La Destra Moderna

Oggi è il giorno in cui le urne, nella loro segretezza, saranno un’altra occasione di caduta degli steccati. Ci sono temi in cui modernità e riformismo sostengono necessariamente la rottura impostazioni tradizionali. Non è passato molto tempo da quando c’erano argomenti di destra e altri di sinistra. Le parti politiche erano barricate, spesso strumentali, di idee, di valori anche non condivisi ma che si era costretti a difendere. Ora viene giù tutto perché diritti e libertà sono il centro del vivere umano e la politica dovrebbe porli come priorità dell’agenda. Uno di questi temi ieri ha visto insieme all’Europride diversi attori politici e sociali in marcia contro l’intolleranza, la pericolosa omofobia. Come sempre, grande assente è stata quella destra che non riesce a stare al passo con i tempi, convinta di intercettare il favore delle gerarchie ecclesiastiche e desiderosa di continuare ad apparire “dura e pura”.

Ma duro e puro oggi è chi ha il coraggio di difendere i diritti e le scelte individuali perché non c’è differenza tra i cittadini, quale che sia il singolo orientamento sentimentale e sessuale. È anche questa una delle sfide del futuro, di chi è chiamato a regolare la vita dei cittadini, mettendoli al riparo da aggressioni culturali e giuridiche. È anche questa la sfida di un centrodestra moderno, europeo e liberale che possa finalmente prendere le distanze dai pasdaran del partito dell’amore, vecchi come i leader iraniani. Per le vie di Roma, ieri, con orgoglio, c’erano anche rappresentanti di Futuro e libertà (nella foto Enzo Raisi e Flavia Perina) a spiegare che l’orientamento sessuale individuale va difeso da destra e da sinistra. Perché è un diritto, non semplicemente un punto del programma.

Il Futurista , domenica 12 giugno 2011

Alberto , tesserato FLI.

La nuova Destra esiste.

3 pensieri su “La Destra Moderna

  1. adminadmin

    Alb io spero che presto possa nascere e crescere una vera Destra nazionale, un movimento politico slegato dagli interessi dello psiconano. Con la speranza che questo stimoli lo sviluppo di una Sinistra nazionale, svincolata dagli interessi di D’Alema e di Berlusconi. 🙂

    Rispondi
  2. comunista

    anche la sinistra fa il tifo per FLI. abbiamo bisogno di gente seria con la quale confrontarci, anche scontrarci, ma gente seria. i buffoni del PdL non valgono lo sforzo di un minimo confronto. vogliamo discutere con gente che fa sul serio come noi. spero che FLI cresca perche con loro si potra’ creare una vera dialettica politica che finalmente porti da qualche parte.

    Rispondi
  3. Gabriele

    da comunista attendo la prova dei fatti, negli atti concreti, quelli su cui anche il PD tentenna. Credo che sui diritti civili si potrebbe arrivare ad una posizione condivisa.

    Rispondi

Rispondi