Brevi riflessioni sulla campagna PontifeSSa anti-Medjugorje.

Che buffo: i seguaci dell'Apollo Delfico non si facevano granché problemi ad accettare eventuali altre "apparizioni", eSSi potranno dire lo stesso?

Se tutti volessero essere Cristiani, questi non lo vorrebbero più. All’inizio erano pochi e tutti concordi; crebbero di numero, e disseminati qua e là, continuarono a scindersi e a separarsi, e ciascuno vuol avere la propria fazione; questa era, in realtà, la loro aspirazione fin dall’inizio. E nuovamente separati fra loro a causa del loro numero elevato, continuano a criticarsi l’un l’altro, e hanno ormai in comune, per così dire, una sola cosa, se pur ce l’hanno: il nome. Questa è tuttavia l’unica cosa che si vergognano di abbandonare; per tutto il resto i loro schieramenti sono molto diversi. 

Celso, Discorso Vero, Liber III fr. 9-12

Da parecchio tempo oramai il Nostro ha pubblicato articoli contenenti tentativi, riusciti o meno non è questo il punto focale, di confutazione dei presunti fatti delle apparizioni di quel l’ameno luogo bosniaco dal poco eufonico nome di Medjugorje. Inutile ricordare come la cosa mostri come i nostri Fraterni Correctores [grazie Compagno Z!] non siano consapevoli di palesare proprio quella situazione che tanto rifacciano ai “corvi” e ai “modernisti” d’aver creato.

Perché questa premessa? Bene: il geniale CdP s’è da poco ingegnato per inscenare

  1. La solita difesa a tutto campo delle sue idee nel vano tentativo di fondo di non concedere neanche una ragione al suo ipotetico avversario (cosa che al contrario di quanto pensa non è né dialogo né logica), inscenando la classica farsa del perseguitato per la verità
  2. L’ancor più inflazionato tentativo di farsi pubblicità da sé pubblicando un mega-sunto di tutti i link sull’argomento nell’articolo in questione

Lo spunto per questa riflessione invero non è partita da questo articolo in sé ma dal netto sospetto che nasce con casi del genere leggendo un libro quale quello di Nuzzi Sua Santità (mi si perdoni l’ingenuità di tanto clamore: sto ancora ai primi capitoli, è normale). In breve, pur nella sua sprezzante mala fede eSSo potrebbe in un qualche modo aver ragione e non averla. Cioè che semplicemente se volessimo essere puntigliosi quanto Carlo ritiene non potremmo arrivare alla conclusione che i veri casi di apparizione, secondo la linea appunto tenuta dalla Santa Sede nel corso dei secoli, si contino sulla punta delle dita?

Ma vediamo l’articolo in sé. Premetto che riporterò anche i passi meno seri (per noi) onde stemperare lo stile da catastrofe-imminente-cardiopalma-ommioddio-complottocomplottocomplotto che in genere il Nostro tiene quando si sente attaccato personalmente. Oltreché ovviamente che essendo non credente non propenderò né per una causa né per un altra ritenendole entrambe al limite della probabilità e del discordo ragionevole.

Torno a parlarvi di Medjugorje dopo tanto tempo e non avrei voluto farlo, tuttavia sto intrattenendo corrispondenza con numerosi cattolici e, fra i tanti argomenti, spesso capita il discorso Medjugorje e “fenomeni” annessi.

Spesso. Certo: un esordio meno da chiacchiera conviviale tra amici al bar no?

La ripetitiva frase, senza offesa nei riguardi dei miei interlocutori, è solitamente “sarebbe preferibile che tu la smetta di pubblicare il tuo punto di vista su Medjugorje” od anche “è meglio che tu la smetta di parlare di Medjugorje per evitare fratture”.

Vedremo la replica diretta, e quindi assai poco amichevole, sempre che i suoi amici non siano dei rudi burberi, parecchio più sotto. Nel frattempo eSSo seguendo evidentemente i consigli dati in questa sede tenta un motivo di imbonimento per non apparire il classico crociato contro il mondo.

Orbene ringrazio vivamente, come sempre, gli amici che mi aiutano nel difficile cammino della vita, nondimeno ci tengo ad apporre delle precisazioni che sono doverose ed è necessario che il lettore conosca: 1) Ciò che io scrivo non sono “punti di vista” od “opinioni personali” su Medjugorje, ma sono – nel 90% dei casi – semplici trascrizioni dei Documenti ufficiali della Diocesi di Mostar-Duvno, talvolta tradotti dal croato, e documenti della Santa Sede (Congregazione per la Dottrina della Fede);

E quando eSSo si diletta di Croato? Ma soprattutto: da quando eSSo si diletta del Latino Ecclesiale? Non per niente: ma visti i risultati del suo mentore Stanzione sull’ebraico e sul greco (si vede sempre dal dare una traduzione letterale nel secondo caso, ripete solo nomi senza etimologie o con false etimologie seriori nel primo. E questo contando che quando appaiono al buon 80% non sono scritti di suo pugno) stento a crederlo…

2) Non è il cattolico osservante ed obbediente che crea frattura, ma lo è chi non rispetta le decisioni prese dai Vescovi di Mostar, dalle Commissioni, dalla Conferenza Episcopale Jugoslava e dalla stessa Santa Sede;

Ci si chiederà appunto per questo: ma se è vero, perché non fa scalpore? Se invece è falso perché non ci sono prese di posizione nei confronti dei contestatori?

ESSo parlerà di commissioni, eppure non citerà alcun intervento pubblico ma si limiterà come suo solito alle Encicliche per i soli addetti ai lavori, e ben si guarderà appunto dal dire come la posizione non sia mai stata resa pubblica, così come ad esempio l’inesistenza del miracolo in India non è stata resa nota. Ma tempo permettendo si potrebbe pure allungare la lista, dubito infatti che sarà o che sia stata la prima volta.

Saltiamo qualche riga per agevolare la lettura.

I frutti? [riferimento a un’obiezione non riportata per incuria? Confutazione di un’obiezione ovvia? Semplice salto pindarico?]

Ben vengano e Dio sia lodato, tuttavia è bene ricordare che la nostra fede non è “solo frutti” ma è ben altro. 

La solita solfa, e difatti cosa scriverà subito dopo?

Per non risultare prolisso rimando qualsiasi approfondimento agli studi dei testi di San Giovanni della Croce, di Santa Teresa d’Avila, di Santa Caterina da Siena, di Santa Caterina da Genova, di San Luigi Grignon di Montfort e di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori. Loro si, che di mistica e di “frutti” se ne intendevano.

Ma come? Esso si dimentica Paolo di Tarso «Ma questo che importa? Purché in ogni maniera, per ipocrisia o per sincerità, Cristo venga annunziato, io me ne rallegro e continuerò a rallegrarmene.» (Filippesi 1:18) altrimenti sottaciuto cavallo di battaglia PontifeSSo per pubblicare articoli su cose che non conoscono?

In effetti così non ne esce un buon quadro generale.

Oh, e in proposito: da quando è eSSo e non la Congregazione per la Dottrina a decidere quale e santo o simile è adatto o meno al caso?

“MA CHE!!”, dicono i “medjugorjani”, noi abbiamo la Gospa, a Medjugorje c’è pace, c’è bisogno di studiare gli scritti dei santi! Questo la dice lunga sulla loro “conversione”.

E da quando eSSo sa leggere della mente? E da quando eSSo può giudicare da laico eventuali consacrati con tanto di seguito? E da quando… insomma ci sono un sacco di cose che non spiega, come d’altronde non si spiega perché queste eclatanti commissioni di cui renderà conto non siano state rese pubbliche a media dispiegati.

Per quanto mi concerne i “frutti” di Medjugorje sono pochi e tutti negativi, li elenco. Da quando ho cominciato a riportare i fatti – veri e comprovati dalla Santa Sede – su Medjugorje:

– Ho perso alcuni amici; [che però affettuosamente saluta a inizio scritto?]

– Sono stato censurato integralmente su sedicenti siti che si dicono cattolici, ma nella disobbedienza; [quali?]

– Alcuni editori che si dicono cattolici mi hanno silurato; [quali?!]

– Sono stato calunniato come non mai e, per la prima volta in vita mia, non in ambienti atei bensì in circoli che si dicono cattolici. [da chi?]

Eccellenti “frutti”, considerando che io non ho fatto altro che riportare documenti della Diocesi di Mostar-Duvno, della Santa Sede e mi sono permesso di tradurre dal croato alcune dichiarazioni molto scomode.

Al solito il Nostro si pone come centro del’Universo. Umiltà saltami addosso…

Cosa ho fatto di male?

Immagino niente, eppure c’è chi non la pensa come me, ovverosia va contro la Santa Sede; non perché io sia Papa, ma sol perché io riporto i Documenti Ufficiali, quelli veri. In tutto questo appare quasi che debba sentirmi in colpa per avere detto la verità, al punto da valutare se dover tacere o parlare per “evitare fratture”.

Orbene, qui rientriamo nel discorso principale: vuole farsi portavoce della Santa Sede:Perché non invia i suoi ragionamenti a questa?

Se ha ragione l’ascolteranno no?

Eppure in tutto ciò paiono invece un generale disincanto e disinteresse: è come se dopo tutti i recenti scandali i Porporati non dessero pubblicamente segni di vita per lasciar calmare le acque. In fondo già si ritrovano con le diocesi americane in rosso, con delle aziende che nella loro gestione dei loro affari fanno più i propri interessi che i loro e con l’annoso problema del gap culturale del ricco mondo dell’Asia da evangelizzare.

Inoltre come detto prima il silenzio pare anche un passaggio di testimone, uno scaricabarile: la questione è potenzialmente generale eppure per quieto vivere e per non turbare le già martoriate finanze d’Oltretevere è preferibile tacere pur a costo di creare reali fratture come quelle che questi ed altri scritti e pubblicazione di Pontifex e co. rivelano con la loro sola esistenza.

Risposte più comuni circa i Documenti Ufficiali della Chiesa cattolica:

Il “medjugorjano” parla di documenti massonici e lo fa nel 99% dei casi

Strano: sembra che il Nostro sia stato costretto a guardarsi allo specchio. Che sia una sorta di Legge del Contrappasso?

Ma la parte bella deve ancora venire:

– ve lo garantisco perché ho misura della situazione –

E si è notato, specie quando pubblicava scritti ove si additava al Buddhismo come un culto atto allo sterminio del genere umano, o si definivano quel tale e quel tal altro come emissari, cultori se non Satana in persona, o quando di nuovo si delirava su castighi inferti dal suo minidio ad un cantante con la morte di un ragazzo. Devo continuare?

lo fa perché tal padre Livio Fanzaga – ho video e registrazioni audio – sono anni che insiste sul filone Vescovi di Mostar-Duvno = massoni, quindi nemici di Cristo.

Quel Fanzaga che per inciso divulgò l’aberrante teoria del signor De Mattei sul terremoto in terra nipponica della quale il Nostro in persona fece non poche apologie.

Ciò detto, per completezza, va precisato che ad esprimersi circa i cosiddetti “fenomeni di Medjugorje” non sono stati solo i 2 Vescovi di Mostar-Duvno, ma anche ben 3 Commissioni , 1 Conferenza Episcopale (22 Vescovi) e per ben 4 volte la Congregazione per la Dottrina della Fede. Non ultimo lo stesso Benedetto XVI. Per non parlare di centinaia di altri Vescovi e Cardinali. 

E come detto: ciò ha fatto scalpore? Avvenire, l’Osservatore o anche solo il Giornale (quello con contatti diretti con i Porporati a quanto dimostra Nuzzi) s’è espresso in maniera secca e dichiarata?

Se sì la cosa diventa rilevante.

Contrariamente eSSo dovrebbe accettare l’idea della non verginità perpetua della sua santa “””istituzione””” con tanto di lotte intestine e silenti e non certo per parte prettamente progressista.

Per una persona normale: delle due l’una.

Sono tutti massoni?

Secondo me no! Assolutamente no! Se solo dovessi pensare che Benedetto XVI è massone valuterei se passare al tesismo.  Ma cosa ne parliamo a fare? Lor signori “medjugorjani” sono tutti cattolici, seppur – come ho potuto constatare innumerevoli volte – non hanno neanche la conoscenza del Catechismo. 

Mi ricorda qualcuno.

Per lor signori l’importante è recitare il Rosario ascoltando Radio Maria, quindi senza meditare i Misteri, umiliando le precise volontà della Vergine dette a San Domenico, in alcuni casi – come venerdì scorso – addirittura recitando i Misteri gloriosi di venerdì. 

Qual orrore: sia mai che non tutti siano domenicani e men che meno che uno possa pensare che ad una… semi-divinità(?) dall’altisonante titolo di Stella del Mattino possa anche “piacere” una prece proprio nel giorno dedicato a tale astro. E sì: per una volta sorvolo sulle implicazioni astronomico-“pagane” che in genere elenco puntigliosamente.

Ottimi “frutti”. Già dimenticavo, c’è anche il digiuno!

Al Nostro non piace astenersi dal cibo? Be’, in effetti nemmeno a me, ma credo che questo dipenda dalla mia morigeratezza sul tema: tento sempre di mangiare il giusto e questo è ciò che so riguardo a me. Quali siano invece le motivazioni di CdP proprio lo ignoro…

Ma arriviamo alla serie di domande che più mi ha messo in allerto prendendo per buona la loro presunta attinenza ai fatti:

Mi si dice: i “veggenti” sono perseguitati, lo fu anche Padre Pio …

Potrebbe anche essere, però Padre Pio che fu ed è Santo, obbedì sempre e comunque, addirittura quando gli fu vietato di confessare; qual castigo peggiore per il frate di Pietrelcina se non questo? Eppure obbedì e la sua vita fu esempio di ubbidienza.

I “veggenti”, diversamente, non solo sono disobbedienti, ma hanno anche la faccia tosta.

Di nuovo: mi ricorda qualcuno.

Lo sapete che è vietato dalla Chiesa che i “veggenti” si esprimano durante una Messa od in qualsiasi Luogo di culto? 

E allora perché la Chiesa non fa pubblicamente professione della cosa e intasca comunque i soldi?

Lo sapete che è vietato nelle Chiese cattoliche il sol citare i “messaggi della Gospa”?

E allora non ha agito in modo tanto eclatante da mettere a tacere la cosa una volta per tutte?

 Lo sapete che è vietato il pellegrinaggio a Medjugorje ma, i signori “veggenti” pellegrinano al contrario. Ovvero: la gente non può, per divieto, recarsi lì ed allora i “veggenti” organizzano i tour. 

E come mai allora questi divieti non sono stati resi noti in mainstream?

Lo sapete che non è ammesso che un “veggente” porti la parola a pagamento in giro per il mondo?

*Non devo citare Stanzione. Non devo citare Stanzione. Non devo citare Stanzione. Non devo citare… !*

Lo sapete che se non ha i soldi, il “veggente” non può spostarsi e non può accettare danaro?

Bene, questo è proprio il punto principe: è palese che la norma ecclesiale nel caso fosse vera sia stata fatta proprio in favore dei Vescovi o dei facoltosi probi intenti in opere pie (ad esempio la “santa” MadreTeresa di Calcutta, già famosa per i suoi trattamenti poco umani nei suoi ospedali, ebbe rapporti privilegiati con diversi banchieri cui devolveva ora non ricordo bene se parte o totale del ricavato dai suoi viaggi). La cosa pare plausibile visto che i personaggi in questioni sarebbero ben più rintracciabili dalla Santa Sede, oltre che dai famigerati finanzieri vaticani. Orbene però rimane il dubbio: ma se la norma esiste perché in questo caso di eclatante infrazione nulla si è fatto pubblicamente?! Insomma: stando a quanto eSSo racconta ci potrebbe benissimo scrivere un altro libro di inchiesta sulle fratture scismatiche sottaciute per questioni di mera pecunia all’interno dei Portoni di Bronzo… se Nuzzi non avesse già sufficientemente discettato della cosa in un capitolo del suo libro basato su documenti oltremodo chiari.

Ma eSSo pare non accorgersene, come fosse una corta di cecità selettiva: lancio il sasso ma non guardo cosa colpisca. Un tirate pugni al vento.

E come se non bastasse eSSo non tiene fede (e quando mai!) alle sue promesse e invece di accantonare effettivamente la questione delle fratture dichiara apertamente l’incapacità della Cupola di San Pietro di risolvere da sé i propri problemi:

Poi mi si dice: tu rischi grosso perché se il Vaticano riconoscerà Medjugorje, sarai rovinato!

La risposta è semplice:

– Potrò essere sol che rasserenato, perché da un verso eviterà uno scisma (già in atto). Meglio la mia “rovina” che uno scisma;

Oltre a palesare il fatto che i vertici della CCAR non si siano mai realmente interessati alla questione:

– Il Vaticano dovrà confutare ogni singola riga dei Documenti ufficiali prodotti sia dalla Diocesi di Mostar-Duvno, sia dalle Commissioni, sia dalla Conferenza Episcopale Jugoslava, che dalla stessa Congregazione per la Dottrina della Fede. Dovrà motivare 31 anni di Documenti negativi e condannanti;

– Il Vaticano dovrà spiegare i “frutti” nella disobbedienza trentennale. Come è possibile? Lo Spirito Santo avrebbe dunque mentito per 2000 anni?;

Che altro dire se non rinnovare il mio consiglio al caro Carletto? Se egli davvero è sicuro della cosa che informi qualcuno come Bertone o simili. Sia mai che ottenga una promozione come fu per il tanto compianto Maria Viganò.

Fonte dell’articolo sintomatico: http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/12423-sui-fatti-di-medjugorje-ma-allora-noi-cattolici-obbedienti-siamo-pazzi

Un precedente: http://pontilex.org/2011/10/fatima-o-medjugorje/

Fonte citazione iniziale: Celso, Il Discorso Vero; Milano 1994 a cura di G. Lanata

7 pensieri su “Brevi riflessioni sulla campagna PontifeSSa anti-Medjugorje.

  1. adminadmin

    Oh, e in proposito: da quando è eSSo e non la Congregazione per la Dottrina a decidere quale e santo o simile è adatto o meno al caso?

    Questa frase riassume egregiamente la mia percezione di quello che frulla nella testa di Carletto in questo momento. Ho la fortissima percezione che eSSo si ritenga estroflessione diretta della “vera fede”. Una “vera fede” che non corrisponde direttamente con quella di Roma. Un micro-scisma a Campagna.

    FSM, ficcante. Ottimamente. Come sempre.

    Rispondi
  2. FSMosconiFSMosconi Autore articolo

    Ad ogni modo i commenti di Cielo rimangono epici come sempre: prima sputa le sentenze meno cristiane, o meglio: umanamente accettabile, diverso da cristiano ma idealmente uguale a una sua ipotetica ideologia di mainstream, che mi sia capitato di leggere (e ho ascoltato per parecchio tempo le uscite di Radio Maria… ) per poi invocare proprio quel Müller che a fine commento nel P.S. dice di star per riconoscere la causa del suo battere i piedi. Cosa si può aggiungere di più?

    Rispondi
    1. adminadmin

      FSM … ma cosa dobbiamo fare con CdP? Sarà quello vero? Oppure anche questa volta scopriremo che si tratta di qualche impostore che lascia commenti a suo nome? Io nel dubbio quasi quasi cancello il commento che è finito nella coda di moderazione. Che dici?

      Rispondi
      1. FSMosconiFSMosconi Autore articolo

        In effetti, anche se a vedere dallo stile mi vien da dire che se è un impostore ci sta mettendo impegno: quale “genio” si rifarebbe al copyright sul web? Al più che come ampiamente dimostrato qui non è il caso di Pontifex (non è una testata giornalistica per loro stessa ammissione)?! Nel dubbio cancellalo…
        Se non altro per la possibilità del fake, se vuol rispondere lo faccia con un articolo (con i medesimi toni della mail, così siamo sicuri che è effettivamente lui) sul suo sito. Per una volta tenterò di non lamentarmi del fatto che dicono di non leggerci.

        Rispondi
        1. adminadmin

          quale “genio” si rifarebbe al copyright sul web

          Beh è legittimo voler tutelare i propri diritti anche sul web. Anche se bisogna capire di quali diritti stiamo parlando.
          Qualcuno qui ha cercato di trarre profitto dalle parole del Maldestro? No, non attraverso questo sito.
          Qualcuno qui ha cercato di appropriarsi della paternità delle parole del Maldestro? No, anzi il contrario.

          Stiamo esercitando il normale diritto di critica, sancito e ben descritto nella legge che regolamenta il diritto d’autore (legge 633 LdA).
          Negare questa circostanza è criminale, illegittimo, vile e denota una profonda ignoranza.

          Se non altro per la possibilità del fake, se vuol rispondere lo faccia con un articolo
          Come non essere d’accordo? Ha mille modi per manifestare il suo pensiero… Il più semplice e sicuro è pubblicare online le sue riflessioni in modo che tutti leggere i suoi pensieri. Gli basta menzionarci nel titolo o nel contenuto del suo articolo per fare in modo che ci si accorga del suo scritto. Senza neppure informarci. Invece no, questo troll sceglie di scrivere un commento anonimo senza registrarsi al nostro sito…. Imbarazzante. Imbarazzante!

          LOL ;-)

          Rispondi
        2. adminadmin

          FSM hai letto lo sproloquio del Maldestro? :D

          Premessa: si è resa opportuna la pubblicazione della presente sul sito Pontifex.Roma in quanto l’autore segnala di essere stato censurato sul sito dove aveva postato il commento.

          Lui è stato censurato? Ahahahahahahahahaha :D

          Ma chi è il signor Cira a cui si rivolge nel titolo?

          https://s3.amazonaws.com/pontilex/Stampa+-+IN+RISPOSTA+AL+SIGNOR+MOSCONI+CIRCA+LA+_VICENDA+MEDJUGORJE_+ED+AL+SIGNOR+DEL+CORNO+CIRA+IL+PLAGIO.pdf

          Veniamo poi accusati di plagio… Curiosamente il Maldestro cita documenti che evidentemente non comprende.

          L’unica eccezione prevista dalla legge (art. 70 l. 633/41) è quella di consentire il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie (ma non l’intera opera, o una parte compiuta di essa) a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, purché vengano citati l’autore e la fonte, e non si agisca a scopo di lucro, sempre che tali citazioni non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera stessa. Solo in questa particolare ipotesi si può agire senza il consenso dell’autore.

          Nessuno di noi si vuole appropriare delle parole del Maldestro.
          La citazione non è completa ed è attribuita all’autore (con tanto di link alla pagina Pontifessa).
          Il nostro sito non ha pubblicità e non chiede donazioni. Quindi è privo di fini di lucro. Esattamente come prescritto dal brano riportato dal Maldestro.
          Vuole forse sostenere che citando il suo “articolo” noi siamo in “concorrenza” con lui? Ahahahahahah :D

          Rispondi
          1. FSMosconiFSMosconi Autore articolo

            Eh, già: ho or ora finito un bel articolo risposta (un po’ lungo in verità) proprio a questa perla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif 
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.