Statistiche e punti di vista

Il più geniale tra i webmaster si è dedicato , nella sua più recente “opera di alto giornalismo” , ad una compiaciuta analisi delle statistiche del suo sito web , mostrando a noi e al mondo intero quanto sia bravo lui , quanto lo siano i suoi “colleghi” e quanto sia apprezzato il sito Pontifex.

Questo è ovviamente ciò che dice Di Pietro , avvalorando le sue tesi mostrando grafici : anzi no , mostrando delle miniature di alcuni grafici che rendono la lettura degli stessi piuttosto complicata a chiunque volesse approfondire l’argomento. Dobbiamo quindi fidarci di ciò che dice il Maldestro , prendere per buona la sua interpretazione.

Ma anche no.

Come già ravvisato dall’ottimo GG , il mero numero messo lì da solo vuol dire poco o nulla , o per meglio dire si presta ad interpretazioni che possono essere le più disparate ; visto quindi che io , tuttologo al pari di Di Pietro , voglio dare anche la mia di interpretazione , mostro qualche grafico preso dal sito http://www.alexa.com/siteinfo/pontifex.roma.it# (che si occupa di analisi web) liberamente accessibile a tutti in modo da poter verificare l’attendibilità di ciò che mi accingo ad illustrare.

Partiamo con il primo grafico :

Mi si corregga se sbaglio , ma ciò che viene mostrato qui è un trend decisamente negativo del numero di visitatori. Si può notare il picco di visite coincidente con il boom mediatico di Pontifex seguito al caso Babini seguito da un graduale calo , fino ad arrivare all’ultimo mese , coincidente ai numeri più bassi degli esordi. Non è tutto oro quel che  luccica quindi.

Proseguiamo :

Questo grafico conferma in pratica il precedente , confermando l’andamento negativo anche nel rank dei siti più visitati mostrando il crollo dell’ultimo mese.

Altro dato interessante è quello relativo ai visitatori di Pontifex che si limitano alla lettura di una sola pagina , senza quindi approfondire i contenuti ma dedicandosi ad una semplice sbirciata :

Come già detto dunque correggetemi se sbaglio , ma si evince che il 78.6% dei visitatori nell’ultimo mese sono utenti da “una botta e via” , magari persone che danno uno sguardo al sommario e poi passano oltre continuando la navigazione diretti verso altri lidi. Ciò significa , credo , che al 78.6% dei visitatori interessi  poco l’approfondimento.

Dato confermato anche da questo altro grafico , che rappresenta il tempo medio passato immersi nella lettura dei pregiati pezzi di giornalismo d’assalto di Di Pietro e C.

Cosa siginifica? Significa che il tempo passato dai visitatori nella lettura di Pontifex , dopo il clamore suscitato dalle parole Babini , è tragicamente sceso a 3 minuti circa. Il tempo quindi di dare un’occhiata , leggere qualcosina qui e là e poi chiudere la pagina.

Curioso anche vedere come i motori di ricerca indirizzino il traffico verso le pagine di Pontifex , in base quindi alla parola immessa :

Questo dato ci mostra che il 25% degli accessi tramite motore di ricerca avviene quando l’utente digita la parola “pontifex”. Non per essere maligni , ma a mio avviso ci sarebbe da chiedersi quanti di questi accessi al sito siano casuali , in quanto la parola “pontifex” può essere inserita i molti contesti differenti. In altri termini : se io mettessi online un sito dedicato alla chimica e nel suo nome inserissi la parola “calcio” , quanti accessi verrebbero da persone realmente interessate alla scienza e quanti da persone che invece cercano i risultati delle partite?

Ultimo ed interessante argomento è quello relativo ai siti web che riportano collegamenti a Pontifex : la lista è reperibile all’indirizzo http://www.alexa.com/site/linksin/pontifex.roma.it , presenti 182 voci. Lascio a chi ne abbia voglia la verifica di ciascun link , posso solo dire che da un esame sommario gli scritti riportanti un link a Pontifex e che sono concordi o appoggiano le idee dei nostri beniamini non credo che arrivino alla decina. Probabilmente molti di meno.

In conclusione penso si possa dire che indubbiamente Pontifex sia un sito che ha una discreta audience , ben lungi però dall’ottava meraviglia che ci vuole mostrare il nostro Campagnolo preferito : chiaro che tirare acqua al proprio mulino è umano , ma l’onestà vorrebbe che i dati numerici venissero illustrati per quelli che sono , non per quello che si vorrebbe fossero interpretandoli a proprio favore. Soprattutto considerando che chiunque può verificarne la veridicità semplicemente usufruendo degli strumenti free che la rete rende disponibili. Ma forse è chiedere troppo.

Un’ultima osservazione riguardo gli “attacchi dei numerosissimi hacker, principalmente di origine Russa ed Israeliana” : sappiamo perfettamente che comunisti ed ebrei sono la rovina dell’umanità , non è il caso di ripeterlo ogni volta. Patetico.

3 pensieri su “Statistiche e punti di vista

Rispondi a FSMosconi Annulla risposta