Oppsalá Volpastren

..cosa mi tocca leggere!

“Un saluto alla lei o lui che si ubriaca di succo di frutta.”

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/9449-cattivi-pensieri-basta-con-gay-e-rapporti-impuri

 

Un giorno i succhi di frutta sono lui o lei, un altro lei o lui si ubriaca coi medesimi…

e poi i malati mentali sarebbero i gay ehh???? ):D

Beh Volpastren, vedi di fartela passare …

Te lo dico in musica … http://www.youtube.com/watch?v=eJhiDmWr-50&feature=related

stay sick!!

Pao ):D

 

 

 

35 pensieri su “Oppsalá Volpastren

  1. AgnosticoAgnostico

    Ne approfitto per replicare – tramite questo pagina – ad un appunto che mi e’ stato mosso dal giornalista cattolico.
    In un post sul sito Pontifex domandavo come mai usasse il “noi”. Fox ha risposto che e’ la prima regola del giornalismo quando si scrive a nome della testata. Di solito – quando un articolo rispecchia il pensiero della testata – si omette il nome (almeno secondo il giornalismo anglosassone) ma il punto non e’ questo.
    Se vado nel sito Pontifex, in basso trovo il link “contatti ed informazioni”. Cliccandoci sopra leggo che il sito non rappresenta una testata giornalistica perche’ viene aggiornato senza nessuna periodicita’ e pertanto – sempre scritto nel loro sito – non puo’ considerarsi un prodotto editoriale.
    Tutto cio’ mi sembra molto contraddittorio. In una pagina del loro sito si parla di una regola basilare quando si scrive a nome della testata mentre in un’altra pagina dello stesso sito leggo che non rappresenta una testata giornalistica e non e’ un prodotto editoriale: ognuno tragga le proprie conclusioni.

    Rispondi
    1. adminadmin

      Talvolta anche noi utilizziamo la prima persona plurale, più per un vezzo che per una “regola” del giornalismo… In questo modo corroboriamo i dubbi che si annidano (anche grazie ai nostri comportamenti) all’interno della piccola mente di Brunello. Inftti eSSo non ha idea di quante persone si “nascondano” dietro Pontilex. Ed evitiamo accuratamente di fornirgli la minima informazione. Anzi, diffondiamo artatamente informazioni ambigue. O forse no 😉

      Rispondi
      1. AgnosticoAgnostico

        Concordo con te. Quello che mi fa sorridere e’ che dica che scrive a nome della “testata giornalistica” (dando in questo modo l’idea che sia iscritto al R.O.C.) e poi leggere in un’altra pagina che il sito non e’ una testata giornalistica……

        Rispondi
        1. adminadmin

          Beh vogliamo partire dal suo “titolo” di direttore di qualcosa che non esiste? Una testata giornalistica può avere un direttore. Brunello afferma di essere direttore ed il sito Pontifesso è suo. Ergo risulta naturale immaginare che il sito Pontifesso sia registrato -come ipotizzi tu- al ROC. Invece poi, per evitare le grane che derivano dalla registrazione ed un sacco di altre simpatiche conseguenze, affermano di non essere una testata giornalistica. Contraddittori fin dal nome. Si chiamano “Pontifex” ma il Pontefice non ha alcuna relazione con i Pontifessi, anzi probabilmente ride ogni volta che menzionano il loro sitarello da 4 soldi di cacio. 😀

          Rispondi
    2. paopao Autore articolo

      agnostico: idolo mio, tieni presente che eSSi soffrono anche di disturbi dissociativi dell’identità e personalita´multipla, arrampicamento su specchi ed immancabile scivolone non secolarizzato finale… ovvio che a volte usano il “noi” e ci forniscono ragioni contradditorie!
      Comunque secondo me il Volpastren é particolarmente divertente quando le sue varie personalitá sono discordanti e gli dettano frasi in stereo che poi pubblica nei suoi articoli.

      ):D

      Rispondi
      1. AgnosticoAgnostico

        Pao, sei tu il mio idolo! Ma io pensavo che volesse candidarsi al soglio pontificio essendo il plurale usato dai papi…..
        Ps: qualcuno vuole del succo di frutta??

        Rispondi
  2. diego

    giux è stato censurato per un offera!!! Cosa sarà mai????

    e poi:

    La finalità procreativa, dunque, fa da linea Maginot contro qualsiasi forma di perversione e l’omosessualità tale va considerata

    è interessante notare che si fa riferimento alla linea Maginot che fu travolta dai tedeschi proprio perchè PRESA ALLE SPALLE.

    Rispondi
  3. AgnosticoAgnostico

    Il buon Fox – in un articolo – parla di uno che fa il gesto dell’ombrello. Credo che il riferimento fosse a Di Pietro che – inoltre – non ha fatto il gesto dell’ombrello ma solamente il gesto di “andare a casa”. Per fortuna l’invaghimento verso Di Pietro e’ finito. Prima odiato, poi apprezzato per la frase sui gay ma ulteriore dietrofront quando qualcuno gli ha fatto notare che Grillini appartiene proprio all’IdV di Di Pietro ed assieme all’ex magistrato avevano presentato un disegno di legge sull’omofobia. Puo’ consolarsi con Scilipoti…..

    Rispondi
    1. adminadmin

      Brunello si conferma un pessimo generale: incapace di pensare ad una strategia, riesce a malapena a formulare una tattica. Il nemico del tuo nemico è il tuo migliore amico. 😉

      Rispondi
      1. AgnosticoAgnostico

        E’ vero…..non lo avevo visto…..ha fatto bene…..dopo anni di diti medi alzati….. al diavolo il “politically correct”….. 🙂

        Rispondi

Rispondi