La verità vi farò liberi (Gv. 8,32)

Questa sera brunello si diletta in un’arrampicata sugli specchi senza alcun pudore. Usa toni pacati, pacatissimi per un sacerdote che si è tolto la vita domenica scorsa in conseguenza di uno scandalo che lo ha travolto.
Premetto che la morte di una parsona, sia essa un santo o un demone, non può lasciare indifferenti poichè è sempre un’azione definitiva e drammatica che deve suscitare in noi compassione e rispetto. Per cui per il prete suicida esprimo, come penso tutti gli amici di pontilex faranno, dolore e amarezza.
La vicenda affrontata da brunello è quella di questo prete che, ripreso dalle telecamere delle Iene mentre si approcciava in modo poi non troppo equivoco ad un ragazzo nel confessionale (era palese in suo interesse tutt’altro che spirituale), ha deciso di farla finita la scorsa domenica gettandosi sotto un treno.

Io non conosco i risvolti della vicenda dopo che le telecamere hanno abbassato i loro riflettori nè sò se da parte della diocesi ci sia stato un interessamento per aiutare questo sacerdote a superare questo difficile momento o se sia stato lasciato solo in balia di se stesso, cosa, se vera, gravemente sbagliata: di certo va condannato il peccato, ripreso il peccatore e punito secondo legge ma al tempo stesso bisogna aver stare vicino a questo disgraziato che ha commesso azioni cosi nefande per evitare che ne commetta di peggiori come è il suidicio.
Leggendo l’attacco di brunello sembra che la colpa sia solo delle Iene, che siano state loro ad attaccare attraverso imbrogli e raggiri il sacerdote spingendolo al suicidio: brunello parla esplicitamente di istigazione al suicidio.

Eppure brunello la verità non deve mai fare paura, perchè chi teme la verità non può essere nè discepolo nè figlio di colui che è la Via la Verità e la Vita.

E le Iene hanno solo detto la verità!

Tu parli di disgrazia l’avere trasmissioni come le Iene… il papa parla di grazia.
Dice infatti Benedetto XVI ai membri della Pontificia Commissione Biblica l’aprile scorso:

Adesso, sotto gli attacchi del mondo che ci parlano dei nostri peccati, vediamo che poter far penitenza e’ grazia e vediamo come sia necessario fare penitenza, riconoscere cioe’ cio’ che e’ sbagliato nella nostra vita.

Se come tu auspicavi tutte queste cose fossero passate sotto silenzio… dove sarebbe andata a finire la Chiesa? Il silenzio, il voler nascondere, mettere a tacere tutto ha creato gravi sofferenze e ferite alla Chiesa dalle quali chissà se un giorno potrà guarire.

Il prete, brunello, ha commesso un’azione sbagliata, altamente e gravemente sbagliata e fa specie che proprio tu, un paladino della Scrittura e del Magistero taci il fatto che l’azione compiuta contro il ragazzo sia una di quelle per il quale il Signore riserva parole di fuoco: meglio sarebbe stato per lui se si fosse messo una macina da mulino al collo e si fosse gettato nel fiume. Oggi parli di non essere persona adatta a giudicare e rimetti tutto nelle mani del solo Giudice… perchè non ti ricordi di fare la stessa cosa anche quando parli degli omosessuali, o degli ebrei o degli islamici? Sono questi forse meno degni di essere chiamati figli di Dio? Eppure per loro il Signore non è stato cosi duro come lo  è stato per le azioni compiute da questo prete…

Tu brunello non ti senti di condannare? Io si: io però condanno il peccato, per l’uomo lo rimetto, lui come ogni altra persona, nelle mani di Dio che nella sua misericordia è capace di “fare nuove tutte le cose”. Tu no invece: chi ti piace lo perdoni, chi non ti piace… diritto all’inferno (e senza passare dal via).

Tu brunello accusi le Iene di istigazione al suicidio: ma tu non hai mai pensato a quanti giovani omosessuali hanno pensato di farla finita (e diversi anche hanno datto seguito a questo pensiero) perchè cresciuti in una famiglia o in un ambiete che ha mentalità come le tue, brunello, che vede nell’omosessuale un’essere sempre e comunque immondo, sempre e comunque sbagliato, sempre e comunque da condannare e rinnegare?
Non ti sei mai chiesto tu quanto sia stato un istigatore al suicidio per gli avventori del tuo sito diffondendo le tue idee fanatiche ed insane fuori da ogni grazia di Dio e nettamente in contrasto con il Magistero?
Tu parli di vergogna lanciata addosso in modo volgare ed irresponsabile da una Tv pronta a mettere tutti alla gogna, preti e non, uomini e donne, colpevoli e innocenti. E se io parlassi della vergogna lanciata addosso in modo volgare ed irresponsabile da un sito, pontifex.roma, pronto a mettere tutti i gay alla gogna, uomini e donne, seri e poco seri: tu dici che la cosa ti farebbe riflettere un po’?
Il prete ha scelto il suicidio come la conseguenza di un senso di colpa per un’azione sbagliata che ha compiuto…
Il gay che tenta il suicidio lo fa in conseguenza di un senso di colpa per… per cosa brunello? perchè cerca di essere quello che è e che tu non vuoi che sia? ed è forse una colpa questo? è forse una cosa così deprecabile ed immonda amare?
Quanta ipocrisia brunello mio, quanta ipocrisia…

simone

qui brunello: http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6113-requiem-per-un-prete-una-societa-di-iene

12 pensieri su “La verità vi farò liberi (Gv. 8,32)

  1. adminadmin

    In sostanza Foxy nel suo articolo suggerisce ai molestati di non denunciare le molestie, altrimenti chissà cosa può capitare a quei poveri molestatori. Perfetto consiglio in stile mafioso. Ora comprendiamo tutto l’astio di Brunello contro Saviano!

    Rispondi
  2. Ale Cr

    OT:
    Nell’ultimo articolo di Sanzione (Buddhismo e Cristianesimo) il don ci mostra tutta la sua somma sapienza, la sua conoscenza, e gli anni e anni e anni di studi che lo rendono una fonte così autorevole e degna di fiducia.
    Scrive infatti:
    ” Gesù ebbe una vita molto tribolata e dopo tre anni circa di predicazioni durata 45 anni e coronata da grandi successi, morì vecchio, circondato dalla venerazione dei suoi monaci. ”

    Demenza senile? Vessazione demoniaca? Sovvertimento ateo-massonico-sionista-gay?!
    Aiutate quest’uomo!!!!!

    Link:
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/6109-buddhismo-e-cristianesimo
    (il passo è a 1/4 dalla fine del testo, con capoverso verso la parte destra dello schermo).

    Rispondi
      1. Gianfranco Giampietro

        Me ne sto occupando… dovrei pubblicarlo a breve. Per il momento c’è la bozza, quasi ultimata

        Ma prima ho bisogno di fare una lunga meditazione, possibilmente in un letto, sotto le coperte e russando 😉

        Appena torno dal letargo meditativo, un poco più lucido, passo alla pubblicazione 🙂

        Rispondi
    1. Fabio

      Visto.
      O ha saltato una riga oppure ha scoperto quel “PICCOLO” errore nel Vangelo di Luca e sta cercando di far quadrare i conti ;-)))

      Rispondi
    2. FSMosconiFSMosconi

      @Ale CR

      BWAHAHAHAHAHAHAHAHA!
      Quanto ci scommetti che ha letto e/o fatto copia-incolla quelle cose da Wiki semza neanche sforzarsi di capire? 😉
      E poi, mio caro Sanz(i)one, dove li metti quegli aneddoti tanto simil-cristiani arrivati in Grecia (ad es. la storia del demone Mara…)? 🙂

      Rispondi
  3. Diego

    Tu brunello accusi le Iene di istigazione al suicidio: ma tu non hai mai pensato a quanti giovani omosessuali hanno pensato di farla finita (e diversi anche hanno datto seguito a questo pensiero) perchè cresciuti in una famiglia o in un ambiete che ha mentalità come le tue, brunello, che vede nell’omosessuale un’essere sempre e comunque immondo, sempre e comunque sbagliato, sempre e comunque da condannare e rinnegare?

    Mi è tornato alla mente il film “Preghiera per Bobby”. La perfidia e la malvagità di queste persone che predicano amore e pace è veramente senza fondo.

    Rispondi
  4. diegopig

    E’ curioso come questi personaggi tuonino contro il “relativismo morale” e poi sono i primi ad applicarlo.

    Ma è chiaro, ormai, che la coerenza non è l’unica cosa di cui deficitano i nostri amici.

    PS: Avete visto il fottìo di commenti che sono fioccati agli articoli di Pontifex?
    Io ne ho contati ben…. zero a pagina 1, zero a pagina 2, zero a pagina 3, zero a pagina 4 e poi, finalmente, TRE COMMENTI TRE a pagina 5.

    (Però i due commenti indicati all’articolo “Il Diavolo e gli omosessuali” non si vedono….)

    Rispondi

Rispondi