I pontifeSSi massimi non sono attaccati ai soldi …

… e affrontano anche molto volentieri le critiche ed il dialogo tant’è vero che appare su Pontifex:

 

 Sarà perché è l’unico modo che hanno trovato per non far commentare Betta non sapendo più cosa inventarsi? Sarà per le pontifeSSerie che si inventa Babinix l’emerito sui gay che farebbero bene a non nascere? Vai a capire.

 Altro che cattofobia e sfottò.

32 pensieri su “I pontifeSSi massimi non sono attaccati ai soldi …

  1. adminadmin

    Chi può garantire che i soldi non vengano invece usati per pagare gli emeriti e “stimolarne” le risposte? L’opacità dei bilanci del sito Pontifesso impedisce qualsiasi verifica… Tonnellate di pubblicità ed ora anche l’obbligo di donazione: e per fortuna che dichiarano di svolgere la loro missione gratuitamente! Patetici!

    Rispondi
    1. Betta

      Mah, io l’altra sera, mentre versavo il mio eurino di obolo, mi autoflagellavo ridendo…se solo non avessi pestato i calli a Cielo….se solo avessi accettato di buon grado di essere contemporaneamente Eli, Elisa, Elisabetta, Betta, Ettta, Tta, Selen, Gatto Silvestro, Cippelimerlo e Alì Mortè, non avrei dovuto immolare un capitale al tempio dell’assurdo.

      Cosa facciano di questi soldi non è dato sapere. Se almeno se li bevessero in compagnia….ma, non so perchè, ne dubito fortissimamente.

      Rispondi
  2. paopao

    oppsalá… Mammona ha colpito ancora?

    bhe, in qualche modo dovranno pure pagare il pool di avvocati che li assiste ..e magari NON solo quelli

    Rispondi
    1. adminadmin

      Sono imbarazzanti… Quante volte li abbiamo visti mutare politica di gestione dei commenti?
      Con che coraggio Carletto mi proponeva le sue meditazioni sul nostro sistema di gestione dei commenti?
      Senza vergogna. Sono senza vergogna!

      Rispondi
      1. paopao

        imbarazzanti? Sono impresentabili!
        Beh admin, che ne dici di aprire una rubrica di commenti riferiti a pontifex.roma.it qui su pontilex … cosí li aiutiamo!

        Rispondi
        1. adminadmin

          Mettiamo a disposizione i nostri forum (dove potete aprire thread per ogni articolo Pontifesso)… 😀
          E poi la nostra tolleranza per gli OT è molto superiore a quella degli amici Pontifessi… 😉

          Rispondi
      2. francesco t

        per non parlare della minaccia di querela nel caso si citino riassunti dei contenuti di una mail …cosa che è successa a me recentemente XD

        Rispondi
        1. adminadmin

          In questi casi io sono solito pubblicare il contenuto delle mie missive. Nelle quali ovviamente si fa riferimento (senza citarli) agli alti concetti espressi dal mio interlocutore. Ma senza pubblicare le parole del mio interlocutore… 😀

          Rispondi
          1. francesco t

            un riassunto, infatti, non un copia e incolla.
            ma no, ciònonostante verrei querelato comunque XD

          2. adminadmin

            In teoria una comunicazione privata non può essere riportata neppure per riassunto. E’ per questo che mi limito a pubblicare LE MIE parole. 😉

          3. StevenY2J

            Mi permetto solo di far notare che l’art. 616 c.p. punisce la divulgazione di corrispondenza da parte di persona a cui la corrispondenza NON é diretta e, in questo caso, la mail ERA DIRETTA A FRANCESCO. Inoltre, dalla rivelazione del contenuto della corrispondenza deve derivare “nocumento” (ovvero danno – art. 616 c.p. é un reato di evento e non di mera condotta) e, in questo caso, vorrei capire quale danno sia derivato a Pontifex dalla rivelazione di una mail in cui si banna un utente.
            Altro discorso può essere la diffamazione, se si riportano in maniera errata frasi o pensieri altrui ma, anche in questo caso, non c’é stata alcuna deformazione del contenuto della mail.
            Il fatto di reato non sussiste e faccio presente a Francesco che può stare più che tranquillo.
            Tra l’altro, gli faccio notare che sporgere querela quando un reato si sa non essere stato commesso costituisce – quello si – un reato, la calunnia.
            Ciao

          4. adminadmin

            Carletto ha la pessima abitudine di concludere le sue mail con messaggi minatori come il seguente:

            La presente è da considerarsi a contenuto strettamente riservato, non pubblicabile e non diffondibile in qualsivoglia forma o maniera

            Quale valore hanno queste parole, a parte rappresentare un tentativo di intimidire l’interlocutore con minacce più o meno velate?

          5. StevenY2J

            Ai fini penali, nessun valore. L’unico valore é quello dell’art. 616 c.p. che, come ho scritto a Fra, prevede come reato la divulgazione del contenuto della corrispondenza DIRETTA AD ALTRI (quindi, nel caso in cui IO Stefano pubblicassi il contenuto di una mail tra Francesco e Carlo, per esempio).
            Poi. é punita la divulgazione di un segreto (industriale, professionale, di Stato…) però, anche qui, i contenuti segreti non li stabilisce un disclaimer posto alla fine della mail, ma solo la legge.
            Infine, dalla divulgazione di una mail si potrebbe ipotizzare:
            – il reato di diffamazione, se io falsifico il tuo pensiero oppure rivelo un particolare privato e infamante della tua vita che tu mi hai comunicato via mail (per esempio, se via mail un amico mi confessa che ama vestirsi da donna e io lo rivelo su internet)
            – un illecito civile (non penale) se, diffondendo il contenuto di una mail che mi arriva come privata, io dovessi danneggiare gli interessi del mittente (ad es. ricevo via mail il bilancio di un’impresa e lo rivelo al mondo intero).

            Se Francesco riferisce che é stato bannato:
            1. ha divulgato il contenuto di una mail rivolta a lui (quindi, nessun reato ex art. 616 c.p.)
            2. non ha diffamato nessuno (ha raccontato un fatto oggettivo, il ban)
            3. non ha danneggiato nessuno.
            In caso contrario, si arriverebbe all’assurdo che se io pubblicassi su facebook il contenuto di una mail spam l’autore dello spam potrebbe denunciarmi (!!!). Per che cosa, dato che la mail me l’hai spedita tu senza che io ti chiedessi nulla?

            Premesso questo, se Francesco dovesse ricevere una querela da parte di Pontifex o da parte di Carlo di Pietro per aver rivelato il contenuto della mail (tra l’altro, presumibilmente identico o comunque molto simile alla mail che ho ricevuto anch’io), si tratterebbe certamente di una querela intimidatoria e pretestuosa perché loro stessi non possono non rendersi conto che non c’é nulla di male e di delittuoso nel rivelare che “mi hanno bannato dal sito xy”. Quindi, dal mio punto di vista, in questo caso ricorrerebbero pure gli estremi per una bella contro-denuncia (o contro-querela) per calunnia.

          6. StevenY2J

            Dimenticavo, la minaccia di esercitare un diritto (come la minaccia di sporgere querela quando, per di più, non vi sono nemmeno i presupposti per farlo, come in questo caso) può integrare il delitto di minaccia ex art. 612 c.p.
            Just saying…

          7. adminadmin

            Rotfl… Loro hanno minacciato molteplici volte molte persone pubblicamente di denuncia… Porelli… Spero che Taormina li difenda pro bono… 😉

        2. Betta

          Cidippì è stato così gentile da omaggiare anche me di una mail. Tutto molto cortese, vagamente vittimista (ça va sans dire), quantomeno educato.
          Poi, quando gli ho fatto presente alcune impercettibili incoerenze ed ipocrisie nella gestione del sito….hoplà, salto carpiato all’indietro…sono molto occupato, si rivolga al web master, parliamo dei miei articoli…DEI SUOI ARITICOLI?!?!?!
          Aiuuuuuuuto!!!

          Il festival

          Rispondi
          1. adminadmin

            Citando un saggio:
            pepepepepepepepepe upa neguno upa prava pra ca upa negunoi comencando andar comencando andaaaaar zazuera zazueraaaaa
            a e i o u y
            no gostamos de voce brigitte bardò bardò
            ayay carramba meo amigo charlie brown

            😉

    1. adminadmin

      Potremmo chiedere tutti insieme al caro Brunello di fare visita (se può uscire di casa) al suo vicino B.V. ed informarsi. Lui sicuramente ha informazioni utili per soddisfare la tua curiosità 😉

      Rispondi
  3. FSMosconiFSMosconi

    Che dire: questo supera di cento, mille volte il banner di qualche tempo fa: Per continuare nella nostra Crociata contro il modernismo, il comunismo, la secolarizzazione, la Massoneria ed il clero progressista, Ti richiediamo, al momento dell’iscrizione, l’invio di un contributo simbolico che sarà gestito dal sicuro sistema di pagamenti Paypal.

    EPICO!

    Rispondi
      1. Caffe

        La mia domanda era retorica: il fegato è sempre stato un pallino di BV; tanto è vero che voleva fare il medico e trapiantare fegati; dall’università l’hanno cacciato con diffida, ora fa il giornalista ma gli è rimasta l’ossessione per il fegato: un po si fa rodere il suo nel leggere Pontilex, un po lo acquista per mantenere i suoi sei gatti (gli unici che gli danno retta), quando gliene avanza, lui ha la curiosa tendenza di appenderlo ai citofoni di ignari concittadini, e queste, sò spese!

        Rispondi
  4. AlbertoBAlbertoB

    … e che du’ palle , sempre a malignare… ma ce l’avete presente cosa costa gestire un databeis di commenti????
    Cioè , non so , poco poco costerà 50 copechi che al cambio attuale sono circa 64 narcodollari! Cifre iperboliche!
    Considerando che dei due marmittoni quello più vecchio vive con la paghetta che gli dà la sua povera mamma (sempre massima solidarietà alla povera signora che si ritrova un figlio sfigato del genere) , mentre quello più giovane si guadagna da vivere vendendo il brodo che cucina usando le tartarughe disperse che trova in giro… vedete un po’ voi se non è il caso di mettersi una mano sulla coscienza e scucire ‘sti 15 franchi svizzeri…

    Rispondi
    1. Betta

      E vuoi mettere quanto costa mantenere la piccola schiera di Umpa Lumpa che mettono insieme i minacciosissimi carteggi, poi cancellano i commenti più grossolanamente diffamatori, poi vanno a fare gli spioni in giro….
      E’ un turno continuo, mica si scherza..

      Rispondi
  5. NikkoNikko

    Non capisco, sono ignorante.
    Cerco nel vocabolario e trovo:

    “donazione
    [do-na-zió-ne] s.f.
    1 Atto con cui si cede gratuitamente qlco. a qlcu. SIN dono: fare una d.
    2 dir. Contratto con cui una parte (donante) arricchisce l’altra (donatario) con la cessione gratuita di un diritto o con l’assunzione di un’obbligazione”

    Forse i Munāfiqūn del sito tanto amato sono incorsi in un refuso. Mi spiace che loro, solitamente così precisi e attenti, siano incappati in simile abbaglio. Però li capisco poverini, infatti, probabilmente più che un refuso, si tratta dell’uso corretto dell’ormai comune gergo in voga tra le loro alte frequentazioni. Le quali ad esempio, ripetono come un mantra il simpatico ritornello di non pagar le donne, ma di far a loro donazioni. Quando poi la pecunia manca o non basta, evidentemente si può optare per lo scambio in natura esempio braccialetti, case, vacanze, fegati ecc.
    Mi registrerò presso di loro immantinente, un solo dubbio mi assale pay pall permette di inviare come pagamento il polmone che ho appena sottratto alla cena del mio gatto?

    Rispondi
    1. adminadmin

      Paypal non accetta organi. Ma contatta con fiducia il caro BV di Murat. Lui saprà aiutarti e convertire le interiora in euro. Se poi gli proponi del fegato, vedrai che ti sarà riconoscente in eterno, come tutti i “galantuomini”, d’altra parte. 😉

      Rispondi
  6. Gennaro

    Io non verso nemmeno un centesimo per poter commentare, qualche giorno fa ho postato un messaggio sul blog dei pontimostri pensando di chiarire i miei dubbi riguardo a Medjugorje (argomento tanto caro a Volpastren),il risultato è stato che ho perso tutto il pomeriggio a rispondere al pc senza venire a capo di nulla e ricevendo in cambio critiche da parte dei soliti nick. Alla fine è intervenuto CdP,dichiarandosi disposto ad avere un dialogo costruttivo,io quindi gli ho inviato un messaggio con le mie domande (che però non è stato pubblicato, anzi, mi è stata inviata una mail contenente una velata intimidazione,che ho provveduto a pubblicare qui, oltre ad essere bannato per un giorno).
    Per caso sapete se Volpastren e Carletto hanno fatto studi di teologia? Le uniche informazioni che ho trovato su CdP dicono solamente che è studioso di demonologia, un pò poco per che per dichiararsi competenti in determinati argomenti

    Rispondi

Rispondi