Solidarietà a Volpe: non deve essere facile per un cattolico integralista vivere in una società secolarizzata

Lo ammetto: quando ho letto l’articolo di Pontifex intitolato “La Chiesa di Milano si sveglia dal torpore. Il disastro della laicità” ho provato un senso di umana pietà nei confronti di Bruno Volpe in merito al discorso dell’arcivescovo di Milano Angelo Scola.
Mi sono immaginato quell’uomo che considera come «leggi vergogna» i provvedimenti a favore delle coppie di fatto e dei matrimoni gay ma, suo malgrado e con nostro piacere, vede che la Francia del socialista Hollande ed il Regno Unito del conservatore Cameron sulla strada del matrimonio per le coppie dello stesso sesso.
Inoltre ho provato ad immaginare cosa potrà provare quest’uomo quando vedrà – plausibilmente – al governo della prossima legislatura Bersani che è favore di una legislazione per le coppie omosessuali sul modello di quello usato in Germania. Penso che i cattolici integralisti potranno impazzire quando nel nostro Paese saranno approvati questi provvedimenti anche – non neghiamolo – sulla spinta di quanto avviene nel resto d’Europa.Ho provato un senso di pietà verso Volpe nel vedere la sua Chiesa non dare gloria a monsignor Lefebvre come lui vorrebbe.
E cosa dire di quando scrive «che esiste un solo Re e si chiama Cristo. Se mettiamo Lui come Re, è evidente che la vera legge da applicare, è quella di Cristo Re . Ne discende che la legge positiva deve obbedire e seguire quella naturale, quella di Dio»? Viene da piangere se pensiamo al dolore interiore che assiste ad un parlamento italiano sordo per una volta ai dettami della Chiesa ed approvare una legge a favore dei figli naturali compresi quelli nati da incesto. E cosa dire nel dolore di quest’uomo nel vedere il “comunista” ed omosessuale dichiarato Crocetta alla guida della cattolica Regione Sicilia? Roba da restarci secchi.
Veramente struggente leggere che per quest’uomo «non sarebbe male tornare, finalmente, a rivedere uno stato che riconosca nella religione cattolica la religione di Stato, nel rispetto delle solennità religiose come feste dal lavoro» e poi leggere che sono in crollo i matrimoni religiosi: altro che religione di Stato, la realtà è ben diversa.
Comunque di tutta questa sofferenza c’è un lato positivo: è meglio che a soffrire sia Volpe piuttosto che chi vuole una società più laica e più aperta ai diritti civili degli individui.

http://alessandrocagliostro.files.wordpress.com/2012/09/alessandro_cagliostro_firma.jpg?w=300&h=57&h=58

Conte di Cagliostro
www.contecagliostro.com
@Cagliostro1743

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .
Cagliostro

Informazioni su Cagliostro

Giuseppe Giovanni Battista Vincenzo Pietro Antonio Matteo Balsamo, noto con il nome di Alessandro, Conte di Cagliostro o più semplicemente Cagliostro (Palermo, 2 giugno 1743 – San Leo, 26 agosto 1795), è stato un avventuriero, massone, mago, guaritore, esoterista e alchimista italiano. Dopo una vita errabonda spesa tra imbrogli nelle varie corti europee, fu condannato dalla Chiesa cattolica al carcere a vita per eresia e rinchiuso nella fortezza di San Leo.

13 pensieri su “Solidarietà a Volpe: non deve essere facile per un cattolico integralista vivere in una società secolarizzata

    1. CagliostroCagliostro Autore articolo

      Gentile Remo, forse non sono stato in grado di trasmettere l’ironia del mio articolo. Davanti a chi delira ancora di religione di Stato o di “Cristo Re” pensi che si possa anche replicare seriamente? Meglio un tocco leggero….

      Rispondi
      1. Remo

        No, ma vi ho solo voluto segnalare un articolo particolarmente “denso”, che forse vi era sfuggiato perché immagino non sia facile star dietro a tutta quella fucina di stronzate che è Pontifex.

        Rispondi
  1. faunita

    I Volpe di tutte le epoche si sono scandalizzati e stracciati le vesti urlando all’abominio, all’ingiustizia, per le leggi più civili, dal divorzio alla riforma del diritto di famiglia in poi….
    Peraltro tanta insistenza contro gli omosessuali (o contro una ragazza coetanea e collega della biologa 26enne vittima di B.V.,stalker coetaneo di Bruni Volpe e residente nel suo stesso quartiere… Sono certa che Volpe lo conosce e ne esecra le gesta!) non me la spiego proprio…

    Rispondi
    1. paopao

      mah, Faunita, c´e´da dire che finora il Dott. Volpe non ha speso parola contro B.V., lo stalker murattiano, suo collega, suo coscritto..probabile vicino di casa. Sulle sue ragioni possiamo solo azzardare delle ipotesi…assurde, ma ipotesi. ):D

      Rispondi
  2. Fulvio Magni

    Anche a me provoca molto dispiacere vedere una comunità gay sempre più eterosessualizzata. Ma cosa ci possiamo fare? Il mondo tira dalla sua parte, magari verso il baratro.
    Cionostante pietà per Volpe non ne provo, considerato che di modi per uscire dalla sua situazione ce ne sono. Tipo emigrare in Russia, o meglio ancora in Uganda, e gongolarsi dei diritti civili negati.
    Oppure semplicemente facendosi gli affari propri.

    Rispondi
  3. notimenowhere

    Sul fatto che un eventuale futuro governo di sinistra legifererà a favore delle coppie omosessuali ho molti dubbi.
    Ragassi non dimentichiamoci che siamo itagliani.

    Rispondi
    1. Gabriele

      governo di sinistra?ma dove la vedete la sx? io dubito che il PD abbia la forza di farlo, per qui volpe starà tranquillo tranquillo…

      Rispondi
  4. zil

    Dopo il successo dell’anno scorso, il Trio Medusa e Radio DEEJAY tornano a sostenere il Cesvi organizzando un’asta solidale su eBay : tra l’14 e il 21 dicembre sarà possibile acquistare oggetti donati da personaggi famosi…

    Rispondi

Rispondi