Lo scrittore distratto

Buttano giù il loro pensiero a pezzi e bocconi in brevi sentenze paradossali e ambigue che sembrano voler significare assai più di quel che esprimono (eccellenti esempi di questo genere si trovano nelle opere di Schelling sulla filosofia della natura); alle volte, invece, quegli scrittori presentano il loro pensiero in un profluvio di parole con la più insopportabile prolissità, come se occorresse chissà quali sforzi miracolosi per rendere comprensibile il senso profondo, mentre si tratta di un’idea sciocca, magari una banalità (Fitche, nei suoi scritti popolari e centinaia di miserabili imbecilli che non vale la pena nominare, nei suoi manuali di filosofia, ne forniscono esempi in abbondanza).

L’Arte di Insultare, Gli scrittori mediocri; Arthur Schopenhauer. Adelphi, pp. 124-5

Inizio anzitutto col precisare che questo scritto non ha l’intenzione né la finalità di denigrare in qualsiasi modo la casa editrice che ora citerò, ma solo a mostrare uno sprazzo di incoerenza di uno scrittore (se così è lecito chiamarlo, visto che non si prende men che meno la briga di variare significativamente i titoli delle sue opere) che, francamente, non mi sta niente simpatico. Ovviamente ciò non vuole essere a un invito per costui a lasciare tale casa, sarei responsabile di un licenziamento e di un calo di introiti delle stessa ergo mi sentirei parecchio responsabile, ma quanto meno un invito alla riflessione appunto sulla coerenza.

Detto ciò, nelle ultime ore risulta un nuovo articolo PontifeSSo e… un’auto-clebrazione! Te pareva. Leggiamo per pura curiosità:

In occasione dell’incontro tenuto da don Marcello Stanzione a Udine presso la sede dell’editrice cattolica Segno, il 5 dicembre 2011, gli è stata consegnata dall’editore Piero Mantero una targa in quanto è “l’autore con il maggior numero di libri pubblicati e diffusi nel 2011”, nonché per il suo impegno nell’apostolato.

Un riconoscimento è un riconoscimento. E fin qui ci sta. Ma avrei da obbiettare che anche, anzi soprattutto, per una casa editrice non converrebbe puntare più sulla qualità che sulla quantità?

Voglio dire: val bene essere bravo a scrivere libri come veloce come una stampante, se però son tutti delle ciofeche tutte uguali un minimo di dubbio viene. Poi ovvio che l’utenza risponde visto che questo autore se lo trova schiaffato in faccia ad ogni scaffale! (Nel più classico svolgimento delle Leggi di Murphy)

Attualmente sono quasi cinquanta i libri che son Stanzione ha stampato con l’editrice friulana. Concretamente il sacerdote, che da oltre 21 anni è parroco di Santa Maria La Nova nel comune di Campagna e in Diocesi di Salerno,  da anni si impegna a salvare le persone dalle mani di sedicenti maghi, cartomanti, santoni e similari, al fine di salvaguardare l’anima ed il portafoglio dei malcapitati.

Meritevole, ma un po’ contraddittorio perché… lo vedremo avanti.

Lo studioso degli angeli, dal 1990 parroco dell’Abazia di Santa Maria Nova nel comune di Campagna (Salerno), ha rifondato nel 2002 l’Associazione Cattolica Milizia di San Michele Arcangelo (M.S.M.A.) per la diffusione della retta(?) devozione cristiana agli angeli,  la diffusione del culto a(?) San Michele Arcangelo e la lotta all’esoterismo.

Ok, questo è double-thinking palese palese.

Nella sua parrocchia ha creato il primo Centro di Angelologia, dotato di Biblioteca e Centro Documentazione, la Mostra permanente sulla devozione agli angeli ed il Centro di spiritualità “Oasi di San Michele” per campi scuola, ritiri e convegni. Ogni anno, l’1 ed il 2 giugno, organizza e presiede il Meeting Nazionale di Angelologia.

Appunto.

Segue una pesante rassegna di tutte le opere del Don. Rigorosamente in ordine d’età. Appaiato, inconsapevolmente per l’autore, alla crescente noia e disinteresse del lettore ormai stufo di sbattersi negli occhi titoli con le sole parole angeli, santi e 365.

A quel punto, ormai messo K.O. dalla ripetitività dell’articolo, vado a curiosare nel sito della casa editrice e… che mi trovo?

Gli oggetti e le più belle e prodigiose immagini-icone da conservare o esporre nelle proprie case. (Per ogni immagine, salvo indicazioni diverse,è richiesto un ORDINE MINIMO di 10 PEZZI.)

http://www.edizionisegno.it/cerca.asp?t=c&q=27

Dico: va be’. Cattolica. Piccola casa. Avrà bisogno di introiti. E al massimo sarà un caso, mo’ figurati se appaiato trovo qualche libro tipo-Testimoni di Geova…

Alla fine dei tempi, in condizioni non compatibili con la vita umana sulla terra, il Signore interverrà con la sua potenza al sollevamento (o rapimento) degli eletti, per preservarli per la ricostruzione della terra stessa. Il Signore fece infatti ai suoi apostoli una promessa formale: “Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io” (Giovanni 14,2-3). Questo libro affronta l’argomento del sollevamento degli eletti richiamando innanzitutto quanto riportato dalle Sacre Scritture, per poi citare quanto viene affermato dalle principali profezie private, in piccola parte riconosciute dalla Chiesa Cattolica ed in parte già vagliate da vari esperti e pubblicate, che ci sono state trasmesse per volontà divina a partire dai primi secoli del cristianesimo sino ad oggi, al fine di dare un quadro il più completo e dettagliato possibile di ciò che riguarda questo grandioso avvenimento degli ultimi tempi.

http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=630

Basito. I miei occhi correvano ormai per lo schermo impazziti “Ma che cazz-!? Ma come?!  Ma no! Ma l’angelologo sa che pubblicano anche ‘sta roba? E dov’è finita tutta quella manfrina contro la non-cattolicità?” Ricerco. Si tratterà forse di un caso, penso. Ma nemmeno a farlo apposta…

Contrariamente a quanto si crede, la centralità della Rivelazione dell’Apocalisse non è tanto rappresentata dalla fine del mondo, quanto dal regno dell’Anticristo e dalla sua sconfitta nella storia ad opera di una manifestazione gloriosa di Gesù che viene a realizzare pienamente il Regno di Dio. Cosa ci riserva il prossimo futuro? Saremo spettatori o vittime? In questo libro troverete delle risposte che vi faranno pensare.

http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=633

Sbrocco: “Ma… ! Ma… !! Qui stiamo a livelli del Nome della Rosa! Gli ci manca solo un testo proibito di Aristotele rilegato assieme a una copia di un testo teologico benedettino e uno uno arabo e abbiam fatto tombola!” Perse le speranze, ormai guardo solo per cercare questo: ciofeche. Casa Editrice cattolica? Mah. Fatto sta che Stanzionen è davvero disattento se non nota stranezze del genere. Sarò io?

La scienza medica delle pietre preziose di Santa Ildegarda ci indica metodi sicuri di pratica terapeutica e contiene vere perle capaci di guarire da malattie ancora oggi incurabili. Per ottenere un beneficio, però, è necessario seguire esattamente precise e specifiche indicazioni perché anche la medicina delle pietre preziose, come tutte quelle ildegardiane, ha le sue proprie leggi e regole, che qui vengono finalmente descritte in modo chiaro e analitico. Chi non avesse ancora trovato nessun rimedio per le proprie sofferenze legga dunque questo libro sulla medicina delle pietre preziose di santa Ildegarda: scoprirà la profonda relazione che lega l’uomo alla natura.

http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=373

A questo punto se fossimo davvero ne Il Nome della Rosa un mio ipotetico maestro avrebbe sbottato sulla facilità di tali pratiche. Possibilmente rivolgendosi all’Abate di un ancor ipotetico convento.

Il modello eliocentrico, prima ancora di costituire il noto sistema di ipotesi utilizzato da Copernico per spiegare la struttura del sistema solare, rappresenta in modo allegorico l’antichissimo “culto del sole”. Questa religione naturalistica, dalle sponde preistoriche, attraverso le civiltà mesopotamica, egizia e romana, dopo una lunga fase di oscuramento, tornò alla ribalta nel Rinascimento. In questo periodo, parallelamente alla rivoluzione eliocentrica, si determinò la nascita della cosiddetta scienza moderna, di cui fu ardente “apostolo” Galilei. Costui non evitò di porre sul frontespizio del suo “Dialogo sui due Massimi Sistemi del Mondo”, un piccolo ma enigmatico marchio rappresentante tre delfini in cerchio. Tale emblema, nel quale sembra celarsi la fatidica cifra apocalittica, lascia supporre l’esistenza di un originario ed impalpabile nesso fra esoterismo e scienza moderna. E proprio la ricerca di tale occulto legame costituisce la ragione del presente saggio.

http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=241

Cado dalla sedia dalle risate! “Bello scherzo! Bello davvero!” Dico per rassicurarmi. Peccato che sia il recensore che lo scrittore fossero entrambi sicuramente seri. Il che non è un gran dire.

Poi vedo poco sopra, ed… ecco la versione dei Tantra per poveri:

Cavalcare la tigre è un motto di antica tradizione, significa che si deve imparare a signoreggiare l’energia vitale della sessualità, rischiosa e selvaggia, senza però abbatterla o umiliarla. Conoscere le modalità e i segreti di questa pulsione ci consentirà di gestirla meglio, di vivere una sessualità consapevole e felice. Il testo si rivolge sia ai credenti sia ai non credenti in ricerca. Ciascuno potrà applicare nella propria scelta esistenziale le informazioni che avrà tratto dalla lettura di questo libro.

http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=568

Ormai accantono del tutto l’idea che la casa editrice sia realmente cattolica e mi calmo. Va bene: ognun per sé. Loro si diranno cattolici, ma saranno in buona fede visto che non possono vedere il background di ogni singolo autore. Magari forse…

E in uno sprazzo di scetticismo decido di controllare se la casa si definisse cattolica ipso facto:

Le Edizioni Segno, da anni leader nel settore dell’editoria cristiana, pubblicano libri e riviste unici nel loro genere per la varietà e la completezza delle informazioni su profezie e rivelazioni private, messaggi e apparizioni e tutto ciò che riguarda il mondo del soprannaturale.

Nata nel 1988 come piccola Casa Editrice indipendente di pubblicazioni religiose, le Edizioni Segno hanno ben presto riscosso un grande successo, che ci porta oggi a competere con le maggiori case editrici del settore e ad essere i primi in Italia per quanto riguarda il segmento delle rivelazioni private. Siamo presenti inoltre nelle migliori librerie e distribuiti a livello nazionale.

http://www.edizionisegno.it/vedi.asp?id=103

Va bene: la casa editrice è scagionata. I PontifeSSi no.

Ma PontifeSSi, guardate a chi date alle stampe i vostri bei libri o no?!

Fonte del ripetuti Facepalm: http://www.pontifex.roma.it/index.php/news/29-news/10524-premio-delleditrice-segno-a-don-marcello-stanzionehttp://www.edizionisegno.it/default.asp (che è l’unica coerente trai due. Per inciso)

1 pensiero su “Lo scrittore distratto

  1. adminadmin

    FSM: implacabile! 😀

    Due rapidi commenti…

    1) se esce una divertente immagine di Strazy ridotto a puro prodotto commerciale. L’editore lo premia per il volume di affari, esattamente come una ditta premia il miglior venditore con una vacanza ai Caraibi… Contento lui… 😀

    2) Ma se era ad Udine, deve andare in Sardegna, organizza il meeting angelologico… Ma quando celebra la Santa Messa per le sue fedeli pecorelle? Inarrestabile questo Strazy! 😀

    Rispondi

Rispondi