Ci si mette anche Al Bano a cantare per Don Verzè

In questi primi giorni del 2012 Volpastren ha trovato un nuovo filone su cui battere: Don Verzé per il quale Volpastren ha solo parole aspre. Ma sappiamo che Volpastren cerca di cavalcare l’onda, cerca l’argomento più in voga e che probabilmente gli darà il maggior numero di visualizzazioni/guadagni su cui disseminare opinioni e sciocchezzuole a destra e a manca solo per guadagnarci su. Non una remunerazione per un servizio (informazione cattolica).

Ma questo filone ha dedicato una bella delusione al Nostro: Al Bano che canta l’Ave Maria al funerale di Don Verzè è uno scherzo mica da poco. Ricordo ancora, con serio rischio per la mia salute epatica, quando nel settembre 2008 Al Bano richiedeva l’esorcista per Sabina Guzzanti, oppure quando confessava che era commosso nel cantare l’Ave Maria. Sembrava l’inizio di un idillio.

Ma già i primi scricchiolii nel rapporto idilliaco con Al Bano si vedono quando costui parla del caso Englaro. Il titolo è tutto un programma: solo chi come me ha perso un figlio può capire il dramma di Eluana. Quasi a voler sottintendere che c’è chi parla e straparla senza aver titolo di giudicare. Men che meno le strumentalizzazioni del caso. Quasi a voler condannare i 67 (sessantasette!!!) articoli che appaiono su Pontifex digitando nel motore di ricerca interno la frase “caso Englaro“.

Per un po’ l’amore sembrava finito ma poi una parvenza di nuovo amore quando Al Bano si scagliava contro le musiche sataniche. Peccato che duri poco perchè nella stessa intervista, Al Bano ritiene che anche in discoteca vi sono musiche accettabili. E noi sappiamo che il Nostro considera le discoteche il posto ideale per lo sballo e per la droga. Ma il Nostro, imperterrito, continua ad infastidire il cantante in quel di Cellino chiedendogli di commentare la manovra. Quando poi Al Bano chiude con un avvertimento: Strumentalizzazione e insensibilità  sono insopportabili. Appunto.

Eppure Volpastren, sempre pronto a giudicare la vita matrimoniale cattolica altrui, nonostante sia separato e quindi in contrasto con la dottrina migliore, non abbia mai, e dico mai, nelle interviste ad Al Bano contestato un matrimonio alle spalle con Romina e nientemeno una convivenza con Loredana Lecciso. Quindi il Nostro Volpastren ha evitato domande scomode al suo interlocutore, scommetto sperando che l’intervista ad Albano riscuotesse visite, nonostante in altri momenti abbia espressamente criticato sia il divorzio che la convivenza. Se tutto ciò è deontologicamente corretto non so, ma è quanto meno incoerente.

Chissà se nel nuovo anno cambierà passo il Nostro giornalista pubblicista non secolarizzato e non cominci a chiedere ad Al Bano tutte quelle domande scomode di cui sopra che, prevedo, saranno solo una brevissima anticamera per una mandata a svuotare l’intestino.

Che poi vorrei sapere come farà mai, Volpastren, a condurre le interviste, visto che non mi pare si sposti mai da Murat. Cioè dico: fatti salvi gli emeriti, con cui magari si metterà in contatto grazie al dio Anubi, un bel giorno il Nostro vuole intervistare Iva Zanicchi, Al Bano, Pippo Franco o Scilipotens. Ok: che fa cerca il numero sull’elenco? Contatta i manager? Farà fare un esorcismo a Padre Amorth? Volpastren perché non me lo spieghi? Come vedi non sono poi così sapientone come dici. Anche perchè puntualmente mancano interviste scomode, ma che sarebbero state visualizzatissime. Mancano le interviste, per dire, a Crozza e a Fiorello. Il fatto è che forse l’avrebbero mandato a cagare subito e senza problemi.

Infine Volpastren pensa bene di fare una dedica al un pensionato suicida nel “murattiano”: vorrei sapere perché l’unico evento avvenuto nella sua Bari è l’arresto di quello stalker che ha in comune con Volpastren le iniziali, l’età, la professione ed il quartiere di residenza. E poi vorrei sapere perché non si sa più nulla di Cetto e della biologa ventiseienne.

9 pensieri su “Ci si mette anche Al Bano a cantare per Don Verzè

  1. paopao

    Sandro:”Che poi vorrei sapere come farà mai, Volpastren, a condurre le interviste, visto che non mi pare si sposti mai da Murat….Ok: che fa cerca il numero sull’elenco? Contatta i manager? ”
    Ma noooo, tutto molto piú facile!Ti spiego, sono le voci nella sua testa.. eSSo pone le domande e le voci gli rispondono… 😀

    Rispondi
    1. paopao

      Sandro:”E poi vorrei sapere perché non si sa più nulla di Cetto e della biologa ventiseienne.”
      mi associo..e visto che ci siamo, mi piacerebbe sapere anche dell´amica polacca.
      Per me l´ha fatta scappare!

      Rispondi
      1. SandroSandro Autore articolo

        In stile marzulliano “si faccia una domanda e si dia una risposta” 😀 Sulla polacca temo allora di aver capito chi era quella soggetta che correva sulla Napoli – Bari a piedi strillando come una pazza facendo scattare tutti gli autovelox. 😀

        Rispondi
    1. adminadmin

      Fermi tutti! Loro non censurano!
      Loro offrono un ventaglio di alternative attraverso cui il loro lettore può formare la sua opinione.
      Nella fattispecie Brunello tollera gli articoli pro-Verza tanto quanto eSSo è fedele a Roma! 😉

      Rispondi
      1. FSMosconiFSMosconi

        Nella fattispecie Brunello tollera gli articoli pro-Verza tanto quanto eSSo è fedele a Roma! 😉

        Be’, il fatto che questo sia l’unico e non della tastiera di Brunello allora la dice lunga 😀

        Rispondi

Rispondi