Volpaster, ubi es?

 

ll Vangelo di questa domenica …

non lo conosciamo, sono secoli che non andiamo a Messa….e tanto non c´entra!

Ma in questi giorni un dubbio amletico ci perfora il cervello: il nostro Volpastren, e´ o non e´lo stalker folle arrestato giorni fa in quel di Bari per aver perseguitato una 26 enne imbrattando i muri d´improperi e i citofoni di croci?Lo chiediamo al nostro Gianluigi, fior di galantuomo studioso ed esperto in pontifeSSi: Gianluigi…che é accaduto in quel di Bari, ma soprattutto, che colore avrá usato per quelle croci?

 

Quel che è accaduto a Bari è senz’altro una folle conseguenza della politica modernista della chiesa del Vaticano secondo, pastorale e non dogmatico. Certo se si continuano a permettere concerti satanisti e di pederasti è normale che uno perda la brocca e disegni delle croci colorate di rosso che non è il colore liturgico giusto per la persecuzione. Meglio il violetto, come prevede il catechismo minore o carminio, come dice il catechismo in settima diminuita. Perché cosa è successo a Bari? Concerti satanici? Ditte di pulizia che trasportano sangue ( da usare per i suddetti concerti)? Taralli avariati e modernisti? Chiese usate per la liturgia pastafariana?

Da giorni il buon Volpastren lamentava attentati alla sua vita in forma di citofonate notturne, potrebbe trattarsi una cospirazione di matrice omosessualisticomassonica..bla bla?

Si! è un segno dei tempi! Quando si perde il corretto rapporto di dominazione fra lo Stato e la Chiesa può anche succedere che un onesto e galantuomo (anche più di me) giornalista cattolico possa essere attaccato da energumeni in divisa blu che, col vecchio trucco dello stecchino nel citofono fanno squillare per tutta la notte. É tutta una manovra ordita da forze laiciste e moderniste, nonché massoniche e giudaiche e bla bla, come dice lei che vogliono impedire il sonno a un onesto e coraggioso giornalista cattolico colpevole solo di difendere la sacra cattolica tradizione della chiesa cattolica. Ovvio, poi uno non dorme e va a piazzare fegati sotto i citofoni.

Ovvero?

Generalizzare è sempre sbagliato e la violenza sempre da deprecare, ma comunque una sana pedata nel didietro ai ragazzini che scocciano la notte con i citofoni non gliela leva nessuno. Dove sono le mie pillole? Ecco, dunque, siamo attaccati da tutte le parti. Gente che vuole amarsi senza avere la giusta natura, gente che vuole divertirsi e pogare, gente che vuole stare in pace e tranquilla a pescare. L’ideale della massoneria ebraica: Un mondo tranquillo di gente che vuole vivere in pace. Un delirio immondo da combattere con tutte le armi e gli angeli e i preti e le croci e l’acquasanta.

Professore, che personalità é quella di uno che appende il fegato sui citofoni altrui?

La violenza è sempre da deprecare, soprattutto quella verso gli animali ai quali non è giusto strappare il fegato da vivi, comunque in alcune circostanze è lecito e morale dare un segnale forte e rigoroso di fede cristiana, che prevede anche fegati sopra i citofoni. La personalità non è il mio forte, credo che comunque Bruno & Meluzzi possano concordare con me che solo una sana e rigorosa educazione possa aiutare a capire come e in che modo esorcizzare eventuali abitazioni di giovani biologhe massoniche.

Pensa che esistano altre cellule del genere in giro?

Purtroppo credo di no! Mussolini ha fatto tante cose buone e i treni arrivavano in orario e poi non ha mai ammazzato nessuno e anche amato gli ebrei (sopratutto una) anche se questa cosa non depone a suo favore. A quei tempi non esistevano pederasti e le biologhe stavano a casa, non andavano al lavoro e non importunavano nessuno con il loro bell’aspetto, le loro minigonne, quell’atteggiamento immaturo e immorale di persone indipendenti. Dove sono le mie pillole ???Questi pensieri mi disturbano e mi fanno sentire una cosa strana, uno strano calore !!!  Sopratutto se qualcuno gli chiedeva il numero di telefono glielo davano e non dovevi stare a scervellarti per scoprirlo e se volevi garbatamente chiedergli qualcosa abbassavano la testa e stavano zitte.

):D

Gianluigi/Pao

20 pensieri su “Volpaster, ubi es?

  1. adminadmin

    ROTFLMAO… Scusate sono caduto dalla sedia! Ooops ho svelato un dettaglio che potrebbe mettere a repentaglio la mia privacy! 😆

    Fantastico, semplicemente fantastico! Grazie a tutti e due! 🙂

    Rispondi
    1. pao

      sei l´unico pipistrello rosso che conosco ad avere una sedia…cioé..sei l´ unico pipistrello rosso che conosco…cioé…sei l´unico pipistrello rosso..cioe´..sei unico, admin!
      🙂

      Rispondi
      1. adminadmin

        Sono un pipistrello major, anzi ciccions! 🙂 .. Senza una sedia dovrei fare esercizi per potermi appendere come tutti i miei simili. Allora preferisco una sedia… 😉

        Rispondi
    1. paopao Autore articolo

      grazie a Gianluigi che é stato davvero fantastico! Mentre postavo, leggevo e rileggevo e mi sgnasciavo dalle risate…):D

      Rispondi
        1. paopao Autore articolo

          ero in ritardo con la vignetta…ma solo perché non sapevo come cavolo si appende un fegato al citofono..hehehehe ):D

          Rispondi
    1. adminadmin

      Ah ecco… Dicevi, del gossip e del pettegolezzo? Ecco, hai appena pubblicato un link che mostra con precisione e chiarezza cosa sia il gossip. Grazie 🙂

      Rispondi
    2. Gianfranco Giampietro

      Ho dato un’occhiata giusto per curiosità… personalmente nemmeno io vado matto per il CICAP, che spesso parte a priori con un cinico scetticismo davanti ad ogni cosa che sembra essere preventivo rispetto alla verifica vera e propria (il vero scienziato non deve avere preconcetti prima della verifica, per quanto razionalisti possano essere… un minimo di apertura mentale a nuove possibilità deve sempre esserci)… Ma se il CICAP è uno dei possibili estremi, non dimentichiamoci che l’altro estremo è rappresentato da Roberto Giacobbo o da persino peggio… Io ho sempre guardato volentieri Roberto Giacobbo (più che altro perchè mi piace la passione che dimostra nei suoi programmi), ne ammiro l’apertura mentale, ma sfora molto spesso nel ridicolo proprio perchè cade in questo famoso estremo (oltre al fatto che nel 99% dei casi le puntate dei programmi di Giacobbo non approdano proprio a nessun risultato)…

      Il vero metodo scientifico è una via di mezzo, o almeno dovrebbe esserlo: significa non essere per forza chiusi verso prospettive un pò “azzardate”, ma allo stesso tempo non scadere nella creduloneria più ridicola…

      Ma se proprio non si può rimanere in equilibrio sulla via di mezzo, allora è meglio peccare più di scetticismo che di creduloneria… Questo per la semplice ragione che l’onere della prova tocca sempre a chi vuole dimostrare qualcosa di insolito, non a chi mette in dubbio l’insolito.

      Se una persona mi viene a dire che l’altro giorno ha mangiato al ristorante cinese, io sono disposto ad “avere fede” in lui senza bisogno di chiedergli una prova… perchè quello che mi sta dicendo non è implausibile.

      Se una persona mi viene a dire di essere in realtà un extraterrestre, io sono disposto anche a credergli… ma in questo caso l’affermazione è fortemente insolita e… io ovviamente ho bisogno di prove molto concrete e tangibili per potergli credere…

      Quello che fa il CICAP come metodo non è sbagliato… al massimo si può dire del CICAP che con il tempo ha iniziato a dare per scontate le cose, cosa che non dovrebbe mai fare prima della scrupolosa verifica.

      Ma resta il fatto che il dubbio è, e resta, molto più intelligente di chi è disposto a credere a qualsiasi cosa… il contrario del CICAP è fare come fa affus: credere ciecamente al contenuto di un libro sacro soltanto perchè è scritto in quel libro, e credere a centomila complotti dove c’è sempre qualcuno che cospira contro qualcos’altro… non a caso scommetto che affus crede che Piero Angela sia in combutta con qualche setta massonica, con la lobby ebraica, con i comunisti, con Godzilla e con i 300 spartani di Leonida…

      Rispondi

Rispondi