Omofobia allo stato puro.

 

Scilipoti, dopo i suoi problemi a spiegare l’omosessualità al figlio, mostra tutto il suo essere schifosamente omofobo in un’intervista a Klaus Davi, che intervistò anche Volpastren a suo tempo. Scilipoti,  si rende sempre più degno di appartenere alla combriccola Pontifessa. Non so perché ma temo che domani Volpastren gli farà i complimenti e dirà che è uno dei pochi a dire le cose come stanno. In realtà è solo uno che, come Volpastren, è un omofobo e come tale va fortemente criticato.

Spero solo che Volpastren crepi d’invidia per non aver raccolto lui l’intervista, ma Klaus Davi. Nell’ottica di Volpastren di essere visibile a tutti i costi, a patto di scrivere enormi sciocchezze al limite della denuncia, questa è un’occasione persa. Peraltro dà l’idea della considerazione pessima che lo stesso Scilipoti omofobo ha di Volpastren.

Foxi, se vuoi cominciare a dare segni di cambiamento, domani critica ampiamente Scilipoti e rifiutati di ospitare le sue sparate omofobe. Altrimenti confermerai di essere un omofobo della peggiore specie.

20 pensieri su “Omofobia allo stato puro.

  1. AgnosticoAgnostico

    Foxy lady si dimostra piu’ realista del re. Corteggia don Mimmo anche se non ho capito cosa spera di ottenere. Da una parte sarei per le elezioni anticipate…..a casa certi personaggi come “Mimmo” Scilipoti…..

    Rispondi
    1. SandroSandro Autore articolo

      Vuole ottenere solo visibilità. Scilipoti è un personaggio “caldo” sotto questo profilo. Non importa quello che dice. In ottica visibilità=pubblicità=soldi secondo Volpastren far sapere che Scilipoti commenta su Pontifex porta profitti.

      In realtà tutte le volte che puoi ben ottenere molte visite (molte di più) curando la qualità piuttosto che la quantità e piuttosto che inseguendo il nome “caldo” a tutti i costi.

      Rispondi
      1. AgnosticoAgnostico

        Su Scilipoti son d’accordo…..tanto prima chi conosceva della sua esistenza. Il mio dubbio e’ su foxy….cosa ci guadagna ad andare dietro ad un personaggio come don Mimmo.

        Rispondi
        1. SandroSandro Autore articolo

          Beh Foxi spera sempre che possa citarlo in qualche altra intervista, oppure che risulti dall’indicizzazione Google che sia associato Scilipoti a Pontifex. In testa a Volpastren porta più visualizzazioni che porta più soldi di pubblicità (direttamente per quelle pubblicità che pagano in base agli utenti che visualizzano il blog e indirettamente sui clic pubblicitari).

          Questo a mio avviso è alla base di tutta l’attività di Volpastren.Non c’entra un tubo il Magistero, l’apologetica e il cattolicesimo (anzi: Gesù predicava la povertà).

          Rispondi
  2. adminadmin

    Appena pubblicato, già letto ed apprezzato. Una sola critica, Sandro: evita di guardare testate scandalistiche da quattro soldi come il giornale “Libero di dire cazzate” 😉

    Rispondi
    1. SandroSandro Autore articolo

      Hai perfettamente ragione, me lo risparmierei volentieri (tant’è che la maggior parte del mio tempo che dedico alla lettura dei quotidiani è dedicato a ben altri siti e testate). Ma purtroppo sono un serbatoio purtroppo inesauribile di sciocchezze e fonte di materiale non indifferente 😉

      Ma garantisco che ne farei veramente a meno. 🙂

      Rispondi
  3. diego

    Ma non si è sempre detto che 2 uomini non possono fare figli tra di loro?? O forse la biologia è cambiata stanotte???
    (deposizione delle uova??)

    Ma per fortuna che è a favore della famiglia “normale” (forse intende eterosessuale), è risaputo che i figli delle coppie etero non diventeranno MAI omosessuali.

    E i figli nati in matrimoni (coppie) etero con padre o madre omossessuali cosa diventano??

    Rispondi
    1. AgnosticoAgnostico

      Se i figli dei gay diventano omosessuali (secondo un principio di imitazione dovrei pensare) allora per quale motivo i gay nascono da genitori eterosessuali??
      Siccome i gay ovviamente nascono da coppie eterosessuali se imitassero i loro genitori dovrebbero essere eterosessuali a loro volta…..non so se mi spiego….da chiedere a Scili o a Foxy.

      Rispondi
      1. diego

        foxy girerà la domanda a padre omorto o a bombolini, risposte: “ci dev’essere lo zampino del demonio” “questi sono i frutti del Concilio vaticano 2”

        Rispondi
      2. Andrea Laforgia

        Ma ‘nzomma ve devo di’ tutto: i gay sono tali per opera del demogno!! DEL DE-MO-GNOOO!!!
        MA CHE VI DEVO FA’ UN DISEGNO??? Quindi i genitori etero non hanno colpe: si diventa fru fru per lo zampino solforoso di Belzebù. POSCIA… se due omosessuali (ricordatevi che “gay” non esiste) hanno figli, allora lì il diavolo si veste proprio di rosso e la ricchionaggine cresce a livello esponenziale!!! BISOGNA ESSE TUTTI ETEROOOOOOOOOO!!!….. Tutti maschi possenti come Brown Fox!… (!!!!)…

        Rispondi
  4. AlbertoBAlbertoB

    Scilipoti è un altro personaggio in crisi di visibilità e di credibilità (se mai ne ha avuta una). Ecco dunque la ragione di certe sparate.
    Il Mimmo nazionale ha imparato dal maestro , ovvero Berlusconi , come vendere sè stesso e la sua immagine : che poi stia spacciando merda per cioccolata spero che siano in tanti a rendersene conto.

    Rispondi
  5. Sandro Storri

    mi permetto una analisi semplicistica, da quattro soldi.

    il PdL si sta sfasciando, la realta’ di centro come FLi ed UDC, forti delle previsioni elettorali, hanno chiuso la porta e si stanno preparando per ricreare una DC da terzo millennio. L’unico sbocco per i cialtroni di PdL e Lega e’ a destra, cercando di inglobare i vari Storace e Mussolini. Scilipoti sta cercando di cavalcare la stessa tigre da “battitore libero”. Sa bene che dall’elettorato moderato di centro e di sinistra riceverebbe solo risate e pernacchie. Percio’ l’unica speranza di racimolare qualche votarello e’ di attirare su di se l’attenzione dell’elettorato neofascista.

    Vedrete in futuro! Mi aspetto da Scilipoti ben altri discorsi. Oltre alle tesi omofobe gia’ espresse sicuramente il nanerottolo si produrra’ in tesi negazioniste, razziste e neofasciste.

    Un vero poveraccio alla canna del gas che non sa piu’ dove sbattere la testa per rimanere a galla. PEr questo che va tanto d’accordo con quelli di pontifex. Entrambi sono la morchia che nessuno vuole raschiare dal fondo del barile.

    Rispondi
  6. Caffe

    Tempo fa, guardando il film Cetto La Qualunque del pur bravo Albanese ho pensato che il personaggio fosse troppo caricato, troppo cialtrone per essere verosimile, mi sono goduto le gags ma l’ho considerato, alla stregua dell’ indimenticato Hellzapoppin’, un delizioso coacervo di assurdità che mai potrebbero verificarsi nella realtà. Ma Dio, per fargli dispetto, creò Scilipoti, e subito dopo lo abbandonò a se stesso, che gli fece schifo pure a lui, tanto che si fece una doccia lunga quarantacinque anni per togliersi di dosso l’odore di Mimmo. Scilipoti nel frattempo, prescelto da quello statista di Di Pietro si fece strada nella politica e ne fece tante che rovinò per sempre ogni possibilità di conquistare qualche premio al film di Albanese perché ne surclassava nettamente lo scialbo protagonista. Dio, vendicativo come un macaco, venne in sogno ad Albanese e gli disse, dopo la prima del film: Tu sei stronzo, ma se mi ci metto io… 😈

    Rispondi
  7. Oscar Wilde

    “Pericolo matrimoni gay: i figli diventano omosessuali”

    una domanda che mi frulla in testa da tempo:
    ma gli omosessuali derivano TUTTI da famiglie di coppie gay o lesbiche?
    non mi pare.
    Anzi.
    Quasi tutti quelli che conosco sono cresciuti in famiglie composte da pater et mater. Pisello e Patata.
    Come mai allora da questa UNIONE PERFETTA NATURALE SECONDO DIO ET NATURA sono usciti fuori questi “abomini del caos”?
    Non mi do neanche la pena a rispondere.
    Tanto era una domanda retorica.

    Rispondi
  8. Caffe

    Certo che tutti, io per primo, tendiamo a farci pippe mentali pazzesche, per malintese questioni di principio e perciò partiamo a testa bassa per battaglie controproducenti per i presunti beneficiari delle stesse: per esempio, io relativamente giovane, ho problemi fisici che mi costringono a passeggiare con l’ausilio di un bastone: quando, in tante circostanze, per educazione, la gente mi lascia il passo o mi offre il posto a sedere, dentro di me mi incazzo perché prima di tutto non ne ho bisogno, ma soprattutto, perché mi sento relegato in un ghetto, quello peggiore, quello della compassione; quando sento parlare di quote rosa e di leggi anti omofobia provo la stessa rabbia, non dovrebbero esserci leggi ad hoc per tutelare donne, gay, zingari o ebrei; sarebbe come sottolineare il fatto che si tratti di esseri diversi, rinchiuderli appunto, in un ghetto: le leggi ci sono, semmai bisogna incazzarsi per farle applicare, solo questo…

    Rispondi

Rispondi