9 pensieri su “it s time.

  1. Caffe

    Io penso al coccolone che coglierebbe a gentaglia che noi conosciamo bene nel vedere questo spot; questi Savonarola del ventunesimo secolo non hanno capito, o forse lo capiscono benissimo, che la gente vive come sa e come può, noi amiamo, odiamo, soffriamo, gioiamo e moriamo: questi gendarmi del padreterno vogliono mettere bocca, (e leggi) per regolare ciascuno di questi aspetti della nostra vita ma i confini invalicabili, posti da questi mastini dell’ortodossia sono valicati ogni giorno da persone che, magari credenti, capiscono che certi maniaci non possono rappresentarli al cospetto di Dio, pertanto la la maggioranza della gente, anche quella credente e praticante, si sorbisce la messa e poi, con i valori non negoziabili del pastore tedesco, quando li riguarda direttamente, ci si pulisce il culo, ma, in mancanza di una legislazione da paese civile, in Italia ciascuno si arrangia come può. E’ adesso il momento? Non lo so, ma, se non ora, quando?

    Rispondi
    1. Dark_AnsemDark_Ansem

      dici… potendo soddisfare il proprio bisogno di affetto non ci si affiderebbe più alla chiesa, madre e moglie di tutti i sacerdoti?

      Rispondi
  2. stevenY2J

    Il video é molto bello e poi fa piacere pensare che un filmato del genere sarebbe stato censurato solo cinquant’anni fa, mentre oggi questo messaggio può arrivare a tutto il mondo. Il cambiamento, ancorché lento, é evidente ed inesorabile, in barba ai Volpe e agli Scilipoti che, purtroppo, non mancheranno mai. Credo che questo sia un bel messaggio di speranza.

    Rispondi
    1. OscarWilde

      La chiesa sta morendo. Volpe & Co. sono gli ultimi rappresentanti di una generazione cresciuta a pane, superstizione, vari “ipse dixit” ecclesiastici e ignoranza (nel senso del “non sapere”).
      Questo a me fa molto piacere.
      Il fatto che questi video non vengano censurati sono il sintomo della morte in corso del loro regno.
      Ma come dici tu Steven, ci saranno sempre gli ignoranti, i prepotenti e gli approfittatori.
      Coloro che credendo di essere nel giusto, pretenderanno di stabilire come dobbiamo vivere e pensare.
      La storia ci insegna che costoro hanno vita breve, e non vincono mai. 🙂

      Rispondi
      1. stevenY2J

        Infatti, Oscar, perché l’evoluzione (che loro tanto odiano) opera anche sul piano sociale e culturale. Certo, é un processo lento e impiega decenni però se rifletti sulla situazione sociale di soli cinquant’anni fa sono stati fatti passi da gigante a livello d’integrazione. Questo non signifca che dobbiamo dormire sugli allori ma é un messaggio positivo e ottimista pensare che fra qualche tempo (spero il meno possibile) saranno state abbattute tutte le barriere e le ideologie che impediscono una piena integrazione. Secondo me, é proprio un processo evolutivo inevitabile… oddio, adesso sembro il Professor X… 🙂

        Rispondi

Rispondi