È ufficiale: Brunello ha paura di me.

Brunello ha paura di me. È ufficiale. Come faccio ad esserne sicuro? Beh è una storia lunga ma che proverò a sintetizzare.

Già nell’aprile scorso avevano tentato di bloccare il mio accesso al loro blog. Usano jFirewall, suppongo nella versione a pagamento. Deduco che la loro reazione, la prima volta, fu dovuta all’articolo che scrissi sulle amenità di De Mattei, che loro poi hanno tanto difeso.

Penso questo perché, come si può constatare facilmente sul blog, tale articolo fu pubblicato il 23 aprile scorso, di buon mattino, quindi probabilmente l’avrò pensato ed avrò raccolto un po’ di materiale anche la sera prima; dal 24 aprile mi accorsi che non riuscivo ad accedere più a Pontifex ed il 26 ho acquisito consapevolezza del fatto che, purtroppo, la Polizia Postale ancora non aveva chiuso Pontifex, e conseguentemente ho trovato il modo di aggirare il blocco. L’articolo ancora precedente su Pontifex risale al 7 marzo 2011. Quindi il principale nesso causa effetto lo vedo nell’articolo anti-De Mattei.

Passare, quindi, ad Internet Explorer (IE), alternativamente ad un altro sistema semplice semplice che tengo per me anche se pure un bambino di 2° elementare potrebbe intuirlo, mi ha consentito di leggere senza problemi gli articoli Volpastren e di Carletto. Solo talvolta ho lamentato un eccesso di quella sostanza simile a Nutella ma che presumo non sia saporita come la Nutella, sostanza di cui prima si disquisiva nei commenti.

Progressivamente verso l’estate, si sono sentiti braccati dalla mia umile presenza, solo per aver posto educatamente quattro domande (almeno Carletto ha risposto: facendomi schiantare dal ridere, ma ha risposto). Brunello, invece, più volte mi ha intimato di andar via dal suo blog. E avete visto i risultati. 😀

Fino ad arrivare alla megacantonata degli attentati di Oslo e tutti i dubbi sull’arresto dello stalker di Bari. Dubbi cui Brunello s’è assolutamente guardato bene dal chiarire. Legge tutto, vede offese in tutto, tranne che nelle cose serie. Stesso discorso che per la bestemmia. Bah!

Ecco, quindi, un nuovo cambio di browser: e con Opera di nuovo liscio come l’olio, fino a oggi. Che è successo? Che evidentemente ho scoperto la bestemmia su Pontifex e ho sbugiardato le futili spiegazioni di Brunello. Non deve averci visto più. Me lo immagino rosso di rabbia, le vene del collo e delle tempie gonfie. La voce alterata. Gli occhi pieni di sangue. Ed io mi immagino avanti a lui, con una sonora risata satanica.

 

 

So per certo che Brunello legga chi parla di lui e di Pontifex, perché so per sua stessa ammissione che usa Google Alert, ed è evidente che oltre a non aver gradito, che ha paura di come posso sputtanare tutte le pseudogiustificazioniargomentazioni che scrive. Altrimenti non cercherebbe di bloccare il mio accesso al sito. Ad altri minaccia denunce (che non risulta abbia mai fatto, altrimenti sarebbe il caso di darne dimostrazione).

Brunello, poi non lamentarti che ti si dice che sei un coniglio. Rispondi alle domande. Accetta le critiche. Non sei in possesso del Verbo. Non sei in grado di dare lezioni di teologia, perché la ignori. Non sei nemmeno un buon cristiano. E anche se lo fossi, non puoi giudicare al posto di Dio. Quindi, almeno rispondi alle domande invece di provare a bloccare il mio accesso al tuo blog. Tanto non ci riesci. Continuerò a visitare Pontifex. E continuerò a parlare di te. A mettere in evidenza le tue contraddizioni e le sciocchezze che dici.

Che tu lo voglia o meno, io continuerò. Non smetterò mai di criticarti, almeno finché non smetterai con le tue posizioni altamente discutibili e poco cattoliche. Sarò sempre la tua voce critica Brunello. Sei avvertito.

9 pensieri su “È ufficiale: Brunello ha paura di me.

    1. SandroSandro Autore articolo

      Grazie admin, terrò presente la tua disponibilità casomai ne avessi bisogno. Per ora riesco ancora a sopperire.

      Tutto sommato i sistemi che provano ad usare sono ancora piuttosto maldestri. Se dovessi sentirmi passar vicino il sibilo delle bombe con su scritto NON PREVALEBUNT!! penso che forse un fischio te lo faccio. 😉

      p.s. piuttosto ma Babini che fine ha fatto?

      Rispondi

Rispondi