito come citare l’altrui lavoro.

    E non ci ha neppure ringraziato. Ingrato! 😀

    http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/laici/5922-il-male-della-coppia-lillusione-che-esista-un-partner-migliore-dal-volume-dello-stesso-autore-conservazione-dellamore-coniugale-campanotto-editore-2008

    Il retroscena invece qui di seguito 🙂

    http://pontilex.org/2010/10/la-legge-633-e-pontifex-un-ossimoro/

    Rispondi
    1. matyt

      Mhhhhh…
      Fossi Scarselli, personalmente mi offenderei…
      Vedere il mio nome associato a Pontifex sarebbe abbastanza imbarazzante…xD

      BTW…
      Ma Carletto parla dello stesso Magistero che non condanna mai l’omosessualità come malattia o sbaglio?
      Ma, allora…
      CdP rinnega Ratzi!?!

      Ah Maldestro Maldestro, lapsus freudiano?

      Rispondi
      1. paopao

        essú ragazzi…
        ci siamo dimenticati di fare a Carletto gli auguri di buon onomastico …uffi,
        menomale che ci ha pensato don Stanzione con le altre centinaia di migliaia di migliaia di migliaia di lettori di PontifeSS :

        “BUON ONOMASTICO CARLO DI PIETRO E GRAZIE DA TUTTI NOI! (San Carlo Borromeo, Vescovo e Confessore – 4 Novembre)Oggi è l’onomastico del nostro Webmaster Carlo Di Pietro che attualmente si trova in viaggio in Estremo Oriente per motivi di salute.

        Carlo, da fervente cattolico, da anni fa un lavoro gratuito e tale suo volontariato informatico richiede ogni giorno diverse ore di dura fatica. A nome delle centinaia di migliaia di visitatori dei nostri siti Pontifex e Miliziadisanmichelearcangelo formulo a Carlo gli auguri di felice onomastico. ”

        Beh oddio, con l aria che tira in Estremo Oriente, non so quanto salutare sia la cosa, soprattutto per un informatico di campagna..e soprattutto Cina, Korea, e Taiwan al momento (a menoché non sia in Mongolia) ..
        Cmq ho scritto TAIWAN NON THAILANDIA brutti demoniettisatanicomaliziosi!!! ):D

        Rispondi
        1. adminadmin Autore articolo

          Oh yeah … in ritardo mi unisco agli auguri. Il mite ed incapace webmaster di Pontilex estende i suoi auguri al geniale e Maldestro webmaster di Pontifex 😉

          Rispondi
        2. AlbertoBAlbertoB

          Pao hai dimenticato “miliardi”.
          Centinaia di migliaia di migliaia di migliaia DI MILIARDI di lettori. Così è giusto.
          😀

          Rispondi
  6. adminadmin Autore articolo

    Tra i commenti Pontifessi si accenna al sito di tale “don Vitaliano”. Si parla di questo sito qui:

    http://www.donvitaliano.it/

    Per capire meglio la portata di questo Don Vitaliano suggeriamo la relativa pagina di Wikipedia 😉

    http://it.wikipedia.org/wiki/Vitaliano_Della_Sala

    Siamo certi che i nostri cari Pontifessi torneranno a dedicare le loro “amorevoli” e fraterne attenzioni anche a don Vitaliano, dopo averne già sparlato il 23 marzo 2009 e poi nuovamente quest’estate (quando si sono divertiti a pubblicare nomi e cognomi dei nostri amici francescani) 🙂

    Rispondi

Rispondi